top trasparente                                           top trasparente

banner superbasket 25

basketcoach basketball store sito allenatori basket

Il Banco Sardegna Sassari sbanca il Ruffini (79-87) e rimane in lotta per il terzo posto a due giornate dalla fine della stagione regolare, mentre l'Auxilium incassa il quarto ko di fila e saluta definitivamente, complice la vittoria di Pistoia, il sogno di acciuffare i playoff. Al pubblico del Ruffini resta però parecchio amaro in bocca, come scrive "La Stampa di Torino": la squadra di Vitucci era infatti andata al riposo lungo avanti di 17, salvo poi crollare strada facendo, prima anestetizzata dalla difesa a zona sassarese e poi in evidente difficoltà psicologica. A poco è servito il rush finale, quando comunque Poeta e compagni sono riusciti a tornare a meno due a un minuto dalla fine.

 

Pubblicato in Lega A

Sassari fa bottino pieno fra le mura amiche, 2 punti per la classifica e scontro diretto ribaltato con l’ultima azione che vale il +10. Capo d’Orlando senza Archie, deve adattarsi alla lunghezza superiore del roster sardo e ci riesce sacrificando il minutaggio dei suoi, la stanchezza però la fa da padrone dei possessi decisivi e Sassari con Stipcevic chiude i conti, 74-64 il finale.

Crisi senza fine per la Betaland Capo d'Orlando che perde ancora, stavolta in casa della Dinamo Sassari per 74-64. Grande cuore dei ragazzi di coach Di Carlo che per larghi tratti della gara quasi riescono nell'impresa di far dimenticare l'assenza di Dominique Archie, out per infortunio. Parte bene la squadra sarda che realizza subito con Lighty e dopo 3' è già avanti 7-3. A Stojanovic ha fatto la festa di compleanno di pochi giorni fa ed in questa prima fase è straripante: 3 stoppate, assist e grandi giocate. L'Orlandina reagisce e piazza un parziale 0-13 e va avanti al 5' minuto sul punteggio 7-15. Il primo quarto si chiude con gli ospiti in vantaggio in doppia cifra. Stojanovic dominain lungo e in largo il match e porta i suoi sul 18-24 al 12' con due canestri appoggiando al vetro. Transizione offensiva impeccabile della squadra di coach Di Carlo e Ianuzzi dà il + 11 al 15'. I padroni di casa hanno però un sussulto d'orgoglio, sono rianimati ancora una volta dal capitano Devecchi e Stipcevic e arrivano così all'intervallo a sole 5 lunghezze di svantaggio dai siciliani (33-38). Al rientro sul parquet buone notizie per l'Orlandina, rientra infatti in campo il lungo croato Delas uscito nel corso del primo tempo per una botta alla testa. Il resto però è un disastro: Di Carlo è costretto al time out sul 41-38. L'emorragia non si ferma, Sassari continua a martellare (parziale 10-0) e ottiene 5 punti di vantaggio (43-38 al 23'). Alla sirena del terzo quarto l'Orlandina è sotto di 7 punti (57-50). Nell'ultimo quarto la Dinamo sembra gestire il vantaggio in tranquillità. Esce Delas per 5 falli, ma la Betaland improvvisamente riesce a riaprire la gara con lannuzzi, Tepic, Ivanovic: dal -9 arriva al -1 a 2' dalla fine. Però, come è accaduto ultimamente, nel finale le forze vengono a mancare all'Orlandina e Sassari dilaga ribaltando anche la differenza canestri. 74-64 il finale.

Sassari: Bitti, Bell 8, Devecchi 5, D’Ercole, Sacchetti 5, Lydeka 7, Savanovic 9, Carter 10, Stipcevic 20, Lawal 6, Monaldi, Lighty 4

Capo d'Orlando: Galipò, Tepic 13, Iannuzzi 9, Laquintana, Nicevic, Delas 4, Diener 11, Donda, Ivanovic 15, Stojanovic 12, Berzins

 

 

