NBA: addio ai sogni playoff per i nostri italiani?

Playoff più lontani per Danilo Gallinari e Marco Belinelli. I Denver del Gallo sono stati battuti nella nottata di Mercoledi 110-104 dagli Houston Rockets nonostante un grande Gallinari autore di 23 punti con 5 rimbalzi, 3 assist e 8/16 al tiro. Rockets trascinati al successo dai 31 punti e 10 assist del solito James Harden. Con quattro partite ancora da giocare, i Nuggets sono ancora in corsa per l’ottavo posto ad Ovest in un appassionante testa a testa con i Portland Trad Blazers, vittoriosi questa notte contro Minnesaota. Serata amara in tutti i sensi per Belinelli, sconfitto 112-99 con i suoi Charlotte Hornets contro i Miami Heat. La guardia azzurra resta in campo appena 8 minuti e colleziona 0 punti, 1 assist, 1 rimbalzo e 0/2 al tiro per poi essere costretto ad uscire a causa di un infortunio alla mano. Cleveland ha vinto invece il big match con Boston nella notte Nba, con il punteggio di 114-91 e si conferma in testa nella classifica de la Eastern Conference. Partita dominata dao Cavs, grazie ad una prestazione fantastica di Lebron James che ha messo a segno 36 punti con 10 rimbalzi. Vincendo a Phoenix per 120-111 la 13° partita di fila, trascinata dal suo leader Steph Curry che realizza 42 punti, Golden State ha stabilito per la terza stagione regolare consecutiva il migliore record Nba. Oggi i Warriors sono 65-14, irraggiungibili dai loro grandi rivali ad Ovest , i San Antonio Spurs (60-18). Questa tripletta eguaglia il primato della Lega condiviso con Boston e Philadelphia, l’ultima risaliva al dominio dei Celtics nel triennio 1983-86. Inoltre, Golden State ha fissato il nuovo record assoluto con almeno 65 vittorie in ognuna delle tre stagioni. “E’qualcosa di impressionante – ha commentato coach Steve Kerr, come riporta la Gazzetta dello Sport – . Abbiamo fatto una grande corsa per arrivare a questo record, senza il contributo nell’ultimo mese di Kevin Durant, che rientra domani. Era l’obiettivo che ci eravamo prefissi per questa stagione. Tutti i miei giocatori sono felici per questo, loro sanno di vivere una speciale era che non finirà mai. Alleno un gruppo di grande talento che riesce a divertirsi in ogni momento».
Ecco la classifica della Eastern e della Western Conference, quando manca 6 giornate alla fine della Regular Season.

EAST: Cleveland (1°, 51-27), Boston (2°, 50-29), Toronto (3°, 48-31), Washington (4°, 48-31), Atlanta (5°, 40-38), Milwaukee (6°, 40-39), Chicago (7°, 39-40), Indiana (8°, 39-40).
WEST: Golden State (1°, 65-14), San Antonio (2°, 60-18), Houston (3°, 53-25), Utah (4°, 48-30), Clippers (5°, 48-31), Okc Thunder (6°, 45-33), Memphis (7°, 42-37), Portland (8°, 39-40).

 

 

Marco Mugnanini