Finale Nazionale U18 femminile

Umana Reyer Venezia contro Essegi Lupe San Martino e Minibasket Battipaglia contro Rittmeyer Brugg Giants Marghera. Sono questi gli accoppiamenti delle Semifinali della Finale Nazionale Under 18 femminile – Trofeo Vittorio Tracuzzi.

I Quarti disputati oggi al PalaZauli si chiudono così rispettando i valori emersi nella prima tre giorni, con le prime classificate dei Gironi che hanno superato le rispettive avversarie.

Domani le Semifinali. Si comincia con il derby veneto Reyer Venezia contro Lupe San Martino (ore 16:00) e poi Minibasket Battipaglia contro Rittmeyer Brugg Giants Marghera (ore 18:00).

Il live streaming è su fip.it/giovanile

I risultati dei Quarti di finale

Umana Reyer Venezia – MIA Costa Masnaga 88-53
Essegi Lupe San Martino – Kinder+Sport Schio 52-48
Rittmeyer Brugg Giants Marghera – Baskettiamo Vittuone 49-44
Minibasket Battipaglia – GEAS Basket 63-52

Il programma delle Semifinali
PalaZauli di via Don Minzoni, Battipaglia
Streaming e stats su fip.it/giovanile

Ore 16:00 Umana Reyer Venezia – Essegi Lupe San Martino
Ore 18:00 Rittmeyer Brugg Giants Marghera – Minibasket Battipaglia

Umana Reyer Venezia – MIA Costa Masnaga 88-53

Comincia con grande intensità il Quarto d’apertura in programma sul parquet del PalaZauli. Di fronte la Reyer Venezia, schiacciasassi del Girone A, contro il MIA Costa Masnaga, seconda forza dell’equilibrato Girone D. Le due formazioni si affrontano da subito con grande attenzione e tanto talento. Entrambi i quintetti lavorano bene a difesa del rispettivo canestro, ma la retina si muove comunque spesso. Merito dei talenti di Pinzan (ottimo avvio della play orogranata prima dell’infortunio che la costringe ad abbandonare la gara) e Madera (13 punti) da una parte, e di Balossi e Del Pero dall’altra. Costa è costretta agli straordinari per tenere l’urto delle lunghe venete, ma la coperta è sempre troppo corta, e così Destro (17 punti, 4/6 da 3) dall’arco e Madera dalla media firmano il massimo vantaggio per la Reyer (41-30) a pochi istanti dal riposo lungo.

Le ragazze di coach Liberalotto rientrano dagli spogliatoi ancora più concentrate dell’inizio gara. Sotto canestro Cubaj (13) e Madera non trovano più l’opposizione del primo tempo, e aumentano i propri personali con il passare dei minuti. Alla penultima sirena il parziale è 29-6, un break che affonda il Costa Masnaga, chiude anzitempo la gara e manda la Reyer Venezia in Semifinale.

UMANA REYER VENEZIA – MIA COSTA MASNAGA 88 – 53 (23-20, 41-30, 71-36, 88-53)
UMANA REYER VENEZIA: Coffau 8 (0/1, 2/5), Crovato 10 (2/3, 2/5), Cubaj* 13 (6/14, 0/1), Smorto 9 (1/5, 2/4), Madera* 13 (4/13 da 2), Dal Mas 4 (2/6 da 2), Orvieto 2 (1/1, 0/1), Galazzo 0 (0/2, 0/1), Destro* 17 (1/5, 4/6), Pinzan* 5 (1/3, 1/1), Gulbe* 7 (1/5, 0/1). All. Liberalotto
Tiri da 2: 19/58 – Tiri da 3: 11/25 – Tiri Liberi: 17/23 – Rimbalzi: 56 18+38 (Cubaj 9) – Assist: 7 (Dal Mas 3) – Cinque Falli: Crovato
MIA COSTA MASNAGA: Colognesi* 6 (3/6 da 2), Allevi 0 (0/1, 0/1), Fontana, Del Pero* 9 (3/5, 1/4), Balossi* 5 (2/5, 0/1), Nwohuocha 3 (1/4 da 2), Cincotto* 15 (7/15 da 2), Meroni* 9 (2/12, 0/6), Buscema 1 (0/2 da 2), Capellini 0 (0/4 da 2), Panzeri 4 (2/5 da 2), Colico 1 (0/1 da 3). All. Rossi
Tiri da 2: 20/59 – Tiri da 3: 1/13 – Tiri Liberi: 10/20 – Rimbalzi: 48 13+35 (Cincotto 10) – Assist: 4 (Del Pero 3)
Arbitri: Belprato Simona, Picchi Mirko