Pubblicato in Lega A

"Sassari - ha detto il coach Di Carlo - arriva da tre vittorie consecutive, quindi è in grande fiducia e cercherà di utilizzare queste ultime quattro giornate per rimanere tra le prime quattro in vista della fine del campionato. Noi invece arriviamo in maniera diametralmente opposta, veniamo da tre sconfitte consecutive ma abbiamo intenzione di invertire questo trend e portare a casa una vittoria; daremo fondo a tutte le nostre risorse caratteriali per giocare una partita consistente e con grande sacrificio per venire a capo di una partita molto complicata. Non ci sarà Archie ma io di solito non parlo di quelle che sono le assenze, che abbiamo avuto sempre dall'inizio del campionato. Non ne parlo perché mi sembra di spostare il "focus" su qualcosa che, ad oggi, non ci porta nulla, se non a cercare alibi e a mettere le mani avanti. Dobbiamo focalizzare l'attenzione sulle nostre risorse tecniche e tattiche da mettere in campo sabato per fare una partita alla pari e fare di tutto per vincere. Per quanto riguarda il momento negativo di alcuni dei ragazzi, io sono controcorrente. Può capitare a dei giocatori di non esprimersi al meglio. Ma io vedo i ragazzi allenarsi ogni giorno e lì vedo grande voglia di rivalsa, grande voglia di rimanere al livello in cui siamo. Guardiamo avanti con grande fiducia cercando di fare il possibile per espugnare il Pala Serradimigni."

 

 

Pubblicato in Lega A
Giovedì, 13 Aprile 2017 11:55

Dinamo Sassari: per Lydeka 500 da pro

Pubblicato in Lega A
Domenica, 09 Aprile 2017 09:37

Trento ci prova, Sassari vince

Colpo esterno della Dinamo, che sbanca per 66-57 il PalaTrento interrompendo la striscia di sette vittorie consecutive della Dolomiti Energia, ora agganciata a quota 30 in classifica ma con il vantaggio del 2-0 negli scontri diretti. La sfida è stata un anticipo di playoff. E come tale tiratissimo, equilibrato e con le difese protagoniste. Sassari ne esce vincitrice grazie ai 20 punti di uno straordinario David Bell e alla prova da trascinatore di Bryan Sacchetti, a referto con 9 punti, 10 rimbalzi e 4 assist. Assenze pesanti da entrambe le parti, con Pasquini che deve rinunciare a Lacey e Buscaglia costretto a rivoluzionare il quintetto per gli infortuni di Baldi Rossi e Marble. Come riporta "Il Corriere dei Trentino", l'Aquila Trento combatte, corre e lotta ma non è abbastanza. La Dolomiti cede il passo alla Dinamo e deve rimandare la qualificazione ai play off. Contro una Sassari era infatti un vero e proprio spareggio di alta classifica che però l'Aquila ha giocato con un roster ridotto ai minimi termini in seguito ai gravi infortuni che hanno colpito Baldi Rossi e Marble nella trasferta di Milano. I punti di distacco tra Dolomiti Energia e Banco di Sardegna, prima del fischio di inizio, erano infatti solamente due con Forray e compagni al quarto posto e gli ospiti che inseguono in settima posizione. In questa bagarre per accedere agli spareggi scudetto ottenere la posta piena con gli isolani avrebbe garantito, al 99 percento, il lasciapassare per il post regular season con quattro giornate di anticipo. Quintetto di partenza praticamente obbligato per coach Maurizio Buscaglia che schiera Craft, Forray, Sutton, Hogue e Beto. Trento parte bene ma poi Sassari piazza un mini parziale di 7 a 0 (4-7); dalla panchina escono subito Flaccadori e Moraschini, e proprio quest'ultimo si presenta con una tripla pesantissima (10-14). Beto dai 6.75 accorcia ulteriormente (14-15), Lovisotto fa il suo esordio stagionale e dopo il primo quarto Sassari conduce 20-15. Dentro anche Lechthaler, Sutton fa esplodere il palazzetto con una schiacciata e poi non sbaglia dalla lunetta per il meno uno (19-20); si prosegue sui binari dell'equilibrio soprattutto grazie al solito infinito Sutton semplicemente immarcabile (26-27). Trento mette la freccia con Flaccadori (28-27), i biancoblù continuano a perdere palle veramente banali, Stipcevic fa centro da tre, Moraschini fa tremare il canestro e a metà incontro la Dolomiti è avanti 33-30. Si torna in campo e il Banco ne piazza sette di seguito (33- 37), Lighty però sbaglia tutto e l'Aquila impatta sul 37. Flaccadori la infila da tre ma risponde con la stessa moneta Bell. Moraschini è scatenato (42- 40) ma Lawall ricuce (42-45). Craft pareggia sul 47 e la partita, dopo trenta minuti, continua a non avere un padrone. Viene fischiato un tecnico ad Hogue tuttavia i sardi non ne approfittano. A metà quarto Sassari centra due triple consecutive per il più quattro (52-56), Beto tiene in vita la Dolomiti dal perimetro (55-57) ma Stipcevic lo imita subito dopo. Trento non ne ha più. Il grande equilibrio viene spezzato solo a metà del quarto periodo, quando la Dinamo riesce a dare la spallata decisiva con il talento dei suoi migliori interpreti, confermandosi squadra letale nei finali in volata. In una serata fino a quel momento negativa dall'arco le tre triple consecutive di Ligthty, Bell e Stipcevic piegano le gambe a Trento e mettono in cassaforte la vittoria per i sardi.

