La struggente lettera d’addio di Isaiah Thomas a Boston

Isaiah Thomas

Fonte: Gazzettanba.it a cura di Michele De Blasis

Il rapporto tra Isaiah Thomas ed i Boston Celtics è stato a dir poco bellissimo e nonostante la trade continuerà ad esserlo. I Celtics hanno fatto diventare Isaiah un grande giocatore e quest’ultimo ha riportato Boston tra le grandi della NBA. Quello tra la franchigia del Mussachussets ed il Re del quarto periodo è stato un amore profondo che lo stesso Thomas ha provato a descrivere tramite l’ormai celebre The Player Tribune, con una lettera che definire commovente è poco: ‘

“E’ divertente, avevo appena finito di festeggiare.

Quando ho ricevuto la chiamata da Danny, ero uscito dall’aeroporto. Mia moglie Kayla stavamo tornando dopo aver festeggiato il nostro anniversario di matrimonio di un anno. Eravamo andati a Miami per un paio di giorni ed eravamo di ritorno a Seattle.

Ho perso la chiamata, forse stavo facendo qualcosa in macchina. Danny lasciò un messaggio.

“IT, chiamami quando puoi”.

Sembra drammatico, ma è stato un messaggio piuttosto normale di Danny. Così lo chiamai, senza pensarci troppo, stavo ancora guidando. Sapeva che ero stato in viaggio, quindi mi ha fatto alcune domande su di esso. Sembrava una normale conversazione.

Poi una piccola pausa….

“Ti ho appena scambiato”

È stato semplice.

Niente paroloni o discorsi inutili, anche perchè quando si tratta di merda come quella, non c’è molto di più da dire.

“Dove?”. È tutto quello che avrei potuto dire.

“Ai Cavaliers, per Kyrie”

Sei mai stato al telefono mentre qualcuno dice qualcosa che ti sconvolge? Ad un tratto tutto quello che riesci a pensare dopo è che vuoi troncare il discorso il prima possibile. Non per essere scortese ma perchè te lo impone la tua forza di volontà. Questo è quello che provavo in quel momento.

Danny ha iniziato a ricordare tutto quello che ho fatto per la città di Boston, e per l’organizzazione Celtics, sia sul campo che fuori. A proposito, mi dice che sono un grande giocatore e di come sarò grande a Cleveland.

Mi stavano attraversando molte cose nella testa in quel momento. Dovevo fermarli. Il mio primo istinto era quello di capire cosa significasse questo per la mia famiglia. Pensavo ai miei due figli, James e Jaiden, e dovetti dire loro che era giunto il momento di muoversi. Sapevo che sarebbe stata una scossa per loro, innanzitutto per via dell’inizio dell’anno scolastico. In secondo luogo, sapendo quanto si sono affezionati a Boston.

I ragazzi erano rimasti con mia madre mentre Kayla ed io eravamo lontani e così appena siamo arrivati ​​dall’aeroporto, abbiamo parlato con loro. Sapevo che la notizia si sarebbe diffusa prima o poi, e volevo assicurarmi che lo avessero sentito da me. E così ho raccontato loro cosa era successo: papà è stato scambiato.

James, il mio primogenito ha fatto la stessa prima domanda che ho fatto. “Dove?” Deve aver ripreso il mio stesso carattere data la sua reazione a caldo.

“Cleveland. Mi hanno scambiato per Kyrie”

LEBRON! LEBRON JAMES! Papà papà tu giocherai con LeBron James! “

Jaiden, però, il mio secondogenito, è un po ‘più sensibile ed ama Boston più di chiunque. Temevo che la notizia potesse essere molto dolorosa per lui. E solo guardando la sua reazione, quando ha sentito, potrei dire che avevo ragione. Sembrava un po’ giù.

Ho detto: “Jaiden, sei felice o sei triste?”

“Triste.”

“Perché?”

E lui disse: “Perché Cleveland probabilmente non dispone di parchi a skate”.

È grande appassionato dello skate. Quindi era decisamente sconvolto.

Poche ore dopo, tutti sapevano la notizia. Tutti i miei social stavano impazzendo. Devo aver avuto mille messaggi e ho visto mille reazioni.

Quello di cui avevo bisogno era sapere delle reazioni dei miei figli. In molti hanno fatto discorsi sulla trade, sulle reazioni, su cosa comporterà questo scambio…. e, in due minuti, i miei figli hanno fatto meglio di tutti in una chiamata su FaceTime.

Uno, come ha detto il mio più grande “LeBron James”. Vado a giocare nella migliore squadra ad est e cercherò di vincere un campionato accanto al miglior giocatore del mondo.

E due, come diceva il mio più piccolo: “son triste”. Non avrei mai voluto lasciare questa città, volevo essere il suo punto di riferimento.

Mi mancherà di essere un Celtics.

Ma sì, lo dico: quella merda di ferita fa male. Molto male…e non mi mentirò, fa ancora male!

