top trasparente                                           top trasparente

banner superbasket 25

banner1

Mitchell Watt ha fretta di iniziare la sua nuova avventura con la Reyer Venezia, tanto che ieri l'ex centro della Juve Caserta è atterrato all'aeroporto Marco Polo di Tessera con due giorni d'anticipo rispetto ai compagni di squadra, attesi quasi tutti domani per la distribuzione del materiale e il primo "faccia a faccia" con il presidente Casarin e lo staff tecnico.

Prima le visite mediche, poi le prime corse ed esercizi nelle palestre della Sisport: la stagione della Fiat Torino, agli ordini di coach Banchi, è cominciata così; due giorni in città, poi oggi il trasferimento a Sauze d'Oulx per la prima parte vera del ritiro attendendo ancora chi manca per problemi diversi, come Scott, Jones e Mbakwe. Anche per questo sono stati aggregati alla Prima Squadra sia Marcello Crusca, guardia classe '96 (un passato tra Domodossola, Borgomanero, Oleggio e ancora Ravenna con la quale ha sfiorato la promozione in Serie A), ma anche tre giovani dell'organico della Serie C Gold del CusTorino, ossia Manuel Di Matteo, Andrea Fantolino e Amedeo liberti.

Fonte: La Stampa

Aria di tempesta in casa FIAT Torino, dopo alcune dichiarazioni apparse sul quotidiano La Stampa da parte di Coach Luca Banchi. Il mercato fatto a suo insaputa e una condizione scomodissima potrebbero portare a nuove evoluzioni nel sodalizio piemontese. Queste le parole di Banchi:

"All'inizio tutto è andato bene e le scelte sono state condivise. Non posso dire lo stesso sulla parte restante del mercato. Alcuni ingaggi sono stati fatti a insaputa, scavalcandomi completamente. E' stato frustrante, una cosa che non mi era mai capitata in carriera. Io esigo rispetto dei ruoli e a causa di queste scelte si è venuta a creare una situazione di tensione forte, che mi ha spinto anche a pensare ad ipotesi drastiche, pur di vedere rispettata la mia dignità'."

E' iniziata ufficialmente ieri la nuova stagione della New Basket Brindisi.
Il nuovo coach Sandro Dell'Agnello ha così potuto iniziare a lavorare con il gruppo a sua disposizione. Sono 6 i nuovi volti in casa Brindisi, ovvero Marco Giuri (play/guardia), Anthony 'Cat' Barber (play), Scott Suggs (ala), Milenko Tepic (ala) e Georgi Sirakov (play/guardia) mentre 3 i giocatori confermati dalla passata stagione: Marco Cardillo, Daniel Donzelli e Blaz Mesicek.
All'appello mancano Obie Oleka e i due lunghi che completeranno il roster bianco-azzurro. Il lungo Nigeriano arriverà a Brindisi entro il 22 Agosto a causa di qualche problema nel ritirare il visto presso il Consolato di Washington. Mentre per l'ala forte e il centro il club di Contrada Masseriola continua a monitorare il mercato.

Il GM Alessandro Giuliani ha dichiarato di non avere particolare fretta a chiudere il roster: "Stiamo ancora lavorando sugli ultimi due lunghi da mettere nel quintetto. Non abbiamo nessuna fretta perchè vogliamo avere gli incastri giusti. Dovranno avere caratteristiche tecniche, economiche e anche di passaporto adatte a noi e al gruppo che stiamo formando. Abbiamo delle idee ma non vogliamo prendere un giocatore giusto per prendere e poi sbagliare gli incastri. Si aggregheranno a breve due lunghi che sono Leonardo Marini e Nikolai Vangelov"

Proprie in queste ore però pare che la New Basket Brindisi avrebbe trovato un accordo con il centro Cady Lalanne. Il giocatore, classe 1992, nato a Port-au-Prince (Haiti, quindi con status di cotonou), nel Draft NBA 2015 fu selezionato dai San Antonio Spurs alla 55° chiamata. Nell'ultima stagione Lalanne ha giocato in Porto Rico e Cina mentre in estate ha partecipato alla NBA Summer League proprio con gli Spurs.

