La ricetta di Pashutin per battere la Dinamo Sassari

Evgeny Pashutin Foto Ciamillo-Castoria

Fonte: Quotidiano Sportivo di Roberto Nardella

 

Andrà a caccia della terza vittoria consecutiva in campionato l’Acqua San Bernardo Cantù che questa sera alle 20.30 (diretta tv su Eurosport Player) ospiterà a Desio il Banco di Sardegna Sassari nell’anticipo dell’ultima gara del girone d’andata.

Pistoia prima e Torino poi le vittime di Cantù che per provare a risalire ulteriormente la classifica e ad allontanarsi dalla zona calda dovrà provare a piegare anche i sardi affidandosi ancora una volta al gioco di squadra.

Una caratteristica che ha portato la squadra di coach Pashutin a produrre qualcosa come 51 assist (25.5 di media) nelle ultime due partite.

Questa dunque potrà essere la chiave di volta per la formazione brianzola come sottolinea lo stesso tecnico di Cantù:

“Dovremo continuare a fare quello che abbiamo fatto nelle ultime due partite, ovvero controllare il ritmo della gara e, in attacco, continuare a passarci così tanto il pallone. Questo ha portato a produrre 30 assist contro Pistoia e 21 contro Torino. Perché se in attacco condividiamo il pallone come una squadra, abbiamo potenzialmente 5-6 giocatori in grado di segnare 10 o più punti in una partita. Questa è per noi un’ottima cosa, perché prima di tutto ci rende una buona squadra, ma anche perché ci rende molto pericolosi ai nostri avversari.”

Il tecnico canturino, infine, chiama a raccolta il pubblico:

“Continuiamo a giocare così, dando il massimo davanti al nostro pubblico, al quale chiedo di venire in massa a sostenerci, per lottare tutti insieme e risollevarci definitivamente dalle ceneri”.