top trasparente                                           top trasparente

banner superbasket 25

basketcoach basketball store sito allenatori basket

Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 192
Lunedì, 02 Gennaio 2017 15:06

Sir Charles Barkley

"Non sono pagato per essere un modello di comportamento", ha detto una volta il quarto giocatore nella storia della NBA a ritirarsi avendo superato in carriera sia i 20.000 punti (22,1 di media/gara) che i 10.000 rimbalzi (media di 11,7 ad incontro) ed i 4.000 assist (quasi quattro a partita) ovvero Charles Barkley. Forte, determinato, combattivo come non mai, ma anche irascibile, per nulla diplomatico nelle dichiarazioni come in certi atteggiamenti, questo era ed è Barkley, un personaggio particolare, persino all’interno del variegato mondo della pallacanestro americana. Particolare per il suo modo di essere. Ed ovviamente per il suo modo di giocare. A lungo è stato considerato una delle più grandi anomalie nella storia della lega, soprattutto per via del suo peso; nella storia della pallacanestro ne sono passati di giocatori apparentemente fuori forma, fuori quota, fuori tutto, meno che fuori dal parquet perché malgrado tutte queste debolezze hanno fatto prevalere la loro voglia (ed il loro talento) per arrivare ai vertici e questa è la storia di Sir Charles, un ragazzo che a soli 16 anni raggiungeva un'altezza di 195 cm e un peso di 136 kg. "L'appetito" di Barkley sembrava tagliarlo fuori dal mondo della pallacanestro americana, un modo in continua evoluzione fisica. Al college gli diedero il soprannome di "THE ROUND MOUND OF REBOUND" sia per le sue rotondità sia per la sua carica e la sua esplosività messa in campo durante le partite al college con la sua Auburn. Famose furono le parole dello scout di Auburn che scovò il talento di Barkley: "Un ragazzo grassottello, ma che gioca come il vento!". Dopo aver portato la sua università a partecipare al primo torneo NCAA della sua storia, venne selezionato al Draft dell'84 ( Draft che vedeva inseriti grandissimi nomi di giocatori che avrebbero fatto la storia della NBA, tra cui Michael Jordan, Hakeem Olajuwon, Michael Jordan, Sam Perkins, John Stockton) ed è proprio lui a raccontare ai microfoni di ESPN, i giorni precedenti al Draft e al suo esordio in NBA; mai banale, senza peli sulla lingua, Sir Charles Barkley, ha confidato alcuni retroscena del suo passaggio ai Philadelphia 76ers.

"Durante i primi workout pre-Draft con Philadelphia pesavo intorno ai 135kg. I 76ers avevano la quinta pick e mi dissero di scendere fino a 125 se volevo essere scelto da loro. Arrivai a 122. Dopo tutto quel lavoro, il mio agente mi chiamò per dirmi che dovevamo parlare della situazione, i 76ers gli avevano detto che mi avrebbero fatto firmare un contratto al minimo salariale. Un annuale da 75mila dollari. Gli dissi che non avevo lasciato il college per prendere così poco, dovevamo far si che i Sixers non mi scegliessero. Mancavano due giorni al Draft. La prima mattina credo di aver ingurgitato sei pancakes, bacon e un vanilla shake per colazione. Poi a pranzo Kentucky Fried Chicken e purè di patate. A cena un'enorme bistecca, patate al forno... E il giorno dopo la stessa identica cosa. Dopo due giorni di full immersion nel cibo volai a Philly con il mio agente e montai sulla bilancia. Ero arrivato a 136kg. Mi presero a insulti e mi cacciarono dalla stanza. Presi il treno per New York convinto di averla scampata, poi arrivai al Draft. "With the fifth pick in the 1984 NBA Draft, the Philadelphia 76ers select Charles Barkley, from Auburn University." Se andate a rivedere il filmato, è estremamente chiaro quello che stavo pensando nel momento in cui ho sentito chiamare il mio nome: "Ditemi che è uno scherzo. Ho lasciato il college per 75mila dollari?" Fortunatamente i Sixers decisero di tradare due giocatori e il mio primo contratto fu un quadriennale da due milioni di dollari. A quel punto ero felicissimo di essere a Philly."

 

Marco Mugnaini

 

 

Pubblicato in NBA
Giovedì, 01 Settembre 2016 21:46

Foto: Barkley conforta Sager in ospedale

 

Terzo trapianto di midollo osseo e una lunga lotta contro il cancro che Sager combatte oramai da molti anni. Charles Barkley, contrariamente al volere del medico, ha fatto "irruzione" nella sua stanza d'ospedale, per portare conforto ad uno dei giornalisti più amati e apprezzati della NBA. 

 

Pubblicato in NBA

 

Interpellato riguardo il trasferimento di Durant ai Warriors, Jason Williams ha avuto parole ben poco gentili nei confronti della "legacy" di Barkley: 

 

Pubblicato in NBA

Charles Barkley, durante un podcast su Sirius XM Radio NBA, ha duramente attaccato Cousins:

Pubblicato in NBA

Da Basketuniverso.it

Intervistato dal The Herd di Fox Sports Radio, l’ex stella di Phoenix e Philadelphia si è così espresso:

Pubblicato in NBA

Kawhi Leonard non smette di voler imparare sempre più aspetti del gioco e Popovich lo ha recentemente edotto sulle tecniche per sfuggire ai raddoppi. Sapete come? Mostrandogli dei video di Charles Barkley, che si è subito prodigato a dichiararsi più che onorato di questa "investitura".

Pubblicato in NBA
Domenica, 13 Settembre 2015 22:42

Barkley e il più bel "R.I.P" a Moses Malone

Fra tutti i messaggi di cordoglio per la dipartita di Moses Malone, quello di Charles Barkley ci è sembrato il più accorato e sentito:

Pubblicato in NBA
Lunedì, 17 Agosto 2015 22:56

VIDEO: Bryant risponde a Barkley

Kobe Bryant, recentemente imbeccato dall'irrequieto Charles Barkley ha voluto replicare via Twitter, postando un video che funge da esempio della sua "risposta" metaforica alle critiche:

Pubblicato in NBA

la storia degli europei di pallacanestro

mental2

playersprofile

Cerca

SB29 Copertina Social

aquista ebook basketcoach

TOP100 2016 300bn

editoriale direttore basketnet

basketcoach website link

Le news del giorno

Prev Next

logo

DMC Firewall is developed by Dean Marshall Consultancy Ltd