"Non sono qui per promettervi le vittorie. Anzi, sappiate che le sconfitte arriveranno. Ma su una cosa posso garantire: non uscirete mai da qui delusi." La voce di Attilio Caja graffia il cuore delle cinquecento persone che ieri erano al Lino Oldrini ad assistere alla presentazione della Pallacanestro Varese. Parole toccanti nel profondo:

Eccola la New Basket Brindisi edizione 2017/2018, magari ancora priva di un paio di elementi (la dirigenza pugliese rimane sempre sul mercato dando la caccia ad un'ala grande a ad un pivot), ma con tanta voglia di fare bene. Ieri è stato il primo, vero, primo giorno di ritiro: al mattino le visite mediche di idoneità sportiva per i neo biancazzurri, arrivati in città nella giornata di mercoledì, quindi nel pomeriggio il via ufficiale alla preparazione della nuova stagione, quando staff tecnico e giocatori si sono ritrovati per iniziare a lavorare con una primissima seduta atletica che ha visto protagonisti i giocatori a disposizione di coach Sandro Dell'Agnello.

Oltre mille tifosi sono accorsi al raduno della Virtus Bologna, targata Segafredo, che ieri ha iniziato la preparazione senza Aradori, impegnato con la Nazionale, e l'Usa Slaughter, in attesa del visto in America, mentre Lafayette, atterrato nel pomeriggio, è arrivato in palestra ad allenamento iniziato. Cori e applausi per tutti, con Ale Gentile tra i più acclamati: "La Virtus vuole tornare protagonista" - ha detto l'ex capitano di Milano - " io voglio tornare a divertirmi giocando a basket."

 

Simone Pianigiani si presenta come nuovo coach dell'EA7 Milano nel giorno del primo allenamento con un video che il club, 27 volte campione d'Italia, pubblica sui propri canali social:

"C'è un grande senso di responsabilità e di motivazione" - le prime parole di Pianigiani nella sua nuova veste - "nell'essere il nuovo allenatore dell'Olimpia Milano. La società ha un grande progetto europeo con alle spalle una storia importante che non deve essere dimenticata. Ho un grande rapporto con Dan Peterson, sono cresciuto sui suoi libri di basket e ho visto la sua Olimpia combattente. Noi dobbiamo portale in campo lo spirito di chi ci ha preceduto in questa storia gloriosa per costruire un futuro altrettanto importante."

 

La Germani Leonessa riparte ad oltre tre mesi (era il 7 maggio) dall'ultima partita contro Pistoia che non portò i play off, ma comunque un decimo posto che è il secondo miglior risultato nella storia della pallacanestro bresciana. Se l'anno scorso tutto quello che veniva, a partire dal penultimo posto in su, andava bene, perché dopo essere tornati in serie A a 28 anni di distanza già la salvezza era come vincere lo scudetto, adesso la società chiede un salto di qualità, e per farlo si è attrezzata a dovere, costruendo un roster dove magari non sono stati centrati proprio tutti gli obiettivi, ma che è certamente più ambizioso e competitivo di quello della scorsa stagione.

Un colpo al cuore del basket canturino : gli interni del Pianella di Cucciago sono stati devastati. Un raid in piena regola, messo in atto nella notte di Ferragosto da uno o più vandali equipaggiati di arnesi e martelli; hanno distrutto tutto ciò che hanno incontrato nella loro folle incursione: arredi, strutture, cimeli sportivi. Hanno rubato tute e maglie. Non hanno risparmiato nemmeno le coppe:

Federico Mussini, nuovo giocatore della Grissin Bon Reggio Emilia, ha ricevuto tanto calore dai tifosi reggiani, che non vedevano l'ora di riabbracciare uno dei grandi talenti usciti dal settore giovanile biancorosso per approdare prima in NCAA e, ora, con un molo da protagonista assoluto nella nuova Pallacanestro Reggiana:

Ha fisico (è 1.95 cm) e testa, e da lui dipenderà la stagione di Torino: a 29 anni è una stagione chiave anche per Diante Garrett, figlio di Eldo detto "Dick" prò Nba dal 1969 al 1974, uno dei moltissimi acquisti della Fiat Torino di questa Estate, intenzionata a costruire un roster che sia in grado di competere sia nel campionato italiano, con l'obiettivo playoff, sia in ambito europeo, con la favolosa opportunità di partecipare all'Eurocup:

La Vanoli ha raggiunto un accordo fino al 30 giugno 2018 con il 27enne pivot Henry Sims, 208 cm per 110 kg, che vanta un passato con 135 gare in Nba e nell'ultima stagione ha giocato in Cina con gli Shanxi Brave Dragons e in D-League con i Salt Lake City Stars. Sims vestirà la maglia numero 14 della Vanoli Basket: nato il 27 marzo del 1990 a Baltimore, Maryland, Sims si mette in luce alla Mount Saint Joseph High School, viaggiando nel suo ultimo anno a 19 punti e 13 rimbalzi di media. Sceglie Georgetown, college famoso per la propria tradizione di centri (Patrick Ewfng, Alonzo Mourning su tutti) e, dopo aver passato i primi anni di apprendistato dietro a Greg Monroe, nel suo anno da senior dimostra tutte le potenzialità, segnando 11.6 punti con 6 rimbalzi e 3.5 assist di media e venendo incluso nel terzo quintetto ideale della Big East.

