top trasparente                                           top trasparente

banner superbasket 25

basketcoach basketball store sito allenatori basket

In un match dominato fin dai primi 20’ da Monaco, il Bancoi di Sardegna risale la china dopo essere stati sotto di 22 lunghezze, condotti da un super Rok Stipcevic (17 pt, 4/6 da tre, 5 as), Dusko Savanovic (8 pt, 7 rb) e David Lighty (8 pt, 5 rb) e chiudono il match 73-60. La rimonta biancoverde, messa a segno nei minuti finali del quarto quarto, permetterà al Banco di giocarsi tutto nella sfida di ritorno, in programma mercoledì prossimo -29 marzo- al Palaserradimigni. Quello di oggi era solo il primo tempo di una sfida lunga 80': si riparte dal -11. Domani la squadra farà rientro in Sardegna dove gli uomini di Pasquini si metteranno al lavoro in vista del match di campionato contro la Vanoli Cremona in agenda domenica. Quarti di finale Basketball Champions League. Alla Salle Gaston Medecin di Monaco la Dinamo Banco di Sardegna scrive una nuova pagina di storia chiamata quarti di finale di Basketball Champions League. I giganti incontrano l’As Monaco nella sfida di andata del match di 80’ che vale un biglietto per la Final Four di BCL. Nel palazzetto del Principato di Monaco sventolano le bandiere dei quattro mori: oltre una cinquantina di tifosi hanno seguito la Dinamo a Monaco facendo sentire il calore sardo ai giganti. La sfida. Coach Pasquini manda in campo Bell, Lacey, Devecchi, Sacchetti e Lydeka, coach Mitrovic risponde con Wright, Aboudou, Fofana, Caner-Medley e Ouattara. Avvio di energia dei padroni di casa che volano sul 6-0 con Caner-Medley, Aboudou e Ouattara. Lacey rompe il ghiaccio per i biancoverdi, allungano ancora Ouattara e Wright. Ma i giganti firmano un break di 6-0 con Savanovic, Lawal e Lacey e chiudono il primo quarto a un solo punto di distanza (16-15). Nella seconda frazione Monaco scappa via con un parziale di 16-3. I giganti si sbloccano con un controbreak di 4 punti di Lydeka e la bomba di Stipcevic. Sassari c’è! Reazione dei padroni di casa condotti dall’ex Varese Brandon Davies: si va negli spogliatoi sul punteggio di 39-30. Al rientro dall’intervallo lungo Monaco dilaga condotta da Ouattara e Sy; i biancorossi mettono a segno un parziale di 21-11 e ritoccano il massimo vantaggio. Il canestro and one di Sy vale il +20 (60-40). I padroni di casa restano saldamente in controllo, la Dinamo prova a ridurre lo svantaggio. Sono le bombe di un roccioso Rok Stipcevic e quelle di David Lighty a tenere i giganti in partita. La Dinamo passa da -22 a -11. I padroni di casa si impongono all’andata per 73-60: ma non è finita, mercoledì prossimo i giganti si giocheranno tutto nella bella in casa al PalaSerradimigni.
È coach Federico Pasquini a commentare il match a caldo: “Conoscevamo prima della partita le qualità di Monaco, specialmente la loro capacità di correre e aprire il contropiede dalle palle perse, noi abbiamo abbiamo perso molti palloni e loro ci hanno punito. In alcune situazioni abbiamo fatto un buon lavoro in difesa lasciando però a una squadra con questo talento e questa capacità a rimbalzo offensivo 3-4 secondi per chiudere l'azione o creare un possesso extra. Ho apprezzato che la mia squadra non abbia mai mollato, come avete visto nell’ultimo quarto. Sono convinto che 11 punti di svantaggio siano qualcosa che in casa, davanti al nostro pubblico e con l’aiuto dei nostri tifosi, possiamo ribaltare. Torniamo a casa consapevoli che il destino è nelle nostre mani e con questo chiaro obiettivo. Quello di oggi è il primo tempo di una sfida di 80 minuti, siamo pronti a giocarci tutto in casa davanti al nostro pubblico ripartendo dagli ultimi minuti di stasera".

