top trasparente                                           top trasparente

banner superbasket 25

banner1

Giovedì, 09 Marzo 2017 09:04

NBA: la storia "variopinta" delle divise dei Cleveland Cavaliers

Un ritorno al passato; le divise che dal 2003 ad oggi indossano i Cleveland Cavaliers hanno moltissimi riferimenti in comune con le maglie del passato. In primis, il recupero dei colori: vinaccia e oro, i colori simbolo fin dal 1970, anno di debutto nella Nba. Divise molto semplici, con la scritta "CAVALIERS" (nel 1970 un giornale di Cleveland propose un concorso con in palio l'opportunità di assegnare il nome alla franchigia dell'Ohio. Vinse chi propose Cavaliers, per onorare i cavalieri settecenteschi); gialla con nome e numero rosso in casa, viceversa per le partite in trasferta. Il primo cambiamento nella stagione 1974-1975; i colori restano invariati, ma vengono introdotte delle piccole strisce orizzontali ai bordi delle divise di colore bianche, rosse e gialle, sia nella divisa casalinga che in quella di trasferta. Ma è quasi dieci anni dopo, per il campionato 1983-1984, che cambia tutto: nelle divise dei Cavs viene introdotto l'arancione come colore primario, con la comparsa del blu e del bianco; per le partite in casa, le divise erano tutte bianche con un nuovo logo Cavs, di colore arancione, al centro poco sopra il numero, mentre per le gare in trasferta, le divise erano completamente arancione con logo, nome e numero bianco e blu. Questo fino alla stagione 1987-88, quando l'arancione viene relegato come colore secondario per far spazio al blu sia per le partite interne che per quelle fuori casa. Sono i colori della squadra di Mark Price, Ron Harper e Brad Drugherty, ma anche quella di Craig Ehlo, tristemente nota per essersi fermata sempre di fronte a Jordan e ai Bulls in anni e anni di play-off. Altro decennio, altro cambiamento. Nel 1994 è pronta la Gund Arena, da qui la decisione di cambiare le divise della squadra; i Cavs si rifanno il trucco e per la prima volta nella loro storia introducono il colore nero. Divisa tutta bianca con la scritta Cavs in arancione per i match alla Gund Arena, tutta nera con la scritta CLEVELAND in bianco per le partite giocate fuori dall'Ohio. Su entrambe le divise viene introdotto una linea spezzettata di colore blu marino che le divide a metà. Sono anni meno fortunati per i successi della squadra del playmaker Terrel Brandon e di un Shawn Kemp in pessima forma. Nella stagione 1999-2000 nuova modifica per la franchigia dell'Ohio. Maglia casalinga bianca, con la scritta Cavs in blu, poco sopra il numero dello stesso colore e una linea laterale e verticale di colore blu. La divisa usata fuori da Cleveland è nera sullo stile di quella casalinga, con la scritta CLEVELAND. Ma tutto è destinato a cambiare, di nuovo. Il momento opportuno? La prima scelta assoluta al Draft 2003, con l'arrivo del figliol prodigo Lebron James proveniente da St.Vincent-St.Mary High School. Con Lebron, dalla stagione 2003-2004, la moda in casa Cavs si modifica radicalmente (come anche i risultati). Proprio in quell'anno i Cavaliers riscoprono i loro colori originari (Oro e vinaccia) scelti a stragrande maggioranza dagli oltre 12.000 tifosi che online hanno dato il loro parere in un sondaggio voluto dalla proprietà. La divisa per le partite in casa è bianca con la scritta CAVALIERS di color vinaccia, come il nome del giocatore. Il numero invece, appena sotto la scritta CAVALIERS, è di color blu e tutti (sia scritta, sia il nome, sia il numero) hanno delle finiture in oro. La divisa in trasferta invece è tutta color vinaccia con la scritta CLEVELAND, il nome del giocatore e il numero di maglia in bianco, con bordi di colore oro. Dal 2005 al 2010 viene inoltre introdotta l' "Alternate Uniforme" di colore Blu e tutto il resto bianco con bordi oro e rosso. Divisa che riscuote molto successo ed è tra le più vendute, merito sicuramente dell'approdo nella Lega e a Cleveland di "The King". Nelle ultime stagioni e in particolare nei Play-off dell'anno scorso (2016), i Cavs propongo delle divise alternative di colore giallo, rosso, blu scuro e nero, rifacendosi alle maglie storiche della franchigia.

 

Marco Mugnaini

 

 

bbnet

la storia degli europei di pallacanestro

mental2

playersprofile

copertina

Cerca

SB Copertina 31 FB

aquista ebook basketcoach

TOP100 2016 300bn

editoriale direttore basketnet

basketcoach website link

Le news del giorno

Prev Next

logo

 

 

 

 

Our website is protected by DMC Firewall!