Un entusiasmo da ritrovare, anche se potrebbero bastare poche partite per far capire al pubblico reggiano che anche la "nuova" Grissin Bon potrebbe ripetere i grandi risultati delle ultime stagioni, escludendo quella conclusasi lo scorso mese di maggio. E' stata come di consueto la splendida cornice del CERE ad accogliere il primo ritiro della Pallacanestro Reggiana, con il raduno che ha visto il vice presidente Ivan Paterlini rilanciare il progetto biancorosso, uscendo anche un pò fuori dagli schemi: "Abbiamo grandi ambizioni, a maggior ragione col ritorno in Europa". L'amministratore delegato, Alessandro Dalla Salda, ci ha tenuto a sottolineare come il progetto "riparta da giovani e da idee, con la consapevolezza di poter fare bene", anche se la sensazione chiara è che sarà complicato ripetersi ai massimi livelli con un budget comunque ridotto. Quella di Mercoledì è stata soprattutto la giornata di Max Menetti, del condottiero che dovrà inventarsi una Grissin Bon ancor più sbarazzina e garibaldina rispetto al passato, magari con qualche mezzo in meno, ma le idee ben chiare in testa:

La The Flexx Pistoia si avvia a partecipare alla sua quinta avventura consecutiva in Serie A con la voglia di continuare a stupire, con Vincenzo Esposito come condottiero in panchina. Ed è proprio il Coach biancorosso a tracciare le prime linee guida della nuova stagione, un campionato che inizierà decisamente più tardi per Pistoia e che in tre giorni dovrà giocare a Capo d'Orlando e poi ospitare Brindisi in casa:

Gli impegni europei e la settima stagione di serie A valgono qualche giorno di vacanza in meno per l'Orlandina Basket, che per la terza annata si è radunata Mercoledì presso il Country Resort Borgo Abacena di Tripi dove i giocatori convocati sono arrivati alla spicciolata sostenendo nel pomeriggio i test atletici. Da oggi via ai primi allenamenti al palasport di Patti alternati a sedute in piscina in collina prima dello scrimmage del PalaCus di Catania contro la formazione della University of Massachusetts, militante nella Division 1 dell'NCAA.

Da ieri la Fiat Torino ha cominciato a fare sul serio; alle 12,30, in via dell'Arcivescovado 18, in un hotel nel cuore di Torino, c'è stato il primo incontro per la squadra del nuovo coach Luca Banchi. Scatta così la stagione dei sogni per i giocatori e i tifosi dell'Auxilium, una stagione impegnativa tra Europa e campionato di serie A, una stagione che nella sua prima parte sarà molto intensa. L'inizio del campionato è fissato per domenica 1° ottobre a Brindisi e già mercoledì 11, tre giorni dopo l'esordio al PalaRuffini contro il Banco di Sardegna Sassari, scatterà anche la prima fase a raggruppamenti di EuroCup.

Venerdì, 18 Agosto 2017 10:04

ARIO COSTA: "SE PREFERITE CE NE ANDIAMO"

Nella giornata di Martedì è atterrato all'aeroporto di Bologna il nuovo acquisto della Vuelle Pesaro: l'ala Zak Irvin. L'americano, sbarcato con la fidanzata, è arrivato però senza bagagli, smarriti e poi recapitati all'Hotel Ambassador di Pesaro nella giornata di ieri. Il 20 di Agosto sarà presente al raduno di Pesaro come tutti gli altri gli altri giocatori. Nel frattempo il presidente Ario Costa ha voluto fare il punto sulla situazione degli abbonamenti e sul poco supporto di alcuni tifosi, rilasciando alcune dichiarazioni tramite l'ufficio stampa della Vuelle:

