top trasparente                                           top trasparente

banner superbasket 25

banner1

Martedì, 18 Aprile 2017 09:18

Vuelle Pesaro, la strada è quella giusta

 

La vittoria su Caserta ha rafforza la convinzione dei Pesaresi, che il prossimo anno la Vuelle disputerà il campionato di Sera A; due punti in più danno forza e morale, ma non riempiono la pancia del tutto. Dopo due giorni di libertà in cui si è un po' staccata la spina, oggi la Consultinvest torna in palestra per preparare il rush finale e proiettarsi sulle ultime tre partite. Il mantenimento della categoria è tornato a un passo e nelle proprie mani; la Vuelle sarà artefice del proprio destino visti i 4 punti di vantaggio accumulati su Cremona. Il facile successo su Caserta non deve e non può illudere; la Pasta Reggia si è presentata a Pesaro in condizioni particolari di formazione e bisogna guardare avanti, prendendo quanto di buono fatto nelle ultime due gare. La salvezza è ancora in bilico ma adesso è una corsa a due tra Consultinvest e Vanoli. Il calendario non è amico della Vuelle, che è attesa da due trasferte (a Pistoia e a Capo d'Orlando) e dal test interno con Milano: tre ostacoli alti. A Pistoia, che cerca i playoff, i due punti servono eccome, anche perché la squadra di Esposito dovrà poi andare a Reggio Emilia e a Brescia. La Vanoli riceverà Cantù, andrà a Varese e ospiterà Reggio. Grande protagonista per la Vuelle in queste ultime partite è sicuramente stato l'australiano Rotnei Clarke: questo play-guardia dal fisico tozzo, che a guardarlo non sembrerebbe proprio fatto per giocare a basket, è veramente un'iradiddio. Ha praticamente vinto da solo a Brindisi la partita in cui Pesaro è uscita dal sepolcro (33 punti, 7/9 da due, 3/3 da tre, 10/10 ai liberi con 11 falli subiti e 43 di valutazione!) firmando poi la resurrezione il sabato di Pasqua contro Caserta. Non solo e non tanto con i suoi 19 punti (e un terrificante 4/6 nel tiro pesante), ma tenendo saldamente in pugno i compagni e riuscendo a rimettere in riga anche Hazell, che fino alla settimana prima era contestatissimo dal pubblico.

"Quando sono arrivato, anzi, già al telefono quando sono stato contattato, mi era stato spiegato tutto:" - racconta il giocatore australiano- " la tradizione di questa città nella pallacanestro e quanto i tifosi ci tenessero. L'ho capito poi ancor meglio quando sono arrivato e mi sto impegnando al massimo perché si possa conservare la serie A, perché a Pesaro il basket non è considerato né vissuto solo come un gioco, ma come un fatto sociale. Perciò sono molto felice che siano arrivate due vittorie, ma ancora non è fatta, quindi restiamo concentrati."

right

la storia degli europei di pallacanestro

mental2

playersprofile

copertina

Cerca

superbasket

aquista ebook basketcoach

TOP100 2016 300bn

basketcoach website link

Le news del giorno

Prev Next

logo

 

 

 

 

DMC Firewall is developed by Dean Marshall Consultancy Ltd