F8: Happy Casa Brindisi, protagonista e mina vagante della Coppa Italia

Fonte: La Gazzetta di Brindisi di Franco De Simone

 

Cantando, con Checco Zalone, “Siamo una squadra fortissimi”, oggi l’Happy Casa parte per il Mandela Forum di Firenze, per disputare la gara valida per i quarti di finale delle Final Eight, contro la Sidigas Avellino.

Per alcuni, la squadra di Frank VItucci vi arriva a sorpresa, ma non per i suoi sostenitori che nel corso dell’imminente fine settimana non mancheranno di essere presenti nell’impianto fiorentino, convinti come sono che Captain Adrian Banks e soci non torneranno tanto presto a casa.

È dunque arrivato il momento che, al via della stagione agonistica puoi solo ipotizzare, ma che ora vede i brindisini nell’elite della pallacanestro nazionale.

E non da Cenerentola invitata al gran ballo, ma da protagonista. È questo il frutto delle sei vittorie consecutive che hanno proiettato Brindisi al terzo posto in classifica, accanto a Cremona e Avellino.

Ma sempre terzo posto è, anche se per differenza canestri si scivola in quinta posizione. Ma, va bene così, anzi va di lusso perchè i biancazzurri, più che mai lanciati dopo l’importante vittoria su Pistoia, ora possono concentrarsi al meglio per affrontare Avellino.

Quello che l’Happy Casa s’appresta a vivere sarà il quinto battesimo (in sette anni) in una competizione di assoluto livello. Nelle precedenti edizioni Brindisi per due volte ha disputato anche la semifinale.

Ed anche questa volta è parso capire che nell’importante vetrina nazionale i ragazzi allenati da Vitucci vorranno restarci quanto più a lungo possibile. Per i loro sostenitori il quarto di finale di Coppa Italia sarà una grande emozione.

Andare a Firenze per vedere i propri beniamini giocare la coppa Italia, rappresenta un momento molto coinvolgente, un evento pieno di sorprese che terrà con il fiato sospeso in 40′ tutta una parte di stagione dentro o fuori.

Chiaro, Milano parte da favorita ma lo è in qualsiasi competizione italiana. Una squadra veramente competitiva sia con l’aggiunta di James Nunnally che con i risultati che stanno facendo, ma Brindisi vuole sapere se in 40′ minuti riuscirà a continuare a percorrere la strada.

È certo che ci metteranno entusiasmo e desiderio sapendo che potranno fare un regalo grandissimo alla loro gente.

L’Happy Casa Brindisi scenderà in campo con una divisa prodotta dal fornitore tecnico adidas, special edition per la Final Eight 2019. I colori giallo e nero richiamano alla gloriosa Polisportiva Libertas Brindisi, società che ha fatto la storia del basket brindisino dal 1945, anno di nascita, fino alla fine degli anni 70.

Sarà una vetrina nazionale per tutti gli sponsor che preziosamente hanno deciso di supportare e valorizzare.