E' iniziata ieri l'avventura da capo allenatore dell'Olimpia Milano di Simone Pianigiani e delle "scarpette rosse" intenzionate a riprendersi il tricolore. Concentrati sul lavoro e a porte chiuse, è stato così il primo giorno di raduno dei nuovi biancorossi agli ordini di coach Pianigiani. Il 23 agosto ci sarà la prima sgambata con uno "scrimmage" interno con Treviglio, mentre la prima amichevole sarà sabato 26 agosto (ore 19) a Castelletto Ticino contro Casale Monferrato di A2 con il gruppo che sarà rimpolpato per la seconda parte del ritiro dall'ex veneziano Ben Ortner e l'ex play del Partizan Belgrado Branislav Ratkovica. Amichevole di lusso mercoledì 13 settembre (ore 20) al PalaBancoDesio con il Khimki Mosca, nuovo avversario di Eurolega. Sarà una vera e propria presentazione della squadra con un ingresso gratuito.

E' una Dolomiti Energia a ranghi ridotti quella che stamani mattina si è radunata al PalaTrento per iniziare la preparazione in vista della sua quarta stagione in serie A e della sua seconda avventura in Eurocup. Lo staff guidato da coach Maurizio Buscaglia, che quest'anno, oltre che su Vincenzo Cavazzana, Davide Dusmet e Christian Verona potrà contare anche sull'esperienza di Lele Molin, ha iniziato il ritiro con soli sette elementi, in attesa che si uniscano al gruppo anche i giocatori di rientro dagli impegni con le rispettive nazionali.

Dal Resto el Carlino un'interessante passaggio di coach Menetti sul futuro della squadra, ma soprattutto sul rapporto con Amedeo Della Valle:

«Quella che provo è un'emozione nuova -confessa il coach-: l'idea di fondo e la filosofia sono le stesse, ma le facce sono quasi tutte nuove perciò ringrazio i ragazzi che hanno accettato questa sfida ben consapevoli che sarà difficile. Avrò bisogno di energia e della loro sana follia, cercherò di plasmare una squadra garibaldina attorno ai nostri capisaldi della continuità che sono Cervi e Della Valle».

Amedeo Della Valle

«Non ci sono stati screzi fra me e lui, sono molto grato ad Amedeo per quello che ha fatto fin qui e per i miglioramenti che abbiamo fatto insieme. Sottolineo che non è una conferma, quella di Della Valle, ma una normale prosecuzione di un contratto in essere che scade nel 2019: non c'è nessun caso». 

Al Toto Caimi, Jaime Smith spunta dal tunnel, fisico da ragioniere, camminata composta, aria un po’ stanca. Forse perché le ultime 24 ore tra visite mediche, allenamenti e primi contatti con la realtà canturina, non ha ancora avuto il tempo di rifiatare, di riposare e smaltire il jet lag accumulato. E’ sbarcato quindi in Italia il regista che guiderà il quintetto brianzolo nella prossima stagione e, a dispetto di una statura non generosa(190 cm), il neo arrivato biancoblu pare avere le idee chiare, anche perché ha già avuto molte dritte sul campionato da qualcuno che lo conosce bene... “Mio fratello Joe Troy – esordisce Smith – ha giocato qui in Italia e io a quei tempi lo seguivo attentamente. Avevo solo 16 anni ma non appena riuscivo, seguivo le sue partite e un giorno proprio lui mi disse che avrei giocato anche io in Italia. Ecco, quel giorno è arrivato e non posso che essere stramotivato”. E poi... “E poi mi ha spiegato che qui il campionato- continua- è di buonissimo livello, il tifo è caldo. Insomma da quello che mi ha raccontato, direi che questa nuova esperienza ha tutti i presupposti per essere ottima”. La squadra però è quasi tutta nuova e ci sarà tanto da lavorare per trovare la giusta chimica. “Quello del lavoro è presupposto fondamentale in ogni stagione, oltre ovviamente al feeling sul campo che dovremo trovare. Se giocheremo insieme, nessun traguardo ci sarà precluso, dovremo lavorare duro ma io sono fiducioso perché siamo un buon gruppo”. Reduce da una grande stagione in Ucraina, con il BC Khimik Yuhzny, con cui ha disputato anche la Fiba Champions League affermandosi come secondo top scorer della competizione con 17,6 punti di media a match a cui ha aggiunto 2,7 rimbalzi e 4,6 assist di media a partita, lei si definirebbe un play che... “Si adatta alle situazioni,-continua- se i compagni sono in gas preferisco farli giocare, se invece ce n’è bisogno, sono un giocatore che ha punti nelle mani, penso infatti di avere un buon tiro sia da fuori che dall’arco. Un playmaker versatile potrei dire”. Pronto quindi per questa nuova esperienza? “Direi di sì, la competizione è tutto e sono proprio entusiasta, non vedo l’ora di mettermi alla prova”.
Intanto è atteso per sabato l’arrivo dell’ala piccola titolare Jeremy Chappell, mentre dovrebbero unirsi la prossima settimana al resto della truppa, sia Randy Culpepper che Charles Thomas.
Laura Maiorano