 

Fonte:http://web.legabasket.it/news/121722/bcl__banco_di_sardegna_chiude_a_-_11a_monaco__pasquini___un_divario_che_possiamo_colmare

Pubblicato in Coppe

II Settore Squadre Nazionali, in occasione del Raduno della Nazionale Under 18 Maschile, in programma a Tirrenia (Livorno) dal 27 al 28 marzo 2017, convoca i seguenti giocatori:

Barbante Simone (1999, 211, A/C, De' Longhi Treviso)
Bellandi Nicola (2000, 198, A/C, Germani Brescia)
Berra Gabriele (2000, 193, G, Accademia Bk Altom.Se Legnano)
Bonacini Federico (1999, 190, G, Grissin Bon Reggio Emilia)
Bortolani Giordano (2000, 185, G, E.A.7 Emporio Armani Milano)
Dellosto Nicolò (2000, 202, A, Grissin Bon Reggio Emilia)
Donda Andrea (1999, 207, A/C, Betaland Capo D'orlando)
Graziani Matteo (2000, 192, G, Pall. Don Bosco Livorno)
Laganà Matteo (2000, 192, G, E.A.7 Emporio Armani Milano)
Miaschi Federico (2000, 195, G, Umana Venezia Mestre)
Moffa Niccolò (1999, 195, A, Nts Informatica Rimini)
Morgillo Alessandro (1999, 206, A/C, Vivi Basket Napoli)
Palumbo Mattia (2000, 195, G, Stella Azzurra Roma)
Poser Federico (1999, 203, A, De' Longhi Treviso)
Trapani Emanuele (1999, 182, P, Stella Azzurra Roma)
Vigori Alessandro (1999, 210, C, Grissin Bon Reggio Emilia)

Giocatori a disposizione:
Brunelli Marco (1999, 195, A, Nbb Brescia S.S.D. A R.L.)
Cavallo Matteo (2000, 195, A, Benacquista Assicurazioni Latina)
Cipriani Leonardo (2000, 191, G, The Flexx Pistoia)
Conti Luca (2000, 193, G, Dolomiti Energia Trento)
Deangeli Lodovico (2000, 190, G, A.S.D. Basketrieste)
Del Debbio Andrea (1999, 195, G, Geonova S.R.L Cmb Junior Lucca)
Fiorucci Daniele (1999, 200, A, Simply Vis Nova Roma)
Fiusco Simone (1999, 198, G, Enel Brindisi)
Martina Matteo (1999, 185, P, Quarta Caffe' Monteroni)
Panaccione Orso Maria (1999, 180, G, Guerriero Padova)
Rossi Tommaso (1999, 195, A, Virtus Segafredo Bologna)
Visentin Enrico (1999, 200, A/C, Broetto Padova)

Staff
Capo Delegazione: Simone Cardullo
Allenatore: Andrea Capobianco
Assistente Allenatore: Luciano Nunzi
Assistente Allenatore: Fabrizio Ambrassa
Preparatore Fisico: Tommaso Santucci
Medico: Antonio Mancino
Fisioterapisti: Iacopo Mancini
Team Manager: Emanuele Cecconi

 

 

Fonte:http://www.fip.it/News.asp?IDNews=9927

Pubblicato in Nazionali
Giovedì, 23 Marzo 2017 07:09

Le nostre pagelle su Sassari

LACEY 7: Cerca di ricoprire ogni ruolo ma è abbastanza evidente che ad un certo punto accusa il dover fare anche il lavoro degli altri. In difesa ci mette tanta intensità ma in attacco è un sorvegliato speciale e riesce a fare meno del solito.

DEVECCHI 5: Male su tutti e due i lati del campo. Non entra in campo con l’atteggiamento giusto.