Essegi Lupe San Martino – Kinder+Sport Schio 52-48

Va al San Martino di Lupari il derby regionale con il Famila Schio. Le lupe partono forte e non danno mai la possibilità alle scledensi di trovare ritmo a canestro. Gli extrapossessi delle ragazze di coach Zanella sono ridotti all’osso (ai rimbalzi le luparensi dominano 55-39) e con percentuali dal campo mediocri, il match di Schio è un continuo rincorrere.
Almeno fino alla fine del terzo periodo, quando Vaidanis (15 punti) mette la tripla del -6 (35-41). È una scossa che riaccende il derby nell’ultimo quarto, e infonde fiducia a capitan Mingardo, 5 punti di fila, e a Zambon, che realizza il 46-46 a 3’ dalla fine.
Dopo tanta gara passata a controllare le avversarie, l’Essegi deve ricominciare tutto daccapo, (per un possesso Schio è addirittura davanti), e allora devono salire in cattedra Brutto (12 punti + 8assit) e Fassina (11 punti + 10 rimbalzi), che risolvono le grane delle luparensi con il controbreak del 52-48 conclusivo.

LUPE S. MARTINO – KINDER + SPORT SCHIO 52 – 48 (19-11, 31-15, 41-35, 52-48)
LUPE S. MARTINO: Meroi 3 (1/8 da 2), Boaretto* 8 (4/9, 0/2), Fassina* 11 (5/10, 0/4), Brutto* 12 (4/10, 1/1), Marcon NE, Nezaj 0 (0/2 da 2), Profaiser* 4 (2/3 da 2), Peserico 2 (1/7 da 2), De Grandis NE, Fietta 0 (0/1 da 2), Milani* 10 (4/15 da 2), Vettore 2 (1/4 da 2) All. Valentini
Tiri da 2: 22/69 – Tiri da 3: 1/7 – Tiri Liberi: 5/9 – Rimbalzi: 55 25+30 (Milani 11) – Assist: 5 (Fassina 3)
KINDER + SPORT SCHIO: Vaidanis 15 (3/6, 1/3), Mingardo* 6 (1/10, 1/3), Zambon* 4 (1/2 da 2), Battilotti 2 (1/1 da 2), De Santis* 2 (1/2, 0/1), Viviani 8 (1/5, 2/6), Oliviero, Introna* 4 (1/3, 0/4), Nizza* 1 (0/3 da 2), Pierini 4 (2/7 da 2), Meggiolaro NE, Dell’otto NE. All. Zanella
Tiri da 2: 11/39 – Tiri da 3: 4/17 – Tiri Liberi: 14/17 – Rimbalzi: 39 11+28 (Pierini 7) – Assist: 2 (Vaidanis 1)
Arbitri: Mignogna Cristina, Giordano Antonio Giuseppe

Rittmeyer Brugg Giants Marghera – Baskettiamo Vittuone 49-44

Il Rittmeyer Marghera parte forte nel Quarto di finale contro il Baskettiamo Vittuone, e si porta avanti di 10 lunghezze già a metà del periodo d’apertura. La prestazione delle campionesse in carica dell’Under 16 non è però annichilente, e le tiratrici di coach Iurlaro litigano da dietro l’arco per tutta la partita (0/14 fino all’ultimo periodo, poi la storia cambierà). La mano fredda delle Giants permette alle lombarde di non perdere troppo terreno, ed anzi alla penultima sirena c’è una partita ancora tutta da decidere (36-34).
Nel momento clou del match, sono proprio le prime due venete firmate da Pastrello (20 punti + 8 rimbalzi) e Zavalloni (10) a scavare un solco importante (48-38). Vittuone non ne vuole sapere, ritorna sotto con un’infinita Corbetta (23 punti per il capitano delle lombarde), ma non può che inchinarsi alle rivali, vincenti per 49-44.

