top trasparente                                           top trasparente

banner superbasket 25

basketcoach basketball store sito allenatori basket

Domenica, 16 Aprile 2017 16:01

Le pagelle di Trento

Craft 7.5: Forse è il giocatore che più di tutti, a livello tecnico, dovrebbe soffrire la mancanza di Baldi Rossi e Marhle: ma Aaron è uno che ama competere, così avere davanti uno dei migliori playmaker in Italia (Maynor) basta e avanza a fargli dimenticare ogni suo limite. Craft segna 16 punti, distribuisce 10 assist (nuovo record storico per Trento in A), ruba palloni (3). E va vicino alla giocata della partita con una rubata nel finale: i 15 tiri tentati sono un'infinità, ma lui sa di dover dare un contributo alla causa anche al di là dei suoi punti di forza.

Forray 6.5: Da lontano non è serata (0/3 da tre), ma ancora una volta quando c'è da fare lavoro sporco (anche in area), Toto è il primo a presentarsi: 6 punti e una difesa su Maynor e Johnson al limite delle proprie, immense, possibilità. Capitano vero, fino in fondo.

Gomes 6: Silenzioso e implacabile, Beto si riscopre decisivo con una prestazione di altissimo livello, che però finisce, di fatto, in un primo tempo giocato alla grande dal portoghese. In difesa annulla Eyenga e produce recuperi e stoppate, in attacco si fa trovare pronto: poi però qualcosa si spegne. Peccato, perché quando tira la tripla del potenziale vantaggio nel finale la mano è evidentemente freddina.

Sutton 7: È lui a segnare ogni parziale positivo dei bianconeri: che sia chiudendo al ferro un contropiede o colpendo dal perimetro cambia poco, Sutton non molla un centimetro e gioca come sempre a tutta. I limiti tecnici sembrano sempre meno «limitanti»: dover dipendere dalle sue prestazioni individuali non suona più come una condanna. Anzi. Segna 18 punti, arpiona 8 rimbalzi, chiude con un eccellente 20 di valutazione: e mette anche la mano sul rimbalzo che poteva significare tiro del pareggio, e che invece vede il pallone carambolare fuori. Prima un paio di passaggi a vuoti sotto pressione, ma è difficile chiedergli di più.

Hogue 5: Le prova tutte per arginare (quasi) da solo gente come Anosike e Pelle, ma finisce per essere spesso fuori giri: passi il misero 1/5 dalla lunetta, ma 4 rimbalzi sono pochini per un giocatore che di fatto deve fare reparto da solo sotto i tabelloni.

Floccadori 7.5: Quando, pochi istanti dopo aver messo piede sul parquet, infila una tripla senza senso in faccia a Cavaliero, ecco il momento che cambia la serata non solo di «Flacks» ma dell'intera Aquila Basket. Anche perché una volta che Diego è dentro alla partita, non c'è modo di togliercelo: segna un paio di penetrazioni galleggiando fino al ferro, ruba un paio di palloni, lotta a rimbalzo e in difesa. Poi, un po' a sorpresa, gli viene preferito Shields nel quintetto in campo nei momenti clou della partita: Diego ha giusto il tempo di segnare una tripla incredibile per tenere in vita l'Aquila a 8' dalla fine. 15 punti di solidità, grinta e talento.

Shields 5: Parte in quintetto, e lo fa alla grande: mostrando personalità e tecnica si sblocca subito con un paio di penetrazioni fino al ferro, poi si applica con diligenza in difesa e in attacco. Sparisce un po' dal campo col passare dei minuti, mostrando tanta titubanza che il tempo lo aiuterà a sciacquare via.

Morosini 5.5: 6 minuti senza incidere: un bell'assist a Forray, è vero, ma anche una palla persa e 2 errori al tiro.

Lechthaler 6.5: Il suo impatto sul match è strepitoso; conquista rimbalzi, subisce un paio di falli (4/4 ai liberi), contribuisce in maniera sensibile all'allungo dei suoi compagni nel secondo quarto. Però i suoi minuti rimangono pochi, 6', e tutti nel primo tempo.

 

 

la storia degli europei di pallacanestro

mental2

playersprofile

Cerca

SB COP FB 30

aquista ebook basketcoach

TOP100 2016 300bn

editoriale direttore basketnet

basketcoach website link

Le news del giorno

Prev Next

logo

 

 

 

 

Our website is protected by DMC Firewall!