Non è che non lo capisco. Naturalmente lo so: questo è un business. Danny è un uomo d’affari e ha fatto una mossa d’affari. Non sono d’accordo con questo, solo personalmente, e non credo che i Boston Celtics miglioreranno con questa trade. Ma questo non è il mio lavoro. Questo è Danny. Ed è un lavoro duro e lui è stato veramente bravo. Ma alla fine della giornata, queste offerte sono giunte fino a una cosa: business. Quindi non ci sono sentimenti negativi. Sono un uomo cresciuto e so cosa mi sarebbe potuto accadere quando sono entrato in questa lega, finora sono state più benedizioni che maledizioni. Non sto seduto qui, scrivendo questo, perché mi sembra di essere stato trattato male. Boston aveva il diritto di scambiarmi.

Stavo pensando alla trade dello scorso anno con KD e la sua free agency, su come le persone gli hanno dato addosso perché ha fatto quello che sentiva era meglio per lui e per il suo futuro. Lo hanno trasformato in un cattivo, solo per aver fatto quello che ha diritto di fare come Free Agent. Improvvisamente, “Oh, è egoista” o “Oh, è un codardo”. Improvvisamente, era diventato un cattivo ragazzo.

Voglio far notare alla gente come i giocatori, in questo caso, non possono fare molto. Le società ti scambiano senza alcun avvertimento, pensano solamente al loro marchio. Dovete capire quindi che, 99 volte su 100, sono i proprietari ad avere il potere. Quindi, quando i giocatori si muovono da sinistra a destra cambiando la loro vita senza dire niente e i tifosi lanciano loro la merda addosso va tutto bene? Onestamente no, ma ciò indica la strada verso dove sta andando la lega.

E come ho detto, non ci sono sentimenti di rivalsa. Ma spero solo che la prossima volta che un giocatore lascia la Free Agency, chiunque voglia trattare per lui o scrivere una storia critica o un tweet brutto su di lui, ci pensi due volte. L’uomo quando ha a che fare con gli affari non pensa più a niente.

Allo stesso tempo però, la gente deve capire. Sono ancora ferito per questa trade e spero che le persone possano capire che quando dico che sto male, non è diretto a nessuno. Non sto dicendo che sono stato ferito da nessuno o tradito. Sto solo dicendo: amico, sono solo umano. Posso agire come un ragazzo duro sul campo. E mi sembra di avere il ghiaccio nelle vene quando sto giocando ma non è veramente ghiaccio. Ho sangue e ho un cuore come tutti gli altri.

Mi sono innamorato di Boston.

Quando sono venuto a Boston sapevo il ruolo che mi aspettava. “La point guard che giocherà un po’”, “l’uomo che esce dalla panchina”, il “sesto uomo”. Volevo dimostrare che non ero ciò che avevo dimostrato fino ad allora.

I tifosi sapevano che sono stato preso come parte di un processo di ricostruzione profonda e che questo non era un momento per pensare ai Playoffs o niente. Questi dovevano essere alcuni anni di transizione.

Abbiamo fatto così bene in questi anni perché siamo stati un grande gruppo, abbiamo legato tra noi come nessuno ha mai fatto. In tutta la mia vita, tutto quello che stavo facendo era vincere, e giocare una grande pallacanestro. Questo è dedicato alle persone che mi avevano detto che sarei stato un giocatore da panchina e che il meglio che avrei potuto fare era essere il marcatore di una squadra in ricostruzione. Ed è quasi come se io, la città, i miei compagni di squadra e i tifosi dei Celtics, abbiamo condiviso lo stesso cuore e la stessa mentalità. Tutti volevamo solo vincere  nel breve periodo. Nessuno di noi ha avuto tempo per i nostri critici. Uomo, cazzo è la lotteria.

E penso che si sia sviluppata in questa particolare situazione, questa connessione speciale. Ognuno ha tutti i numeri e le statistiche, e tutti questi esperti pensano che non abbiamo tutto questo legame. Non hanno mai capito l’importanza di avere una cultura vincente: dai tifosi, ai giocatori, agli allenatori, all’ufficio frontale, fino alla vetta. Noi l’abbiamo fatto qui. Questo è stato il primo posto, la prima organizzazione, il primo gruppo di tifosi del campionato che non mi hanno dato un’occhiata, date un’occhiata alle mie dimensioni e mi metterò nello stesso ruolo di sempre. I Boston Celtics mi hanno permesso di avere la possibilità di essere fantastico. E non lo dimenticherò mai.

Ed è per questo che le persone mi chiedono molto sui Playoffs dello sorso anno. A proposito di come, anche dopo la morte di mia sorella China, ho giocato gara-1 contro Chicago. È la mia mentalità. Con il basket ho sempre avuto questo profondo legame. Non importa quello che avrei attraversato nella vita … ho sempre saputo che sarei potuto andare in un campo da basket a sfogarmi. Tutto quello che devo fare è trovarne uno e saprò che starò bene per lungo tempo sul parquet. Perché questo è quello che il basket è sempre stato per me, attraverso gli alti e bassi della mia vita. Mi protegge da tutto quello che sto attraversando nella vita.