DOLOMITI ENERGIA TRENTO: Conti ne, Sutton 16, Gomes 8, Hogue 7, Craft 7, Flaccadori 9, Lovisotto, Moraschini 7, Lechtaler, Bernardi ne, Forray 3.


DINAMO SASSARI: Bell 20, Lydeka 6, Stipcevic 11, Sacchetti 9, Lighty 7 Monaldi ne, Lawal 4, D'ercole, Carter 6, Savanovic 3, Devecchi, Ebeling.

 

 

Pubblicato in Lega A

Nonostante i tanti infortuni dell'ultima settimana, Trento è una squadra che mette paura, parola di coach Pasquini (Dinamo Sassari) , che ha perso nelle scorse ore per infortunio Trevor Lacey e ha commentato con queste parole ciò che attenderà i suoi ragazzi questa sera al PalaTrento:

"Andiamo a giocare una partita molto importante, come dice la classifica, contro una squadra che ha fatto qualcosa di incredibile nel girone di ritorno, una squadra che in questi giorni è stata colpita da due infortuni molto importanti. Questo può essere comunque un'arma a doppio taglio: da un lato un vantaggio per noi, dall'altro, invece, è possibile che la componente emotiva su una settimana sola e su una singola partita faccia si che giocatori che finora hanno avuto meno possibilità di trovare spazio e minutaggio possano tirare fuori il meglio dalle loro qualità individuali". Per Sassari, oltre alla sicura assenza di Lacey, c'è da fare i conti anche con gli acciacchi di giocatori, con la situazione infermeria che è stata così riassunta dal coach sardo, Federico Pasquini: "Lawal, che ha lamentato un fastidio al piede, oggi dovrebbe tornare a lavorare in gruppo, mentre Stipcevic ha ripreso ad allenarsi regolarmente. Questa settimana priva di impegni europei ci ha aiutato a riacquisire un po' di forze dopo un inverno davvero dispendioso." (Il Trentino)

 

 

Marco Mugnaini

Pubblicato in Lega A

L'anticipo di stasera è Trento-Sassari (ore 20.45, arbitri Sabetta, Biggi, Paglialunga, diretta Sky Sport 2 HD) con la Dolomiti che per l'intero finale di stagione dovrà fare a meno degli infortunati Marble e Baldi Rossi ed è sempre in attesa di sviluppi sul mercato. Brutte notizie anche in casa Sassari: nella fase decisiva del campionato di Serie A, la Dinamo perde infatti Trevor Lacey, che giovedì in allenamento si è lesionato il quarto metacarpo della mano destra. Il giocatore è caduto banalmente nel corso della rifinitura in vista della partenza per Trento, dove il Banco scenderà in campo nell'anticipo di questa sera. Ieri Lacey è stato sottoposto agli accertamenti necessari: la prognosi è di 30-40 giorni. In Trentino il suo dovrebbe essere preso da Josh Carter, coach Pasquini potrà comunque disporre regolarmente di Lawal e Stipcevic. Nel frattempo il presidente Stefano Sardara, che già meditava di tornare sul mercato per rinforzare il settore dei lunghi, sta cercando di individuare in fretta un sostituto in grado di non far rimpiangere Lacey in prospettiva playoff (L'Unione Sarda). Partita chiave per Sassari, che se riuscisse a vincere nella difficile trasferta di questa sera, raggiungerebbe e supererebbe Trento al 4° posto. In classifica Trento ha 2 soli punti in più, ma ha perso all'andata: se oggi il Banco di Sardegna concede il bis, il sorpasso è fatto, potrebbe ritrovarsi al quarto posto grazie a un pesantissimo 2-0 nello scontro diretto. Nonostante il forfait di Lacey che però gioca in un ruolo, quello di combo-guard, nel quale la Dinamo è copertissima: da Bell a Stipcevic passando per D'Ercole e Monaldi ma anche Devecchi e Lighty, quel "buco" può essere tappato. Ma servirà una straordinaria prova collettiva. Perfettamente identica nelle due metà campo.

