top trasparente                                           top trasparente

banner superbasket 25

banner1

Giovedì, 15 Giugno 2017 16:43

COLPO A SORPRESA VANOLI CREMONA: IL NUOVO COACH E’ MEO SACCHETTI

CREMONA - Il colpo di fulmine è scattato circa un mese fa, grazie all’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, subito dopo la retrocessione, del presidente Aldo Vanoli: “Io non mollo -disse- Scrivetelo pure a caratteri cubitali, Cremona parteciperà alla serie A2 e lo farà con il massimo entusiasmo possibile”. Lo ammette, Meo Sacchetti: “Quelle dichiarazioni mi colpirono, e quando ci ho parlato al telefono mi è subito sembrato un uomo molto concreto”. E' bastata una mattinata piena di colpi di scena per definire quello che potrebbe essere il colpo più importante del mercato italiano degli allenatori: in poche ore rescissione con Brindisi e poi la firma del triennale, nella formula del 2+1, con la Vanoli Cremona.

 

C’è da dire che gli ultimi anni non sono stati scintillanti per il coach nato ad Altamura 64 anni fa, l’ultimo a vincere il triplete nel campionato italiano, nel 2014-15 con Sassari: esonero a metà della stagione successiva, biennale garantito firmato in estate con la Enel e poi una stagione deludente, con l’eliminazione ai quarti delle Final Eight contro Milano seguita dalla mancata qualificazione ai playoff. Due annate difficili insomma, le ultime disputate da Meo Sacchetti, ma tutto questo al presidente Aldo Vanoli non importa: “Meo à una persona di grande valore professionale e umano -recita la nota con cui la società lombarda ha annunciato l’accordo nel pomeriggio- proprio questo aspetto mi ha colpito perché è molto vicino al nostro modo di essere come società”. 

Un vero e proprio annuncio a sorpresa, quello della società biancoblu. Da una parte per la stampa pugliese, che mai in questi giorni ha nemmeno accennato a un'eventuale addio dell'allenatore, dall'altra era di due giorni fa la dichiarazione del Gm Vanoli Andrea Conti al quotidiano la Provincia di Cremona in cui annunciava un testa a testa tra Paolo Moretti e Demis Cavina per la panchina lasciata libera da Paolo Lepore. Inoltre non era certo preventivabile che Sacchetti, per molti ancora uno dei migliori allenatori italiani, potesse accettare di scendere di categoria. “Ma la Serie A2 non è un problema -spiega il coach pugliese- la molla di tutto è la prospettiva di lavorare in un ambiente sano e con una programmazione a lungo termine”. 

Una super programmazione ci sarebbe da aggiungere, data la lunghezza del contratto, che come detto ha una durata di tre anni: estensione inedita per la squadra lombarda, perlomeno in Serie A per quanto riguarda la figura del capo allenatore. L’arrivo di Meo Sacchetti è anche un’ottima operazione di marketing: primo perché porterà grande attenzione mediatica nei confronti della città e della squadra (occhio però alla pressione), secondo perché in grado di rilanciare l’entusiasmo dei tifosi ancora delusi per la retrocessione (e quindi magari più abbonamenti). Ma ovviamente, e soprattutto, la società vede in Sacchetti l’uomo con cui riconquistare la serie A, magari non subito, sicuramente il più presto possibile. In questo senso Meo, il cui vice sarà Flavio Fioretti ex Capo d'Orlando, potrebbe essere anche la chiave per convincere Raphael Gaspardo e Fabio Mian a rimanere in maglia Vanoli, nonostante l’accordo tra il lungo di Bressanone e Pistoia sia molto vicino. Ma considerato il valore e il carisma del neo coach di Cremona, le sorprese potrebbero non essere ancora finire: tanti sono i giocatori che potrebbero accettare di scendere di categoria per mettersi al suo servizio. Inoltre, alcune indiscrezioni -e quindi da prendere con le pinze- danno la società di Brindisi in profonda difficoltà dopo l’annuncio di Enel di voler ridurre drasticamente il budget per i prossimi due anni prima di chiudere definitivamente i rapporti, e allora chissà che non sia proprio Brindisi a non potersi più permettere la serie A: un passo indietro che potrebbe favorire il ripescaggio della Vanoli anche in virtù del sereno tornato a Caserta -sarebbe pronta una cordata di imprenditori campani, l’idea è rilevare il 65% delle quote Juve lasciando a Iavazzi il resto-. 

Intanto, sui social, i tifosi della Vanoli Cremona stanno festeggiando la firma del nuovo allenatore con l’hashtag MnG: #MeoNaGioia. 

Giacomo Iacomino

la storia degli europei di pallacanestro

playersprofile

mental2

copertina

Cerca

SB Copertina 31 FB

aquista ebook basketcoach

TOP100 2016 300bn

editoriale direttore basketnet

basketcoach website link

Le news del giorno

Prev Next

logo

 

 

 

 

Our website is protected by DMC Firewall!