top trasparente                                           top trasparente

banner superbasket 25

basketcoach basketball store sito allenatori basket

Lunedì, 11 Luglio 2016 15:51

Milano cerca un play Usa e un pivot europeo

Prende forma la nuova Olimpia Milano 2016-17 che ora si metterà alla ricerca di un play di altissimo valore, probabilmente extracomunitario, e di un lungo comunitario, dopo aver di fatto chiuso nelle ultime ore il folto reparto esterni prima con gli annunci del 27enne sloveno Zoran Dragic e del futuribile talento 21enne Simone Fontecchio, quindi con l’estensione del contratto fino al 2018 di Kruno Simon e a seguire con la scelta di Alessandro Gentile di non esercitare l’escape dal contratto vigente, scelta che ha sostanzialmente portato all’uscita di Bruno Cerella che ha salutato i tifosi con una lettera toccante.
Ai nomi elencati va poi aggiunto l’ex capitano canturino Awudu Abass, atleta di grande impatto fisico, che giostrerà da 3 e probabilmente da 4 tattico in alternativa all’altro nuovo acquisto, il 26enne friulano Davide Pascolo, reduce da due stagioni a 12 punti di media a Trento, e al doppio mvp delle finali scudetto-Coppa Italia, Rakim Sanders, che coach Jasmin Repesa continuerà ad utilizzare anche da 4 nonostante i suoi soli 193 centimetri.

Nel reparto ali alte resta da sciogliere l’incognita legata a Milan Macvan: il serbo è sotto contratto, veniva dato come sicuro partente intorno a fine giugno ma adesso pare più concreta la possibilità che resti. Del resto l’ex Partizan ha fatto bene nella prima parte di stagione, poi è calato fisicamente, non ha grande atletismo ma ha dimostrato solidità a rimbalzo e in difesa si fa sentire.
Se restasse Macvan a quel punto l’Olimpia dovrebbe concentrarsi solo sugli ultimi due tasselli, probabilmente i più difficili e delicati da incastrare: l’asse play-pivot. In cabina di regia ci sono i confermati Andrea Cinciarini e Mantas Kalnietis, con quest’ultimo che verrà impiegato anche da guardia per sfruttare il suo atletismo. Ma l’EA7 cerca un direttore d’orchestra che sia il ‘titolare’ e per questo la società biancorossa è pronta anche ad un investimento importante: probabile che il prescelto sia un extracomunitario, che andrà a occupare il terzo visto (con gli altri due presi da Sanders e McLean). Il lungo invece sarà di scuola slava/baltica, un giocatore che garantisca centimetri, solidità fisica e intelligenza tattica, con buoni fondamentali e collaudata esperienza a livello europeo.  

Poi ovviamente ci sarà Jamel McLean, più quattro che cinque, giocatore che assicura verticalità e ha convinto Repesa per l’energia e la concentrazione che non fa mancare, oltre che per i miglioramenti compiuti (basti pensare ai liberi) nel corso della stagione, e un terzo lungo comunitario che ruoterebbe nel turn over e avrebbe più spazio in campionato.
Il 19enne La Torre, di rientro dalla A2, dovrebbe completare il roster che potrebbe essere allungato con un altro comunitario considerando il doppio impegno campionato/Eurolega con 60 partite di sole regular season, oltre alla Supercoppa, alle possibili final 8 di Coppa Italia e ai playoff.
Fabrizio Carcano

la storia degli europei di pallacanestro

mental2

playersprofile

Cerca

SB COP FB 30

aquista ebook basketcoach

TOP100 2016 300bn

editoriale direttore basketnet

basketcoach website link

Le news del giorno

Prev Next

logo

 

 

 

 

Our website is protected by DMC Firewall!