Quando sono arrivato all’arena quella sera, dopo che Chyna era morta, stavo pensando: ok, ho solo bisogno che succeda. Ho bisogno di questo campo che dev’essere il mio scudo stasera, ho bisogno di questo campo per aiutare a dimenticare. Quando sono arrivato sul parquet? E’ una di quelle emozioni che ti segnano… non riesco neanche a descriverlo. L’applauso che ho ricevuto, posso ancora sentirlo. La gente ha fatto tutti i cartelloni e ancora li vedo: QUESTO È PER CHYNA. NOI AMIAMO ISAIAH. Questo genere di cose. Poi hanno fatto un momento di silenzio, l’intera arena, in onore di Chyna.  Ho capito, in quel momento, che non avevo bisogno del campo per proteggermi. Non avevo bisogno di bloccare tutto, e fingere di non aver avuto il dolore. Non dovevo stare da solo in questo. L’intera arena era proprio lì con me. Onestamente, mi sembrava che tutta la città di Boston era con me.

Volevo solo giocare. Prima di tutto, lo farò per Chyna e per la mia famiglia. Ma poi lo farò anche per la mia città. Perche’ quello che mi stanno mostrando adesso è tutto quello di cui ho bisogno stanotte: sapere che non sono solo. Mi stanno dimostrando che stanno attraversando la stessa cosa che sto attraversando in questo momento. Mi stanno dimostrando che sono uno di loro.

E lo sono stato per due anni e mezzo.

Voglio dirlo qui e potete metterlo su qualsiasi bacheca: sono orgoglioso di essere un Cavs adesso. Sarà un grande anno per i tifosi di Cleveland e sarà un grande anno per me. Sono eccitato.

Se avete visto tutte le partite dei Celtics lo scorso anno, sapete quante volte mi hanno raddoppiato o triplicato solo per non concedermi il tiro da fuori. E’ stato un bene per noi, i ragazzi hanno sfruttato al meglio questa situazione anche se la mia percentuale di tiro è scesa. Ma quest’anno sarà diverso: davvero mi verrete a raddoppiare o triplicare mentre sono in squadra con il miglior giocatore del pianeta? No, non credo.

E questo è solo LeBron. Guardando ruolo per ruolo capisco di non veder l’ora di iniziare a giocare con loro:  Kevin Love (finalmente mi sono riunito con il mio compagno di squadra AAU!), Tristan Thompson, JR Smith, Iman Shumpert … non è un caso a me che questi ragazzi hanno vinto per tre anni di fila il titolo della Eastern Conference. Adesso aggiungi anche D. Rose, e il mio ragazzo Jae? Questo elencoragazzi è solo spettacolare. Cavalieri di Cleveland, prepariamoci al rock and roll.

Naturalmente, essendo ad est adesso dovrò incontrare il mio passato. Non mentirò, proverò diverse emozioni. Perché questo è stato il nostro obiettivo a Boston per tanto tempo, sconfiggere i Cavs e vincere la Eastern Conference.  E so che è ancora l’obiettivo di Boston. Ora però, è come se fossi io a impedire di raggiungerlo. E questo è duro perchè quando giocheremo con i Celtics… sarà difficile da spiegare. Sarà “la squadra che mi ha portato ad essere ciò che sono”. Io ho solo contribuito a far tornare grande Boston.

Quindi sarà veramente dura giocare contro di loro.

E’ triste, è solo triste. Ma io non sono venuto a Cleveland per perdere.

Come ho detto, quando si è diffusa la notizia, ho ricevuto molti messaggi. IG, Twitter, segreteria telefonica. Ho trovato un messaggio in particolare, tra tutti, che veramente si preoccupava di me. Era stato mandato da Tom Brady.

“IT ho sentito la notizia, stai bene?”

“Sto bene. E’ una situazione pazza”

“Sì. Buona fortuna. Sarai grande. Rimaniamo in contatto amico mio”

Non è quello che mi ha detto esattamente ma era più tutto ciò che significava, credo che si sia preoccupato per me. Sono stato onorato di avere un messaggio personale del genere da qualcuno come Tom, che è una leggenda sportiva di Boston.

Sto ancora male, e sono ancora triste di trasferirmi. E sono sicuro che mi mancherà la mia famiglia Celtics. Ma ora vado a Cleveland e farò quello che devo fare. Ho intenzione di svolgere le mie cure. Potrebbe non essere la carriera che ho sognato di avere l’anno scorso, o anche il mese scorso ma quando ci pensi, è una grande opportunità. Non è mai stato il sogno, e non è mai stato quello che ti aspetti.

E forse è la risposta a tutto questo, sai cosa sto dicendo? Comunque sì, non sarò mai Tom Brady adesso. E non sarò mai David Ortiz. Non sarò mai Bill Russell, o Paul Pierce, o Kevin Garnett, o Larry Bird.

Mi piace immaginare che, a tratti, da qualche parte, da qualche parte a Boston, qualcuno sarà un genitore e starà parlando con il suo bambino. E chiederà a suo padre “perché sei diventato un fan di Celtics?”

E quel genitore penserà a se stesso. E poi sorridendo dirà la verità.

“Ho visto Isaiah Thomas giocare”.

Questo mi renderebbe molto felice. Per me, credo, sarebbe bastato.”