Anche la Grissin Bon europea non si sblocca. Terzo ko stagionale a Podgorica: 82-74

Fonte: La voce di Reggio Emilia

Un’occasione persa nella lunga corsa verso la qualificazione, anche perchè secondo molti addetti ai lavori, quella di Podgorica era la trasferta sulla carta più “morbida” per la Grissin Bon, in questa prima fase di Eurocup.

Reggio cede invece di schianto nel finale della sfida alla “Moraca”, lasciando campo aperto al Buducnost che s’impone per 82-74, rifilando ai biancorossi la terza sconfitta stagionale in altrettante gare. In casa Grissin Bon si sono viste certamente cose migliori rispetto al ko in campionato contro Pesaro, ma la squadra di Coach Menetti lamenta ancora troppi black-out a livello difensivo e il trend non può far sorridere, anche perchè all’orizzonte si prospettano la trasferta di campionato a Sassari, domenica a mezzogiorno, e la sfida di Eurocup al Bigi, contro un Galatasaray ferito dal k.o. nell’esordio continentale.

“Bravi loro che hanno giocato una grande gara, sovrastandoci nei 6 minuti finali dove abbiamo smarrito il ritmo partita con palle perse banali e canestri facili regalati.” L’analisi di Coach Max Menetti dopo il ko della “Moraca…. “Nel momento caldo non abbiamo eseguito bene in attacco, ma salvo la reazione dopo il ko di Pesalo che è stata importante. Lo ribadisco, siamo in un percorso di crescita e dobbiamo apprendere velocemente. Sinora abbiamo avuto alti e bassi, ma con tanti giovani alle prime gare a questi livelli è normale.”

Amedeo Della Valle ha provato a trascinare la Grissin Bon al successo: “Abbiamo giocato 30 minuti di grande solidità” – spiega Della Valle – “poi abbiamo perso concentrazione regalando contropiedi e concedendo davvero troppo ad una squadra esperta come il Buducnost. Non era facile su un campo come questo e con tanti ragazzi all’esordio, ma è un peccato!”