Tavcar docet

NBA, non ti vorrei… di Sergio Tavcar

Da www.sergiotavcar.com.

Intermezzo. Vorrei pregarvi una cosa, ma lo faccio di cuore e con speranza che possiate esaudire la mia richiesta. Per favore, ve lo chiedo in ginocchio: su questo blog non parlate più, se solo vi è possibile, dell’NBA. O perlomeno non fatelo durante i periodi nei quali c’è, impellente, dell’altro basket. Se però non ne parlate proprio mi fate un favore. Non credo di pretendere la luna. Per disquisire sull’NBA ci sono esattamente tutti gli altri siti che parlano di basket, ci sono forum a iosa nei quali ognuno può dire la sua infervorandosi a sostenere questa o quella tesi, per cui per favore, se volete parlare dell’NBA, dirottatevi altrove. La mia speranza è infatti che questo blog possa essere un giorno totalmente NBA free. Un sito sui milioni che ci sono, mi permetterete di avere il diritto di chiederlo?

[…]

Tavcar docet

Parte la rubrica “Tavcar docet!”

Parte la nuova rubrica esclusiva di Basketnet.it con l’amico Sergio Tavcar. Un modo come un altro di chiacchierare in serena libertà di pallacanestro, con lo stile genuino dell’icona di Tele Capodistria. Non perdete gli appuntamenti […]

Tavcar docet

La partita delle stelle di Sergio Tavcar

Avevo cominciato a scrivere un nuovo post più di due settimane fa nel quale rispondevo, per così dire, a un po’ di posta, dicevo cioè la mia su alcuni vostri commenti. Poi per ragioni varie non l’ho finito, cosa che comunque farò, per cui a questo punto sperimenterò una cosa nuova, quella cioè di postare due pezzi in ordine cronologico invertito, visto che ora incalza l’attualità, leggi le mie considerazioni sulla Nazionale di basket vista in questi giorni a Capodistria. Dirò ovviamente la mia in curiosa attesa di sapere cosa ne pensate voi, soprattutto miei lettori più fedeli. Se posso anticipare qualcosa, dalla “vox populi” che con Tommaso abbiamo raccolto sulle gradinate del Bonifika pare che il sentimento generale sia quello di, diciamo così, forte sconcerto, per usare un eufemismo veramente all’acqua di rose.

[…]