Valerio Bianchini controcorrente: la scelta dell'Olimpia Milano di iniziare la preparazione a porte chiuso lo trova perfettamente d'accordo. Questo il suo punto di vista da Facebook:


"Concordo perfettamente con le squadre che fanno la preparazione a porte chiuse. Devono creare aspettative nei tifosi e lavorare in concentrazione e tranquillità. Ma al termine della preparazione in palestra organizzerei uno scrimmage tra gli elementi della squadra stessa divisi in 2 formazioni aperto ai tifosi desiderosi di conoscere la nuova squadra. Molto meglio delle penose prime amichevoli contro squadre inferiori e impreparate."

Giovedì, 17 Agosto 2017 06:15

Reggio Emilia ingaggia un'ala estone

Reggio Emilia piazza un altro colpo sul mercato: trattasi dell'ala estone Siim-Sander Vene, del 1990, un vincente che annovera nella propria bacheca personale tre campionati lituani, uno lettone e due Coppa di Lituania.


L'ultima stagione ha militato nelle file dei russi del Nyzhny Novgorod con cui ha disputato anche l'Eurocup viaggiando a 10.6 punti, 3.9 rimbalzi e 1.9 assist a partita, con il 37% da oltre l'arco dei tre punti.

La delinquenza che sfregia la storia. Nella notte dei vandali si sono introdotti nella casa del basket canturina, il Pianella, rubando computer e felpe e devastando quello che hanno trovato sulla loro strada. Diverse coppe distrutte sono una ferita che non può lasciare indifferenti. 

Giovedì, 17 Agosto 2017 05:16

La Pallacanestro Cantù ha il suo playmaker

Subito un nuovo arrivo all’indomani della ripresa degli allenamenti per la Pallacanestro Cantù, che quest’oggi ha accolto il suo nuovo playmaker titolare Jaime Smith(190 cm per 83 kg, classe 1989). Con un volo diretto da Miami infatti, il regista nativo dell’Alabama, è atterrato nella tarda mattinata di oggi all’aeroporto di Malpensa e dopo un po’ di riposo e un pranzo veloce, ha dedicato il pomeriggio alle consuete visite mediche. Ha raggiunto poi i compagni al Toto Caimi per prendere confidenza col campo, avere i primi contatti con la squadra biancoblu ed effettuare alcuni test atletici agli ordini del preparatore atletico Oscar Pedretti. Già domani si unirà al resto del gruppo per gli allenamenti, in attesa che il mosaico biancoblu prenda sempre più forma.
Laura Maiorano

Le vacanze sono oramai agli sgoccioli, appena un paio di giorni e poi la New Basket Brindisi comincierò a lavorare sodo in palestra; il countdown per l'inizio della nuova stagione è già cominciato. Da giovedì Brindisi comincerà a fare sul serio per preparare il sesto campionato di fila nella massima serie di basket: squadra e staff tecnico, infatti, si ritroveranno giovedì per cominciare la preparazione in vista della nuova stagione agonistica. Dopo aver completato le visite mediche previste nelle prossime ore, i componenti del roster, assieme allo staff tecnico, si raduneranno in sede per dare il là all'avventura. All'appello mancano ancora due pedine, due tasselli da inserire nello scacchiere per completare del tutto il roster che dal prossimo 1 ottobre disputerà il campionato di Serie A.

