top trasparente                                           top trasparente

banner superbasket 25

basketcoach basketball store sito allenatori basket

Mercoledì, 18 Gennaio 2017 09:48

Le nostre pagelle su Sassari

BELL 6: Dalla lunetta è sempre una certezza. Per il resto fa quello che può senza troppo brillare. Forse accusa un po’ la difesa aggressiva degli avversari.

DEVECCHI 6: Una partita in cui i minuti che gli vengono concessi sono decisamente pochi, in ogni caso il suo apporto alla squadra è decisamente importante, soprattutto difensivamente.

D’ERCOLE 6: In difesa una certezza, in attacco deve ancora trovare il suo ruolo 

SACCHETTI 6,5: Rimane in campo quasi 30 minuti e fa assolutamente bene alla squadra, con giocate preziose e una difesa sempre dura. Peccato che prenda veramente poco per se chiudendo il match con 5 punti e 5 rimbalzi.

LACEY 6,5: Quando c’è da decidere la partita lui si fa trovare presente. Il problema è che tutto poteva essere portato a casa molto prima se non avesse fatto degli errori da mani nei capelli. I 9 rimbalzi comunque sono da applausi.

SAVANOVIC 7,5: Come al solito una garanzia. Va in doppia doppia lanciando la Dinamo in fuga e tenendo gli avversari alla larga quando volevano provare ad avvicinarsi.

STIPCEVIC 8: A parte che viene da chiedersi quanto possa durare la sua batteria visto che a fine partita ci arriva con un filo di gas, in questa partita è il miglior marcatore dei suoi con 22 punti. 

Peccato per una percentuale di poco sotto al 50%.

CARTER 6,5: Era una pezzo che non lo si vedeva in campo. Fortunatamente per tutti  la mano non era impolverata e i tiri vanno dentro che è un piacere. Intelligenti le scelte offensive.

LAWAL 5: Forse il peggiore in campo, anzi senza forse. A tratti sembra che non ci provi nemmeno a giocare come sa di poter fare. Due punti e zero rimbalzi.

LYDEKA 7: Partita pulita e intensa per lui che non porta tanti punti ma si fa sentire in ogni parte del campo, sia in attacco che in difesa.

EBELING N.E.

MONALDI N.E.

 
Pubblicato in In evidenza
Domenica, 15 Gennaio 2017 08:28

La Dinamo in partenza per la Germania

La Dinamo in giornata partirà per la Germania in vista della partita di martedì.

Pubblicato in Estero
Giovedì, 12 Gennaio 2017 08:27

Le nostre pagelle su Sassari

BELL 5:  Pochi tiri ma anche pochi canestri. Chiude la partita con solamente cinque punti e qualche sbavatura data probabilmente dalla fatica. In sostanza una partita in cui lui non scende mai veramente in campo.

LACEY 5,5: Come si è visto per tutto il campionato europeo, il livello internazionale è quello dove lui fatica di più. Infila due soli punti, ma almeno in difesa combina qualcosa di buono.

JOHNSON-ODOM 5: Partita veramente poco lucida per lui. Ed è un problema quando gioca così, visto che del suo talento e del suo fisico Sassari ne ha veramente bisogno. Fiacco anche dal punto di vista atletico.

DEVECCHI 5,5: Non raggiunge la sufficienza perché in attacco non riesce a buttarla dentro. Tutti però dovrebbero prendere ad esempio la sua grinta difensiva. E’ evidente che da quel lato del campo la squadra giri meglio quando c’è lui.

SACCHETTI 6: Entra in campo e fa gli auguri di Buon Anno agli avversari con un due su due da tre. Poi però sparisce e non lo si vede più brillare. Ogni tanto però piazza un canestro e in un modo o nell’altro alla fine  chiude in doppia cifra. In difesa accusa molto di più che in campionato.

D’ERCOLE 6,5: Ottimo in difesa, più coraggioso del solito in attacco, dove piazza due canestri su due tiri tentati. Serve però la capacità di potersi ripetere.

LYDEKA 5,5:La differenza di fisico tra lui e gli avversari è evidente, nonostante questo continua a lottare. Mette in saccoccia veramente poco però per la squadra, anche se ai liberi  è una sicurezza.

