top trasparente                                           top trasparente

banner superbasket 25

basketcoach basketball store sito allenatori basket

Nella notte della” Befana” la NCAA non si ferma e vengono disputate 8 partite. 
Pubblicato in Estero

 

Come previsto primi aggiustamenti al roster da parte della Vanoli Cremona. Classe 1986 alto 1.93, Paul Harris, tre anni a Syracuse University e una ricca esperienza da giocatore professionista in D-League, nelle Filippine, in Francia e in Turchia prenderà il posto di Omar Thomas, momentaneamente messo fuori squadra. L’ex Sassari, Avellino e Brindisi continuerà ad allenarsi individualmente in attesa di trovare una sistemazione -ci sono interessamenti da parte di Mantova e Imola, entrambe le squadre in serie A2- salvo ulteriori novità a Cremona, dove si valuta la posizione di Gabe York che avrebbe chiesto di uscire dal contratto per problemi di adattamento.

Ecco trenta cose che pochi sanno di Paul Harris.

  1. E’ nato a Niagara Falls, città nello stato di New York, alla frontiera fra Usae Canada. Al di là del ponte sul fiume Niagara che fa da confine, c'è la città gemella di Niagara Falls, Ontario, Canada
  2. Fa parte di una famiglia composta da tre fratelli. La mamma, single, ha dovuto crescerli e mantenerli da sola.
  3. Harris ha un figlio di 13 anni, avuto quando era ancora minorenne: si chiama Paul III
  4. Al liceo è stato uno dei giovani piu’ talentuosi e interessanti degli Usa. Tantissimi i trofei vinti, vanta l'inserimento nella Top 11 da parte di Usa Today dei prospetti più futuribili in America
  5. Il suo allenatore al liceo Dan Bazzani è stato nominato coach dell’anno da Usa Today
  6. Ha giocato assieme a Kevin Durant in una selezione composta dai giovani americani più promettenti
  7. E’ stato in carcere per 13 giorni a Lockport County, nel 2003, per possesso di cocaina e crack a 16 anni con l’accusa di spaccio. Ha scontato 5 anni di libertà vigilata.
  8. E’ stato anche accusato di aggressione di terzo grado a seguito di una lite con la sua fidanzata, nel 2004. Ha frequentato volontariamente un programma di gestione della rabbia per 15 settimane. In seguito le accuse sono state ritirate.
  9. Ha giocato contro Dwight Howard in un camp estivo nel 2003 riservato ai giocatori del liceo, annullandolo completamente nonostante gli oltre 20 cm di differenza
  10. In un altro camp, nel 2005, costrinse a soli due punti la futura star Nba OJ Mayo, in quella che ancora oggi viene chiamata la “OJ Mayo Game”
  11. Ha frequentato il liceo per cinque anni. Le persone vicine a lui gli hanno consigliato di passare subito tra i professionisti e provare la NBA per aiutare economicamente la sua famiglia, ma lui ha scelto il college.
  12. E’ stato il primo nella sua famiglia a frequentare l'università, Syracuse University, lo stesso di James Southerland e di Carmelo Anthony
  13. Al college ha esordito con una doppia doppia, il primo sette anni dopo Carmelo Anthony, per questo è stato considerato dai tifosi degli Orange l’erede naturale di Melo.
  14. Grande capacità di andare a rimbalzo, è una delle qualità in cui eccelle maggiormente. Ala, ma può ricoprire anche il ruolo di guardia, dunque è un 2-3. Ha un fisico asciutto, dotato di grande atletismo e un’impressionante apertura di braccia. La difesa è l’altra sua peculiarità più importante. Molto forte sin da giovane nella difesa uno contro uno, al college ha fatto fatica ad adattarsi alla difesa a zona studiata da coach Jim Boeheim
  15. E' stato compagno di squadra e grande amico sin dai tempi del liceo di Johnny Flynn, ex Capo d’Orlando. Con Syracuse ha giocato anche con Kris Joseph, attualmente a Brindisi -in sostanza era il suo cambio- e con Andy Rautins, ex Varese
