top trasparente                                           top trasparente

banner superbasket 25

basketcoach basketball store sito allenatori basket

Lunedì, 01 Maggio 2017 09:32

NBA PLAYOFF

Nella serata di ieri, sono state disputate due partite fondamentali nella griglia playoff. Alle 21.30 ore italiane, si giocava l'ultima partita dei "quarti di finale" ad Ovest, Gara 7 tra i Los Angeles Clippers e gli Utah Jazz. La squadra di Doc Rivers poteva contare sul fattore campo, nonostante l'infortunio di Blake Griffin sia stato un brutto colpo da assorbire per la squadra losangelina. Ma questa non può essere una scusante per la pessima partita disputata dai Clippers; solo Chris Paul e DeAndre Jordan si sono salvati nella partita persa per 104-91: troppo poco squadra Los Angeles per poter pensare di vincere contro i Jazz che fanno del gioco di squadra la loro arma principale. Utah, nonostante i pochissimi minuti giocati da Gobert a causa dei falli, ha potuto contare sulle ottime prestazioni offensive di Hill, Favors e Hayward, mentre nella metà campo difensiva eccellente è stato il lavoro di Joe Ingles, che negli ultimi 2 quarti ha fatto di tutto per fermare le scorribande offensive di Chris Paul. I Clippers non sono stati mai in partita e addirittura all'inizio del quarto periodo, il punteggio diceva +21 Utah, che meritatamente si aggiudica Gara 7 e approda alle semifinali di Conference, dove sfiderà i Warriors. Per Los Angeles l'ennesima stagione fallimentare; questo doveva essere l'anno giusto, ma così non è stato. In Estate potrebbero cambiare molte cose, visto che J.J. Reddick, Chris Paul e Blake Griffin usciranno dal proprio contratto per rendersi freeagent; starà ai Clippers decidere chi tenere e su chi puntare, anche se oramai il progetto di vincere della squadra losangelina sembra un sogno irrealizzabile.
Qualche ora prima invece si era giocata la prima Gara delle semifinali ad East; partita che ha visto sfidarsi i Boston Celtics contro gli Washington Wizards. Bellissima partita tra due squadre molto ben attrezzate, soprattutto nel reparto esterni. Il primo quarto è un dominio di Wall e compagni, che riescono a guadagnare un vantaggio di 18 punti. Boston nei primi 12 minuti è stata irriconoscibile, sbagliando moltissimo i tiri da tre punti e guadagnando pochissimi rimbalzi. Tutto cambia nei periodi successivi: Thomas prende per mano la squadra e nonostante la perdita di due denti per un colpo ricevuto da Porter, trascina Boston al pareggio e al sorpasso nel quarto periodo. Ottima la prestazione di Crowder, che con le sue triple è stato un fattore fondamentale, insieme alla grandissima serata di Horford, autore di 21 punti, 10 assist e 9 rimbalzi. Come detto, Boston vince la partita nel terzo quarto, grazie a un fantastico parziale di 36-16, che demolisce letteralmente i sogni di vittoria dei Wizards. Miglior giocatore della serata, Thomas, che ha realizzato 33 punti e 9 rimbalzi; fondamentale per Boston il tiro da tre punti (49% di squadra). Washington, da canto suo, si può rammaricare per aver sprecato un vantaggio di 14 punti a fine prima quarto; vantaggio ottenuto grazie alle giocate di Wall e Gortat, che fino a quel momento, erano stati decisivi nella partita; i Wizards hanno perso una buona occasione per ribaltare il fattore campo. I Celtics, per vincere questa partita, hanno sfruttato al meglio tutto il calore del pubblico e la voglia di rimontare e di vincere, dimostrando il perchè Boston si è qualificata 1° ad East. E con un Thomas così....

 

la storia degli europei di pallacanestro

mental2

playersprofile

Cerca

SB Copertina 31 FB

aquista ebook basketcoach

TOP100 2016 300bn

editoriale direttore basketnet

basketcoach website link

Le news del giorno

Prev Next

27-05-2017

Varese, ecco Okoye

logo

 

 

 

 

DMC Firewall is developed by Dean Marshall Consultancy Ltd