top trasparente                                           top trasparente

banner superbasket 25

banner1

Venerdì, 17 Marzo 2017 09:19

Dwyane Wade elogiato da Gilbert Arenas

Dwyane Wade è senza dubbio una delle guardie più dominanti dell'ultimo decennio Nba; lo dimostrano i numeri e le sue giocate. Purtroppo in questa stagione a Chicago le cose non sono andate come avrebbe voluto e a causa di un infortunio al gomito ha terminato in anticipo il suo campionato. I Bulls sono stati una vera e propria delusione, solo Butler e "The Flash" si salvano in questa stagione ed è grazie a questi due giocatori che "la città del vento" nutre ancora speranze playoff. L'ex stella dei Miami Heat non potrà aiutare la squadra a raggiungere questo obiettivo, ma senza dubbio, anche in questa stagione, Wade ha dimostrato di poter ancora dominare partite a 35 anni, nonostante i vari infortuni e un fisico non più atletico come dieci anni fa. Ma è davvero così forte Dwyane Wade? Chi può spiegarcelo meglio dei suoi colleghi, che affronta sera dopo sera? Nessuno. Ecco cosa ha dichiarato Gilbert Arenas sul suo profilo instagram a proposito di "The Flash".

 

"Flash è stato il giocatore più difficile che io abbia mai dovuto marcare. La mia difesa non riuscì a mantenere le promesse che una volta uscirono dalla mia bocca. Mi fecero una domanda prima di una partita. "Come pensi di fermare Flash?" "Non so come mai lo chiamino così. Io sono il giocatore più veloce della lega. Credo che basti solamente correre indietro perché lui non sa tirare." Sono abbastanza sicuro che la prese sul personale. Non ero troppo preoccupato della mia uscita, considerato che io giocavo Point Guard e dovevo marcare Keyon Dooling e Damon Jones. Toccava a Larry Hughes occuparsi di lui. Non so come mai coach Jordan sostituì Hughes e mise me a marcare Wade, ma non fu una buona mossa. Segnò otto canestri di fila, con 3 and 1 in quattro minuti. Ad essere onesto non fui deluso dalla mia difesa, ma dal fatto che Wade non avesse voluto rispondermi a parole. Credevo che se si fosse incazzato mi avrebbe risposto in quel modo, ma suppongo che lui la pensasse in maniera un pochino diversa... L'unica cosa più imbarazzante di vedere il giocatore su cui difendi segnare ogni volta che tocchi la palla, è subire da lui una schiacciata in seguito alla quale il tuo coach chiama un timeout, mentre tu sei ancora steso a terra. Quando successe, l'unica cosa a cui stavo pensando era come mai il coach avesse chiamato un timeout pieno e non uno da 30 secondi, che erano abbastanza per rivedere quella schiacciata almeno 6 volte, di cui 2 in slowmotion. La cosa peggiore fu che dopo il timeout venni sostituito, e proprio quando stavo per chiedergli perché cazzo mi avesse tirato fuori, mandarono il replay dell'azione e io ebbi un flashback riguardante quei 20 punti in quattro minuti. L'unica cosa che riuscii a dire dopo fu: "Qualcuno ha dell'acqua o del Gatorade ?" Quella fu l'ultima volta che dissi qualcosa riguardo un giocatore. Imparai la lezione con le maniere forti! 30 partite in carriera contro Wade e sono abbastanza sicuro che non abbia mai sbagliato quando ero io a marcarlo. Fanculo, penso che sia un robot!! Ha avuto i miei stessi problemi alle ginocchia e a 34 anni ancora schiaccia come quando ne aveva 23. Io non riesco nemmeno a toccare quel maledetto tabellone. Wade è la terza miglior guardia di sempre, dopo Jordan e Kobe. Sono stato fortunato ad averli incontrati tutti da giocatore."

Marco Mugnaini

bbnet

la storia degli europei di pallacanestro

mental2

playersprofile

copertina

Cerca

SB Copertina 31 FB

aquista ebook basketcoach

TOP100 2016 300bn

editoriale direttore basketnet

basketcoach website link

Le news del giorno

Prev Next

logo

 

 

 

 

Our website is protected by DMC Firewall!