Boniciolli non drammatizza ma non risparmia critiche ai suoi giocatori

Matteo Boniciolli Foto Ciamillo-Castoria

Fonte: Corriere Adriatico di Mirko Faccenda

 

Matteo Boniciolli arriva in sala stampa dopo diversi minuti e dopo essersi scusato per il ritardo inizia la sua disamina in merito alla sconfitta dei suoi.

“Devo dire due cose sintetiche su di noi, ma prima auguro a Milano i risultati che merita visto che è una grande squadra. Tornando a noi la cosa che mi disturba è che il quadro emotivo di questa squadra è instabile. Come mi raccontava Cioppi quando sono arrivato, prima del mio arrivo la squadra fa tre vittorie consecutive, poi perde ad Avellino giocando fino alla fine e nella partita successiva perde con Cremona subendo 122 punti. Domenica scorsa la squadra ha giocato una partita di grande qualità con Venezia. Poi veniamo a Milano e avete visto tutti come è andata.”

“Ho detto ai giocatori che se devo morire in battaglia lo faccio combattendo” – spiega ancora Boniciolli – “e oggi (ieri) non è stato così. Quindi dobbiamo lavorare tanto e con Ario e Stefano faremo valutazioni sulla squadra. Riprenderemo a lavorare martedì. Adesso questo periodo terribile è finito e mi aspetto in queste settimane di pausa da partite ufficiali che la squadra continui a crescere, perché la salvezza dobbiamo ancora conquistarla. Queste settimane saranno dure dal punto di vista lavorativo, soprattutto le prime due. Non ho il mito della serenità e mi va bene salvarmi anche alla fine, però i ragazzi devono avere un atteggiamento diverso.”

Ora ci saranno tre settimane per ripartire in vista dello sprint finale.

“Per quello che mi riguarda questo è stato il mio ritiro precampionato. La squadra ha giocato tre partite bene e due male vincendo le partite fondamentali, ma nelle due sconfitte la squadra non ha giocato e questo mi fa arrabbiare. Non abbiamo l’attitudine alla prestazione quest’anno e dobbiamo migliorare sotto questo punto di vista”.

Come mai Artis ha giocato solo pochi minuti?: “Si è fatto male ad un piede, ed ha chiesto lui di non entrare più”.

Tutto quello che sta succedendo fuori dal campo in questo campionato sta influendo?: “Ha già influito. Al mio amico Claudio Limardi arrivando qui, ho assicurato che noi non faremo ricorso”.