D’ERCOLE 6: Fa quello che può e qualcosa per la squadra lo costruisce, ma non è compito suo fare la differenza.

BELL 4: Parte con tutte le buone intenzioni, ma in pochi minuti si capisce come sarà l’andamento del match. Caotico in regia, inefficace in attacco e in difesa.  Forse ha troppe responsabilità addosso.

LYDEKA 6,5: Fa tanto in questo match ma accusa la maggior atleticità degli avversari. in ogni caso da vero guerriero sotto il tabellone lotta a gomiti alti. Con una spalla a seguito sarebbe stato diverso l’andamento della partita, ma spesso si ritrova da solo.

SAVANOVIC 5,5: Non riesce nelle sue classiche giocate, spalle a canestro e in più i compagni lo cercano poco. In difesa fa quello che può ma è sempre un pò in ritardo. Qualche fondamentale fiammata però la trova.

STIPCEVIC 8: l’unico che sembra aver realmente intenzione di vincere e che non si abbatte fino all’ultimo secondo. Bombarda gli avversari dall’arco tenendo a galla la barca.  Lotta in ogni parte del campo sia in attacco che in difesa. Indispensabile.

LAWAL 6: Parte fortissimo forse troppo, soprattutto in difesa. In pratica si auto esclude dal match per i falli.

LIGHTY 6:  Sembra non voglia prendersi responsabilità durante il match. Si salva per un paio di bombe che riaprono la partita, ma per il resto non rappresenta una vera minaccia per gli avversari.

SACCHETTI 5: Non pervenuto. In difesa rimane sempre indietro rispetto al suo uomo. In attacco non trova le sue solite soluzioni. E’ imperativo che recuperi il suo spirito guerriero prima della partita del ritorno.

 
Pubblicato in Lega A

Poteva andare molto peggio: la Reyer Venezia esce dalla difficile trasferta turca con un -3 da ribaltare, maturato contro il Pinar Karsiyaka, uscito vincitore con il punteggio di 74-71. Uno scarto pressochè minimo, che dà ottimismo alla truppa orogranata, costretta ad inseguire e a rimontare i padroni di casa, sfiorando l’impresa nell’ultimo minuto. Positive le prove di Haynes ed Ejim, che mettono in difficoltà il Pinar nell’ultimo quarto, mentre tra le fila biancoverdi si segnala l’ottima prova di Ponitka, autore di 25 punti. 

Nel primo quarto, McGee illude i suoi con la bomba iniziale, ma sale in cattedra Ponitka, che sigla nove punti consecutivi e stacca i veneti con un parziale di 12-0, portando il Pinar sul 20-6. Solo Peric e Filloy nell’ultimo minuto riescono ad evitare un passivo ben più irrecuperabile, chiudendo il primo quarto sul 25-15. Nei dieci minuti successivi, i turchi provano la fuga, toccando il +15 a più riprese, mentre tra le fila della Reyer c’è il solo Peric a referto, mantenendo invariato il gap all’intervallo lungo (40-30). 

Di ritorno sul parquet, il solito Peric accorcia e la Reyer è in partita (40-34), tuttavia Summers è caldo e sigla sette punti in pochi istanti, aumentando il divario oltre la doppia cifra di scarto. Si accende Haynes nella seconda metà del quarto, con diverse giocate fuori dalla norma e sigla il -5. Brown chiude con cinque punti consecutivi, prima della schiacciata di Ress, Karsiyaka conduce di otto al 30’. Nell’ultimo quarto, Venezia non molla la presa, Haynes trova due triple pesantissime, mentre Bramos infila due long-two, Venezia è sotto di soli due punti a metà quarto. Green ritrova confidenza con il canestro e piazza la tripla del +6 a due minuti dalla fine. Nell’ultimo minuto, Ejim dà spettacolo, rubando palla, guadagna due liberi, sbaglia il secondo e riesce a conquistare il rimbalzo, schiacciando per il -2 a quaranta secondi dalla fine. Green ridà linfa e ossigeno ai suoi dalla lunetta, mentre Ponitka ipoteca la vittoria con due liberi. Tuttavia, Haynes riesce a ridurre ancora di più il gap, segnando due liberi su tre, mentre il tiro della disperazione di Filloy si infrange sul tabellone, sul punteggio di 74-71 per il Pinar sulla sirena. 