RITTMEYER BRUGG GIANTS MARGHERA – BASKETTIAMO VITTUONE 49 – 44 (13-8, 20-17, 36-34, 49-44)
RITTMEYER BRUGG GIANTS MARGHERA: Zavalloni* 10 (2/4, 1/8), N’Guessan NE, Toffolo* 8 (2/12, 0/1), Margiotta NE, Salmaso 0 (0/3 da 2), Cecili* 3 (0/3, 0/1), Gini* 0 (0/1 da 3), Pastrello 20 (5/8, 1/2), Vettori NE, Baldi* 8 (4/8 da 2), Fiorin 0 (0/3 da 3). All. Iurlaro
Tiri da 2: 13/38 – Tiri da 3: 2/16 – Tiri Liberi: 17/32 – Rimbalzi: 40 13+27 (Pastrello 8) – Assist: 5 (Pastrello 3)
BASKETTIAMO VITTUONE: Gallitognotta* 2 (0/1, 0/2), Migliorini NE, Monforti, Corbetta 23 (7/9, 2/8), Pratelli* 5 (2/3, 0/1), Chiavegato 0 (0/1 da 2), Cantone* 6 (3/9 da 2), Doz, Pianta* 8 (3/10 da 2), Pianta, Colli 0 (0/2 da 2), Trabucchi* 0 (0/3 da 2). All. Riccardi
Tiri da 2: 15/38 – Tiri da 3: 2/11 – Tiri Liberi: 8/10 – Rimbalzi: 36 5+31 (Pianta 10) – Assist: 8 (Cantone 4)
Arbitri: Lanciotti Valeria, Bertuccioli Nicolo’

Minibasket Battipaglia – GEAS Basket 63-52

Inizio scoppiettante nell’ultimo Quarto di giornata. Gli spalti del PalaZauli sono stracolmi di tifosi del Minibasket Battipaglia, ma il caloroso pubblico non spaventa il GEAS, organizzata in difesa e incisiva in attacco con un’ ottima Decortes a lavorare nel pitturato. Battipaglia ci mette un po’ a trovare le controffensive, ed esce dall’empasse iniziale con la sua play Costanza Verona, inarrestabile con 12 punti nel solo primo periodo (24 in tutto, più 14 rimbalzi).
Le geassine recitano la parte dell’inseguitrice con grande coraggio (Oliva e Panzera non calano mai il ritmo della prestazione), ma Battipaglia, per la prima volta messa in difficoltà in questa Finale Nazionale, ne esce alla grande. La vena realizzatrice di Verona si esaurisce nella seconda parte di gara, e allora entra in scena nel parzialone del terzo periodo Chicchisiola e Vella, protagoniste del 14-7 che manda le padrone di casa all’ultimo riposo sul 54-37. Il GEAS è alle corde, ma vuole uscire dalla competizione a testa alta. Non viene schiacciata al minuto 40, ma Battipaglia ha troppa voglia di continuare il sogno Scudetto, e la partita non cambia padrona fino al 63-52 conclusivo.

MINIBASKET BATTIPAGLIA – G E A S BASKET 63 – 52 (20-19, 40-30, 54-37, 63-52)
MINIBASKET BATTIPAGLIA: Chicchisiola* 9 (3/11, 1/2), Cremona* 4 (2/2 da 2), Verona* 24 (7/13, 3/7), Codispoti, Scarpato 0 (0/3 da 3), Trucco* 8 (4/10, 0/1), Martines 0 (0/1 da 3), Vella* 14 (4/8, 2/7), Pastena, Sorrentino NE, Scolpini NE, Opacic 4 (2/4 da 2). All. Dragonetti
Tiri da 2: 22/48 – Tiri da 3: 6/21 – Tiri Liberi: 1/4 – Rimbalzi: 45 15+30 (Verona 14) – Assist: 5 (Chicchisiola 1)
G E A S BASKET: Mariani* 12 (0/3, 4/8), Oliva* 11 (4/10, 1/9), Paleari* 3 (0/1, 1/2), Panzera* 7 (2/8, 1/3), Decortes* 12 (5/9 da 2), Bartesaghi 3 (1/1 da 3), Bianchi NE, Rossini, Spinelli 0 (0/1 da 3), Bonadeo, Sartor 2 (1/3, 0/1), Marconetti 2 (1/3 da 2). All. Lombardi
Tiri da 2: 13/37 – Tiri da 3: 8/25 – Tiri Liberi: 2/5 – Rimbalzi: 40 12+28 (Decortes 10) – Assist: 1 (Oliva 1) – Cinque Falli: Oliva
Arbitri: Culmone Cristina Maria, Miniati Gian Lorenzo

Ufficio Stampa FIP