Danilo Gallinari: «Nè Messina nè qualcuno della Federazione mi ha chiamato»

Ettore Messina, Danilo Gallinari

Fonte: Corriere della Sera a cura di Roberto de Ponti

Il pugno

«Il rimpianto di non esserci stato, di non aver potuto dare una mano, letteralmente, ai miei compagni».

Chiarimento con Messina

«Da quando ho lasciato il ritiro della Nazionale né il et. né qualcuno dalla federazione mi ha chiamato. So di aver sbagliato, ho chiesto scusa. Messina si è arrabbiato? Faremo pace a cena a Los Angeles messaggi, mi ha chiesto della mia mano. Nessuno. Ci sono un po’ rimasto male».

Arrabbiati

«Ho sbagliato, ho chiesto scusa. Un errore in 29 anni me lo concederete, no?…».

Clippers

«È la squadra perfetta, indipendentemente dal contratto. Mi sento molto considerato, vorrei raggiungere grandi risultati con questo gruppo».

Treno azzurro andato?

«E perché mai? Io a 29 anni mi sento ancora molto bene. Finché la Nazionale mi chiama io ci vado, caviglie e ginocchia permettendo».

Generazione complessa…

«La mia generazione si e scontrata con squadre che erano degli arsenali. E vincere non è mai facile. Sinceramente, ci sono squadre più forti di noi. E quando dicono che questa Nazionale è quella della generazione Nba, allora basta guardare quanti giocatori Nba hanno le altre Nazionali. Detto questo, la mia generazione non ha ancora chiuso».

Sistema

«Forse il sistema non funziona benissimo, mi piacerebbe vedere più italiani in campo. Tanjevic ha ragione: ha allenato in un’altra era, allora le cose funzionavano».