STIPCEVIC 6: Tanti tiri. E’ forse questo che alla fine lo rende il migliore marcatore per la Dinamo.Le percentuali rimangono comunque dimenticabili.

SAVANOVIC 5:  2 su 6 al tiro e veramente troppa fatica in difesa vista la superiore atletici degli avversari che di certo non facilitano la partita. Conclude poco e niente ma almeno qualche urlaccio ai compagni per farli svegliare lo tira.

LAWAL 7: L’unico che trova con costanza il canestro mantenendo un livello sempre alto di intensità sia offensiva che difensiva. Non riesce comunque a fare la differenza in campo, non da solo almeno.

MONALDI 6: Raggiunge la sufficienza dato che come al solito ha la faccia tosta e il coraggio di giocare a modo suo. Viene però lanciato dentro quando la partita è ormai fatta. Infila una tripla da manuale.

EBELING : ne

Pubblicato in Lega A
Sabato, 07 Gennaio 2017 10:48

Sassari: qual è la situazione adesso?

La questione per la Dinamo è veramente molto semplice a questo punto:

Pubblicato in Lega A

La partita di Sassari contro l’Aek Atene si è conclusa mercoledì sera, ma le vicende ad essa legate ancora no.

Pubblicato in Coppe
Giovedì, 05 Gennaio 2017 14:00

Le nostre pagelle su Sassari

JOHNSON-ODOM 6: Sembra quasi al cento per cento anche se a volte si lancia verso canestro con delle azioni in solitaria evitabilissime. I numeri per essere un trascinatore li ha ma non li sfrutta adeguatamente.

BELL 8: Dirige la squadra al meglio dando tutto ai compagni. Quando però c’è da prendere un iniziativa lui si fa trovare presente piazzando 4 triple sulle cinque tirate. In difesa non perde mai di vista l’uomo.

LACEY 7: Viene da chiedersi se la benzina prima o poi gli finisca o possa continuare all’infinito. Sempre davanti all’uomo e sempre il primo a correre quando è necessario. Il tutto fare della squadra. Serve però continuità e non solo aggressività.

LYDEKA 6,5: L’intensità difensiva è quella giusta, però senza controllo serve a poco visto che lo porta a fare diversi falli ingenui. Comunque gioca bene con la squadra e questo è ovviamente un vantaggio per tutti.

SAVANOVIC 8: Che dire, quasi perfetto in ogni aspetto della partita.  La fiducia della squadre è riposta in lui e lui la ripaga nel migliore dei modi. Gli vengono garantiti pochi minuti (rispetto a quelli che meriterebbe) ma lui li sfrutta a pieno.

DEVECCHI: Non valutabile perché infortunato, ma dalla panchina si fa sentire.

SACCHETTI 7: Se non ci fosse lui a coprire il lato debole Sassari avrebbe subito molto di più in fase difensiva. Ottimi i movimenti in fase d’attacco che gli fanno sempre ottenere un tiro pulito.

D’ERCOLE 6: Ancora una volta gli vengono concessi diversi minuti in campo rispetto al solito. Li sfrutta bene anche se ancora è atteso al salto di qualità.

STIPCEVIC 7: Un altra gara concreta per la guardia che non tradisce mai nelle sue prestazioni da inizio anno.  Tiri puliti che raramente mancano il bersaglio.

MONALDI 6,5: Il solito atteggiamento determinato quando scende in campo e un batteria che pare non aver intenzione di scaricarsi. Punta tanto sulla difesa mentre in attacco siamo convinti potrebbe fare qualcosa in più. Una tripla da manuale comunque.

LAWAL 7,5: Una roccia in post basso, e non nel senso che è immobile, ma che non si fa spostare, anzi è lui che porta sotto canestro gli avversari arrivando quasi in doppia cifra. Un po’ peggio in difesa, ma comunque efficace come sempre.

