Eugenio Dalmasson: “Con Brindisi la possibile ciliegina sulla torta”

Eugenio Dalmasson

Ancora quarantott’ore prima del terzo e ultimo scontro del trittico delle festività che ha visto l’Alma Pallacanestro Trieste affrontare, nell’ordine, Reggio Emilia e Venezia, prima dell’appuntamento di domenica con Brindisi (Allianz Dome, ore 17.00). Gruppo al completo per coach Eugenio Dalmasson ed il suo staff tecnico, che ha potuto lavorare con costanza al prossimo impegno, dopo aver giocato anche il giorno di Santo Stefano.

Coach Eugenio Dalmasson, nella consueta intervista del fine settimana, traccia il bilancio del “ciclo terribile” che vede la sua formazione disputare tre incontri in un periodo molto breve di tempo: “Al di là delle tre partite in otto giorni, il problema stava anche nel periodo delle festività; era necessario trovare il giusto equilibrio per far sì che i giocatori potessero anche stare con le loro famiglie e, contemporaneamente, avere il momento giusto per preparare queste gare. La fase finale del girone d’andata è certamente importante, ci si giocano punti pesanti: noi ci siamo allenati con costanza ed i risultati ci stanno dando ragione, ma ora la testa deve essere focalizzata sul portare a termine questo sforzo con la partita contro Brindisi”.

Un’Alma Pallacanestro Trieste che “vede” ora addirittura l’obiettivo Final Eight di Coppa Italia: “Le due vittorie consecutive in trasferta ci hanno aperto orizzonti nuovi in classifica. Certamente, quando fai un filotto di vittorie, è possibile guardare le cose in un’altra ottica: in questo momento siamo in ballo per un traguardo importante che potremmo conquistare già domenica, di fronte ai nostri tifosi. Questo sarebbe la ciliegina sulla torta di una settimana straordinaria, oltre che il coronamento di un 2018 unico, per Trieste”.

Infine, il mirino si sposta sull’Happy Casa Brindisi: “E’ stata una delle sorprese della prima parte di stagione, con un precampionato straordinario. Ora soffrono l’infortunio di Clark, ma certamente sono un team esperto con un bravissimo allenatore: noi non dovremo dare nulla per scontato e rispettare l’avversaria, che ha giocatori di grande talento che possono fare la partita, e di questi su tutti cito Banks, per fare un esempio. Sarà una gara da approcciare nel migliore dei modi per cercare di vincere”.

Fonte: Ufficio Stampa Pallacanestro Trieste 2004

Matteo Gualandris