Fip provinciale sul ritiro della squadra: «Ma non si può bloccare ogni partita»

Pallone sgonfio

Fonte: BresciaOggi

«Se Marco Giazzi ha agito così, sul momento, con un gesto dettato dalla situazione focosa che si era creata sugli spalti, è giusto che lui abbia potuto farlo, è giusto che abbia potuto esprimere le proprie idee, e il segnale che è stato dato può essere anche condivisibile. Certo è che se dovessimo fermare tutte le partite sarebbe un problema». Queste le parole del presidente della Fip provinciale Andrea Sina, che poi aggiunge: «Il problema se mai è un altro, è di educazione, perché questa non è la prima segnalazione di comportamenti di un certo tipo che ci arriva. Bisogna che tutti si impegnino per migliorare la cultura sportiva». Intanto ieri è arrivato il referto in Federazione, firmato dall’arbitro, in base al quale domani o venerdì dovrebbe arrivare la decisione del giudice sportivo territoriale, anche se non è escluso, è emerso nella giornata di ieri, che visto il clamore suscitato dalla vicenda le carte vengano richieste dal giudice sportivo regionale e sia poi lui ad esprimersi. Il fatto di aver lasciato il campo da parte dei padroni di casa dell’Amico Basket Carpenedolo dovrebbe avere come conseguenza la sconfitta 0-20 a tavolino, con il referto controfirmato dalle due squadre; nei prossimi giorni si capirà dunque se sarà confermato un verdetto che adesso pare in ogni caso scritto.