  16. Non nasce come tiratore puro. Anzi, ha dovuto costruirsi il tiro con il tempo, in particolare ha lavorato molto l’estate successiva al suo terzo anno di college assieme a coach Tim Sullivan. Ha dovuto migliorare molto anche il suo movimento senza palla perché al liceo era abituato ad avere sempre la palla in mano
  17. Le parole dell’assistente coach di Syracuse Mike Hopkins: “Melo potrebbe segnare 50 punti e Harris appena 2 punti, ma sono entrami dei vincenti. Paul non è mai stato un tiratore: potrebbe giocare una partita e tirare 0-15 da tre. Ma quando arriva il momento decisivo, quel tiro state sicuri che lo segnerà”.
  18. Durante la sua visita ufficiale a Syracuse, Hopkins ha portato il ragazzo al centro commerciale. La prima cosa che ha fatto Harris è stato entrare in un negozio di giocattoli per comprare un giocattolo al figlio di Hopkins.
  19. Non ha finito gli studi, ha lasciato l’università dopo il terzo anno cercando subito un ingaggio anche per poter mantenere la sua famiglia.
  20. Mai scelto dalla Nba, ha disputato la Summer League con i Minnesota Timberwolves. E’ stato invitato anche dagli Utah Jazz per un camp estivo a cui non ha potuto partecipare causa infortunio
  21. Il Director of Player Development dei Dallas Mavericks Mike Procopio lo ha paragonato a Tony Allen e Deshawn Stevenson per la sua attitudine difensiva.
  22. E’ stato compagno di squadra di Kenny Hayes, alla Vanoli due anni fa, con i Maine Red Claws in D-League
  23. E’ stato uno dei migliori giocatori della Lega di sviluppo con medie molto vicine alla doppia doppia. Il suo allenatore, Austin Ainge, lo ha tolto dal quintetto riducendogli il minutaggio perché, a suo dire, non si impegnava in difesa. Questo sarebbe il motivo per cui Harris ha abbandonato gli States per volare nelle Filippine, diventate la sua seconda casa, il cui campionato, la PBA, è il secondo più antico campionato di basket professionista nel mondo dopo la NBA
  24. La sua squadra del cuore sono i Talk N Text Tropang Texters, dove ha giocato per tre estati.
  25. Nelle Filippine ha ottenuto uno stipendio notevolmente superiore rispetto a quello che percepiva in D-League grazie anche al suo agente Kenny Grant, compresa una casa con due camere da letto, una cameriera, una macchina con autista e un biglietto aereo in più per lo zio che lo ha seguito nelle prime due settimane. Senza la cameriera, secondo i siti americani, Harris non si sarebbe mosso dagli States.
  26. Harris ha viaggiato in tutto il mondo nella sua carriera da professionista: ha giocato in cinque diversi paesi in tre continenti differenti: Europa, Asia e naturalmente Nord America. Ha giocato in in Francia al Gravelines-Dunkerque e nello SLUC Nancy e in Turchia al Gaziantep e al Muratbey Usak Sportif.
  27. Dal 2010 al 2013  e dal 2013 al 2016 non si è mai fermato, giocando due campionati ogni anno e mettendo a dura prova il suo fisico, che però non ha mai dato segni di cedimento
  28. Il suo agente Kenny Grant ha raccontato che l’anno con il Gaziantep è stato il più difficile per Harris, molto preoccupato per la vicinanza della città della squadra alla Siria.
  29. La scorsa estate, con la  maglia del Barangay Ginevra San Miguel, Filippine, si è fratturato un pollice durante una partita, infortunio che lo ha costretto a saltare il resto della stagione, ed è stato sostituito dall’ex Brescia Justin Brownlee
  30. Si è recentemente sposato con Jihanna, a ridosso della festa di indipendenza americana (4 luglio).

Giacomo Iacomino

Pubblicato in Lega A

la storia degli europei di pallacanestro

playersprofile

Cerca

SB COP FB 27

aquista ebook basketcoach

TOP100 2016 300bn

editoriale direttore basketnet

basketcoach website link

Le news del giorno

Prev Next