Pablo Bertone si è ormai ambientato in città e al vecchio Palas, mentre oggi arriverà l'ala Zak Irvin, che prenderà confidenza con il nuovo appartamento ma poi andrà in gita con la fidanzata per qualche giorno. Non è prevista nessuna seduta anticipata, dato che il giocatore inizierà a svolgere le visite mediche assieme agli altri stranieri dal 21 agosto. La convocazione, per lui e per gli altri, è quella del 20 Agosto in sede, poi il 23 Pesaro partirà con gli allenamenti e il 27 andrà in ritiro a Borgo Pace e Lamoli, con alcuni giovani del vivaio. Gli investimenti sono importanti, ci si punta molto e in questi giorni la società sta chiudendo un accordo con un altro ragazzo di fuori Pesaro. Il 23 agosto sarà anche il giorno in cui i tifosi pesaresi potranno iniziare ad abbonarsi: c'è stata una vera e propria richiesta d'aiuto del club, che ha inserito nella tessera solo 14 partite chiedendo uno sforzo ulteriore ai suoi tifosi. Il presidente Costa, in conferenza, aveva inoltre spiegato: "Con il Comune c'è una ottima collaborazione, a 360 gradi. Cerchiamo di portare a casa delle agevolazioni, in termini di Adriatic Arena o altre opportunità. La Vuelle contribuisce a far conoscere il nome di Pesaro nel mondo, è un vantaggio che diamo anche al Comune."

Intanto, continua l'estate azzurra di tre pesaresi (più il dottor Piero Benelli, impegnato con il volley): i play Daniel Hackett e Andrea Cinciarini e il preparatore Matteo Panichi sono pronti per l'appuntamento clou. Mancano due tagli per arrivare ai 12 uomini per gli Europei di Tel Aviv e si spera di Istanbul. L'Italia tornerà a radunarsi domani a Roma, il 17 si trasferirà a Tolosa per il primo dei due tornei all'estero. Dal 23 i ragazzi di Messina saranno ad Atene. Il 31 si comincia con Eurobasket, con il match contro i padroni di casa di Israele.

La storia, il fascino, la potenza, il prestigio riuniti a Vicenza in una serata che si preannuncia magica e internazionale: i tifosi della Reyer Venezia non dovranno prendere per martedì 19 settembre, quando il palazzetto dello sport di via Goldoni a Vicenza sarà teatro di una sfida dalle mille emozioni. I campioni d'Italia della Reyer Venezia affronteranno in una sfida amichevole i campioni di Slovacchia dell'Inter Bratislava, vincitori di 7 titoli nazionali (4 campionati cecoslovacchi e 3 slovacchi) più 4 Coppe di Slovacchia. Il regista dell'evento è Vittorio Gastaldello che da un po' stava lavorando alla sua realizzazione e nelle prossime settimane procederà, con la collaborazione di altre persone, all'allestimento della speciale serata: un'occasione, per tanti vicentini (e non solo), adulti e giovani, di applaudire la squadra orogranata capace di vincere quest'anno il terzo titolo tricolore della propria storia, dopo un'attesa lunga 74 anni, battendo Trento in Gara 6. Anche Vicenza, con la sua schiera di appassionati, riuscirà a tributare un lungo applauso alla squadra che ha fatto innamorare tanta gente per la sua storia, i suoi colori, i campioni che hanno vestito la maglia orogranata e quelle origini un po' speciali. Per il capo allenatore Walter De Raffaele e i suoi ragazzi (il roster per la prossima stagione è stato completato con l'arrivo della guardia/ala statunitense Dominique Johnson), Vicenza rappresenterà una simpatica passerella prima degli appuntamenti importanti, come la Supercoppa Italiana.

 

A tre giorni dal raduno (ore 18 alla palestra Porelli) e una settimana dopo lo stop a Lawal, la Virtus aggiunge al suo roster il centro titolare mancante. Sarà Marcus Slaughter a ricoprire questo ruolo, inizialmente previsto per l'ex campione d'Italia con Sassari prima che le visite mediche lo bocciassero. La trattativa è nata nel fine settimana, sabato si è cominciato ad imbastire il discorso con il procuratore dell'americano Matteo Comellini e nella notte fra domenica e lunedì si è giunti a un accordo. La Virtus ha infatti dovuto fronteggiare la concorrenza del Galatasaray, che aveva messo gli occhi sul giocatore per trattenerlo in Turchia dove ha giocato nelle ultime due stagioni con il Darussafaka. Averlo strappato a una squadra così prestigiosa testimonia quanto il nuovo corso bianconero abbia credibilità e solidità.

InizioIndietro12345678910AvantiFine
Pagina 1 di 165

right

la storia degli europei di pallacanestro

mental2

playersprofile

copertina

Cerca

superbasket

aquista ebook basketcoach

TOP100 2016 300bn

basketcoach website link

Le news del giorno

Prev Next

logo

 

 

 

 

DMC Firewall is a Joomla Security extension!