Tutto rimandato a mercoledì al Taliercio. 

 

 

Giorgio Giovannini

Pubblicato in Coppe
Mercoledì, 22 Marzo 2017 12:01

Venezia sfida il Pinar

Prima chiamata per la Reyer che ora è a solo ad  80 minuti dalle Final Four di Champions.

Pubblicato in Lega A
Mercoledì, 22 Marzo 2017 08:02

Le nostre pagelle su Milano

HICKMAN 4: Una prestazione disastrosa. L’unica cosa che si salva è la reattività a rimbalzo della prima parte di gara. Per il resto, scelte sbagliate, tiri forzati e penetrazioni che si infrangono contro il muro dei lunghi avversari. 

CINCIARINI 7,5: In una serata in cui gli viene chiesto di dare il 100% lui da il 110%. Corre, aggredisce, sporca palloni e mette in ordine. In sostanza trascina la squadra al di la del risultato finale. Peccato che i compagni di squadra lo seguono a singhiozzo.

RADULJICA 4: Un altra partita in cui si presenta in maniera piatta e trasparente.  Ormai non c’è più molto da dire per una serie di prestazioni che si assomigliano tutte.

PASCOLO 6: Accusa la maggior fisicità degli avversari. I suoi movimenti accademici ci sono sempre, quello che manca è la cattiveria di alzare i gomiti e spingere quando serve. In ogni caso una partita in cui è meno utile del solito gliela si può perdonare visto che in ogni caso è uno dei pochi che ancora dimostra di tenerci.

KALNIETIS 6: Scende in campo anche se non dovrebbe nemmeno essere in panchina, ma a questo punto l’infermeria non poteva tenere più nessuno. Tutto sommato alla sufficienza ci arriva soprattutto perché pur giocando con il freno a mano tirato qualche mattone lo poggia. Atteggiamento positivo.

ABASS 5,5: Si presenta in partita forse un pò troppo rilassato. Nel senso che non ha il mordente giusto per approcciarsi all’incontro. Nonostante questo la via del canestro la trova e anche più dei suoi compagni di squadra.

MACVAN 5,5: Punge, ma ci riesce unicamente quando gli avversari si addormentano in difesa. Combatte sotto le plance, ma fatica tanto a rimbalzo contro avversari decisamente più atletici di lui. In ogni caso è uno di quelli a cui non bisogna rimproverare nulla.

MCLEAN 5: Poco concentrato e lucido sia in difesa che in attacco. Sarà colpa delle maggiori responsabilità che gli sono state date ma pare che giochi con la paura di qualcosa. Scelte sbagliate, forzature e palle perse.

 
Pubblicato in In evidenza
Mercoledì, 22 Marzo 2017 07:28

Avellino: Ragland vola negli States

Domenica Coach Sacripanti non avrà ancora a disposizione Joe Ragland, dato che il play è volato negli Usa per alcuni accertamenti e terapie.

Pubblicato in In evidenza
Mercoledì, 22 Marzo 2017 07:10

Torino: stop per Washington

Un altro duro colpo della Fiat che ora a tutti gli effetti trema per un roster ai minimi stagionali.