 

 

 

Pubblicato in Lega A
Venerdì, 07 Aprile 2017 11:49

L'Aquila Trento ospita la Dinamo Sassari

Bellissima e intrigante la partita in programma Sabato 8 a Trento; di fronte due squadre in piena lotta playoff, con entrambe costrette a vincere per mettere al sicuro la propria posizione nella post season. Persi per la stagione sia Devyn Marble che Filippo Baldi Rossi, la compagine di Piazzetta Lunelli torna infatti in campo domani sera nell'anticipo nell'undicesima di ritorno per affrontare al PalaTrento il Banco di Sardegna dell'ex bianconero David Lighty. Come detto, match che avrà un'importanza notevole in ottica play-off, con Trento chiamata a vincere per difendere il quarto posto in classifica dall'assalto di Sassari, che nel match d'andata tra le due formazioni vinse con tre punti di scarto (69-66). A ribadirlo anche Davide Dusmet, membro del coaching staff aquilotto, come riporta il quotidiano "Trentino": "Nonostante gli infortuni a Marble e Baldi Rossi, i ragazzi sono stati bravi a non perdere concentrazione, alzando anzi il proprio livello di intensità e attenzione, consapevoli del fatto che a tutti, noi allenatori compresi, sarà chiesto di fare un passo in più d'ora in avanti. Grazie al contributo dei ragazzi del gruppo U18 di coach Marchini ci siamo allenati benissimo, preparando una partita che ci opporrà ad una squadra in grande condizione e di grande talento come Sassari. Dovremo fare grande attenzione alla straordinaria qualità del loro pacchetto esterni, pieno di giocatori capaci di fare canestro da fuori". Difesa e concentrazione sono le parole d'ordine scelte anche da Diego Flaccadori, classe 1996, che commenta: "Dovremo ripartire dalla nostra difesa per contenere il loro pericolosissimo tiro da tre punti, guadagnandoci così maggiori opportunità di rimbalzo che ci permettano anche di rispondere in campo aperto». Nel frattempo, tramite i suoi canali social, Devy Marble ha ringraziato la piazza trentina per tutto il supporto che gli è stato dato in questi difficili giorni. Nelle sue parole anche una possibile apertura per un suo ritorno a Trento durante la prossima stagione: "Grazie a tutti coloro che mi hanno cercato negli ultimi giorni: i vostri pensieri e le vostre preghiere significano tanto per me. Voglio ringraziare tutti: tifosi, compagni, staffe società, perché questi due mesi a Trento hanno costituito una delle più belle esperienze della mia carriera. Anche se non potrò scendere in campo, sarò pronto ad incitare la squadra perché porti a termine nella migliore maniera questa magica stagione. Non vedo l'ora di iniziare la mia riabilitazione e di tornare in campo".

 

 

Marco Mugnaini

 

 

Pubblicato in Lega A
Mercoledì, 05 Aprile 2017 17:07

Tanti auguri Manuel Vanuzzo

Compie oggi 32 anni l'ala grande della APU Udine Maneul Vanuzzo, ex giocatore di Montecatini, Messina, Olimpia Milano, Novara e Sassari. Proprio con i sardi ha avuto la sua esperienza migliore in Seria A, vincendo un campionato italiano nella stagione 2014-2015, due coppe italia ( 2014-2015) e una supercoppa italiana nel 2014. 9 anni bellissimi passati a Sassari e l'importanza di Vanuzzo a Sassari, la descrive benissimo Meo Sacchetti, ex allenatore della squadra sarda e attuale allenatore di Brindisi: " Dovrebbe smettere di giocare perché è vecchio, glielo dico sempre", scherza Sacchetti, poi però si ricompone, descrivendo l'attuale capitano della Gsa Udine come un punto di riferimento per lui e per il resto della squadra: "È stato una parte importante della mia storia a Sassari, sempre determinante, dalla promozione in A fino ai play-off. L'ultimo anno purtroppo lo spazio a disposizione si era ridotto, ma è rimasto una della persone che più mi hanno aiutato in Sardegna. Quando sono arrivato - continua - c'erano lui e Devecchidue persone oneste. Ecco, è proprio questo il vero vantaggio per un allenatore, quando hai in squadra degli uomini su cui poter contare sempre. Innanzitutto ricordo le ottime grigliate che facevamo assieme. Ma poi sul campo ho sempre negli occhi quel suo canestro a Bologna. All'ultimo secondo ci portò in semi finale play-off. Ho ancora alcune foto che ci ritraggono in quei momenti, felici e sorridenti. Sono talmente belle che ogni tanto fanno ingelosire mio figlio, anche lui suo grande amico. Caro Manuel, ti faccio tanti auguri di cuore." (Messaggero Veneto)

 

 

Marco Mugnaini

 

Pubblicato in Lega A
InizioIndietro12345678910AvantiFine
Pagina 1 di 33

la storia degli europei di pallacanestro

mental2

playersprofile

Cerca

SB COP FB 30

aquista ebook basketcoach

TOP100 2016 300bn

editoriale direttore basketnet

basketcoach website link

Le news del giorno

Prev Next

logo

 

 

 

 

Our website is protected by DMC Firewall!