 
Pubblicato in Coppe

coach Federico Pasquini ha incontrato i giornalisti in vista della gara di domani contro l’AEK Atene, valida per l’undicesima giornata della regular season di Basketball Champions League. “Domani giuochiamo contro la squadra più fisica del nostro girone. E’ una squadra che non soltanto ha una grande presenza a livello di ali forti e pivot ma ha anche nelle ali piccole Milosevic e Ukic due elementi che vanno spesso spalle a canestro, quindi dovremo esser bravi a fare un buon lavoro dentro l’area e a sfruttare la velocità contro di loro, perché giocando molto di fisicità possono pagare qualcosa dal punto di vista della corsa. Vogliamo andare avanti su quello che stiamo facendo ultimamente, mettendo quel tipo di energia che credo che possa essere la chiave contro chiunque per poter avere quella continuità necessaria a riprendere posizione a livello di classifica”. La probabile assenza di Jack potrebbe cambiare qualcosa nella scelta degli stranieri? “Dobbiamo essere un sistema di squadra che vada oltre l’assenza di un singolo giocatore. E’ chiaro che l’importanza di Jack la conosciamo tutti ma al di là della sostituzione nei ruoli per la copertura dei gap, la cosa importante è l’equilibrio di tutta la squadra e la capacità di sopperire utilizzando un tipo di sistema sia offensivo che difensivo solido. Valutiamo quelle che sono le alternative senza preoccupazioni particolari rispetto al ruolo preciso ma piuttosto sulla quadratura di squadra”. Rotazioni utilizzate ad hoc anche a Venezia, con una risposta importante da parte di tutti… "La cosa importante è che stiamo inserendo sempre meglio Bell e Lawal e questo ci dà la possibilità di spalmare su 10 giocatori il minutaggio, fondamentale pewr noi per riuscire a tenere ritmi che altrimento non riusciremmo a reggere. Noi abbiamo giocato il 27 dicembre e il primo gennaio, l’AEK ha giocato l’ultima gara il 26dicembre ed è facile comprendere quanto sia importante, avendo sulle spalle 80 minuti in campo in più, non sbilanciare l’utilizzo, perché indubbiamente lo pagheremmo. Questi inserimenti hanno permesso di avere un po’ più di gerarchie, un po’ più di equilibro a livello di rotazioni vere e proprie. Questa è l’unica strada, non abbiamo alternative, per fare in modo che ciascuno dei giocatori chiamati in campo sappia quello che deve fare”. L’Aek si è rinforzata… “Hanno preso Elonu, un lungo molto forte. Non so se giocherà domani ma comunque stiamo parlando di una squadra che ne ha tanti, sono talmente lunghi e profondi sotto canestro che hanno la possibilità di ruotarne davvero tanti”. Condizioni di Jack? “Lo teniamo fermo un paio di giorni e poi contiamo di recuperarlo, preferisco non prendere rischi su domani. Tra giovedì e venerdì vediamo quella che sarà la risposta ma credo che domenica ci sarà”

 

 

 

 

Fonte:  http://web.legabasket.it/news/121350/pasquini___contro_aek_energia_e_velocit___saranno_la_chiave

Pubblicato in Lega A
Lunedì, 02 Gennaio 2017 09:29

Le nostre pagelle su Sassari

DEVECCHI: Non è valutabile perché lascia il campo in un momento in cui stava girando bene e stava facendo girare bene la squadra. Peccato perché poteva servire alla causa.

BELL 7: Perfetto nel tenere insieme Sassari nei momenti in cui sembra vada allo sbando. Poteva aspirare ad un voto maggiore, ma a volte fa troppi palleggi che si traducono in qualche palla persa di troppo.

LACEY 5: Un po’ fantasma in campo e questo accorcia il suo minutaggio. In difesa l’aggressività e buona quando non si traduce in falli stupidi.

LYDEKA 7,5: In attacco è decisamente la colonna su cui si è poggiato il Banco per portare a casa i due punti. Devastante a rimbalzo sia davanti che dietro.

LAWAL 7: Per la partita che ha fatto gioca troppo poco. Poca tecnica ma tantissima sostanza e tantissimo atletismo. In difesa è uno spettacolo.

SAVANOVIC 7: Efficacissimo in campo. I compagni lo cercano per trovare delle soluzioni, ma a volte è lui che ne fornisce ai compagni.

D’ERCOLE 6: In difesa meglio che in attacco, anche se comunque ben in tutte e due le parti. Tiri scelti con cura e passaggi che i compagni vanno ad incassare a canestro.Lentamente si sta prendendo i suoi spazi.

SACCHETTI 7: Come al solito una difesa super energetica condita da buone scelte in attacco.  Anche a rimbalzo da il suo prezioso contributo.