Pubblicato in In evidenza

Le parole di coach Federico Pasquini in vista della sfida dei quarti di Basketball Champions League di domani La Dinamo Banco di Sardegna è arrivata domenica in Costa Azzurra dove si è subito messa al lavoro in vista del match di domani. Staserai alla Salle Gastone Médecin di Monaco, alle 20:30 (diretta Rai Sport HD), i giganti affronteranno l’As Monaco nella sfida di andata dei quarti di finale della Basketball Champions League. Un match delicato e importante, il primo tempo di una sfida di 80’ che vale il biglietto per la Final Four di Basketball Champions League. “Ci troviamo a giocare contro una squadra incredibilmente fisica, lunga e profonda che ha la possibilità di giocare con diversi assetti - spiega coach Federico Pasquini - perché sotto canestro possono schierare il duo Fofana- Caner-Medley o la coppia Sy- Davies dando vita a un tipo di gioco diverso. Hanno un talento diffuso sul perimetro, e possono variare molto le situazioni offensive con Dee Bost, che è un realizzatore incredibile, o Zack Wright, giocatore di squadra che dà tanta energie al gruppo. Hanno giocatori del calibro di Yakuba Ouattara, Jamal Shuler o Sergii Gladyr, tutte pedine fondamentali e giocatori di livello con grande capacità realizzativa che portano in campo la giusta energia e hanno la fiducia per fare la scelta migliore per la squadra. Monaco è una squadra che avendo vinto tanto gioca con molte sicurezze, come visto anche nella partita di ritorno degli ottavi in casa in cui hanno dimostrato la loro tempra, senza preoccuparsi quando l’Aek è tornata in partita, ricacciandola indietro giocando solidamente di squadra”. Quale sarà la chiave domani? “La cosa fondamentale sarà non farli correre perché se gli lasci la possibilità di punire i tuoi errori in contropiede sono devastanti e scappano via. Bisognerà avere la capacità di leggere subito le situazioni e riconoscere il tipo di assetto che schierano in campo, vedi quello con Fofana o Davies. Al di là di queste considerazioni resta il valore oggettivo di una squadra di altissimo livello. Noi vogliamo fare bella figura, vogliamo essere belli presenti e fare in modo che ci sia la possibilità, in questo primo tempo degli 80’ che ci aspettano, di portare a Sassari una partita vera da giocare davanti al nostro pubblico come se fosse una finale”.

 

 

Fonte:http://www.basketnet.it/administrator/index.php?option=com_k2&view=item

Pubblicato in Lega A

L’Assemblea della Lega Basket Serie A che si è svolta oggi a Bologna ha deliberato in merito alla partecipazione dei propri club alle competizioni europee per club della prossima stagione stabilendo che ogni società potrà, in base al ranking finale della stagione e al numero di posti disponibili, scegliere a quale competizione partecipare. In merito alla eleggibilità dei giocatori, vista la imminente scadenza dell’attuale formula in vigore dal 2012-13 e la necessità dei club di conoscere già da ora le regole con cui programmare la prossima stagione, la Lega conferma la sua richiesta alla Fip di prorogare anche per la stagione 2017-18 l’accordo sulla eleggibilità e più in generale la vigente Convenzione tra Fip e Lega. Allo stesso tempo ribadisce che entro luglio sarà definito e presentato alla Federazione un progetto pluriennale contenente le proposte della Lega per lo sviluppo del basket di vertice tra cui anche l’aspetto relativo alla eleggibilità. La Assemblea ha poi ascoltato la relazione dell’advisor Demet sugli scenari del mercato dei diritti audiovisivi. Nei prossimi giorni i club si riuniranno per definire gli indirizzi e le successive Linee Guida da sottoporre alla approvazione delle Autorità competenti.

 

 

Fonte:http://web.legabasket.it/news/121715/competizioni_europee_2017-18__i_club_potranno_scegliere_a_quale_partecipare

Pubblicato in Lega A
InizioIndietro12345678910AvantiFine
Pagina 1 di 82

la storia degli europei di pallacanestro

mental2

playersprofile

Cerca

SB29 Copertina Social

aquista ebook basketcoach

TOP100 2016 300bn

editoriale direttore basketnet

basketcoach website link

Le news del giorno

Prev Next

logo

DMC Firewall is a Joomla Security extension!