top trasparente                                           top trasparente

banner superbasket 25

basketcoach basketball store sito allenatori basket

Martedì, 18 Aprile 2017 13:12

Le speranze salvezza della Vanoli Cremona appese ad un filo

 

La Vanoli è sempre più vicina alla retrocessione in Lega Due. Ormai le giornate sono agli sgoccioli e con soli 6 punti a disposizione Cremona ne deve recuperare almeno 4. Il che significa vincere due partite su tre, anche se ciò potrebbe anche non bastare: la prossima contro Cantù in casa, poi la trasferta di Varese dove i biancoblù non hanno mai vinto e l'ultima di nuovo al Pala Radi contro Reggio Emilia, attualmente quarta forza del campionato. In concomitanza Pesaro dovrebbe perdere praticamente sempre, cosa non impossibile viste le trasferte a Pistoia, Capo d'Orlando e la gara interna contro Milano. Cremona potrebbe però dire già addio alla massima seria la prossima giornata di campionato, se dovesse perdere con Cantù e se Pesaro dovesse vincere in casa di Pistoia. Ma la Vanoli non ha perso le speranze di una clamorosa rimonta, e il quotidiano "La Provincia", spiega come mai i tifosi cremonesi devono crederci e come mai non devono crederci nella salvezza.

Devono crederci perchè Cremona in questo campionato non ha mai dato la sensazione di essere una squadra alla deriva. Ha praticamente sempre lottato contro ogni avversaria e vinto partite con formazioni importanti (vedi Sassari, Reggio Emilia e Venezia). Per questo motivo non sembra impossibile poter superare Cantù e Reggio in casa. La squadra anche ad Avellino ha dato segnali di vitalità fino all'ultimo minuto di gioco. Darius Johnson Odom è un uomo in grado di fare la differenza anche a corrente alternata. L'ambiente cremonese non sta mettendo particolare pressione alla squadra che fino a questo momento non è mai stata apertamente contestata e inoltre la condizione atletica della Vanoli non sembra critica.

Non devono crederci perchè la squadra dall'inizio della stagione è vittima degli stessi problemi. Quasi in ogni partita resta il rammarico per aver mancato il successo per poco. Anche ad Avellino, Cremona ha commesso gli stessi errori banali delle partite precedenti; le rimesse stanno diventando quasi una barzelletta in questo campionato e sono costate almeno quattro punti. In difesa la squadra non riesce mai a reggere l'urto dell' avversario: volta per colpa dei tiratori avversari, l'altra dei lunghi, di fatto nei 40' minuti prima o poi la Vanoli cede e subisce parziali decisivi. Il fatto di essere troppo tranquilli ha generato una sorta di abitudine alla sconfitta nei giocatori. Perdere è diventata una routine e cambiare questo stato mentale in tre giornate sembra parecchio complicato. Alcuni giocatori sembrano già con le infradito ai piedi e pronti per andare in vacanza. Sempre troppe le palle perse e tantissime in modo gratuito. Assenza totale di personalità nei momenti chiave della partita. In qualche modo c'è sempre la certezza di vincere la partita seguente, certezza praticamente mai corrisposta dai fatti. Per arrivare a una salvezza insperata, tutti i giocatori, tutti i dirigenti, tutti i coach di Cremona, dovranno dare il loro 200%, e potrebbe non bastare....

la storia degli europei di pallacanestro

mental2

playersprofile

Cerca

SB COP FB 30

aquista ebook basketcoach

TOP100 2016 300bn

editoriale direttore basketnet

basketcoach website link

Le news del giorno

Prev Next

logo

 

 

 

 

DMC Firewall is a Joomla Security extension!