STIPCEVIC 6: Partita pulita in cui fa quello che deve fare senza strafare. A volte però sembra che abbia delle difficoltà ad alzare la testa e servire i compagni.

JOHNSON-ODOM 7: Ora è chiaro che per giocare bene ha bisogno di qualcuno che lo aiuti ad entrare in partita. Porta in campo tutta la sua velocità e fa correre Sassari.

Pubblicato in Lega A

Il tecnico biancoblu Federico Pasquini ha incontrato i giornalisti in vista della sfida del primo dell’anno con Venezia. Domenica, 1° gennaio, alle 18:15 al Taliercio, i suoi ragazzi incontreranno la Reyer nella sfida valida per la 14° giornata di campionato. “Sappiamo che Venezia in questo momento è una squadra in fiducia che ha una serie aperta di sette risultati positivi. Hanno girato la stagione in Champions League e sicuramente arrivano da due mesi importanti. Conosciamo il valore e la profondità del loro roster, con un nucleo che arriva dallo scorso anno, ma credo sia importante concentrarci su di noi: vogliamo fare una prova vera fuori casa, in questo momento è quello che ci serve per capire se siamo sulla giusta strada. Dobbiamo cercare la consistenza e la continuità a livello di prestazione in trasferta”. Qual è la chiave contro Venezia? “Venezia è una squadra dalle tante possibilità sia a livello difensivo, dove possono cambiare, essere aggressivi e giocare la zona 3-2, sia a livello offensivo, perché possono correre, abbassarsi e giocare con Ejim e Peric insieme, o acquisire fisicità cercando il gioco interno con Peric da 4 e Hagins da 5. La vera differenza secondo me la farà il riuscire a imporre il sistema Sassari su quello di Venezia”. Qual è il sistema Sassari? “Credo che la differenza la faccia un attacco bilanciato, quello che ti permette di essere sempre in grado di avere buona transizione difensiva ed essere pronto a fare ciò che serve per mettere in difficoltà gli avversari. Se numericamente parlando siamo la miglior difesa del campionato è perché siamo stati molto equilibrati nel gioco dentro-fuori in alcune partite, riuscendo ad attaccare nei primi 8 secondi o ultimi 8, con la capacità di avere pazienza e andare e avanti, con precisione a livello di spaziature”. Cosa vi portate dietro dalla partita con Torino? “La svolta vera ce l’hai nel momento in cui raggiungi un equilibrio nel rendimento. Con Torino sicuramente abbiamo fatti 35 minuti di alto livello, tolti i 5’ del secondo tempo in cui ci siamo disuniti. Se riusciamo ad avere intensità con costanza nei 40’, soprattutto senza disunirci nei momenti difficili, possiamo pensare a una svolta importante e capiremo di essere sulla buona strada. Sicuramente se siamo quelli di Torino siamo una bella squadra ma non dimentichiamo che arrivavamo dalle sfide con Charleroi e Capo d’Orlando, quindi in questo momento è difficile dire se siamo guariti del tutto. Contro Venezia servirà una grande partita”.

 

 

Fonte:http://web.legabasket.it/news/121335/pasquini___contro_venezia_servir___una_grande_partita

Pubblicato in Lega A

Sassari in questo momento è ottava, anche se a pari con altre tre squadre che però in questo momento si ritrovano escluse dalle Final 8 di Coppa Italia.

La Dinamo per ora è dentro, ma ancora ci sono due partite da giocare e quattro posti su 8 sono già presi: Milano, Venezia, Reggio e Avellino. Inoltre uno ancora probabilmente andrà alla vincitrice tra Brindisi e Capo D’Orlando. 

Quindi a conti fatti rimangono tre posti e al Banco serve almeno una vittoria tra le partite che rimangono, rispettivamente Venezia e Caserta.

Tornando a guardare la classifica è chiaro però che il match che determinerà la presenza o meno della Dinamo a Rimini sarà quello con Caserta.

Pubblicato in Lega A
InizioIndietro12345678910AvantiFine
Pagina 1 di 28

la storia degli europei di pallacanestro

playersprofile

Cerca

SB COP FB 27

aquista ebook basketcoach

TOP100 2016 300bn

editoriale direttore basketnet

basketcoach website link

Le news del giorno

Prev Next