La Vuelle Pesaro saluta anche Ceron, e Bertone non rientra nei piani della società

Fonte: Corriere Adriatico di Camilla Cataldo

I tifosi di Pesaro attendono con ansia le operazioni in entrata, ma nel frattempo la Vuelle vede accasarsi i giocatori che hanno vestito i suoi colori di recente.

Come si vociferava da giorni, la Germani Brescia ha raggiunto un accordo con Marco Ceron, che andrà così a rinfoltire la panchina di un club solido e decisamente ambizioso.

Nel pomeriggio di ieri, il club pesarese ha emesso un comunicato per rendere ufficiale l’addio dell’ultimo capitano.

“La Vuelle e Marco Ceron hanno consensualmente rescisso il contratto in essere. La società ringrazia Marco per aver fornito il proprio contributo nelle tre positive stagioni trascorse insieme e gli augura le migliori fortune cestistiche e personali.”

È la chiusura di un ciclo e anche un risparmio economico, perché parte della cifra sarà investita sugli stranieri.

Ceron giocherà ancora al fianco del pivot Eric Mika, felicissimo della nuova destinazione.

“Entusiasta di annunciare che sto tornando in Italia! Leonessa Brescia”, scrive sui social l’ex lungo pesarese.

Arrivano per lui pure i complimenti di Pablo Bertone:

“Congratulazioni, zio!”, con lo stesso Mika che risponde: “Grrrrande Pablito!”. Anche Emmanuel Omogbo dice la sua: “Congratulazioni!”, mentre Taylor Braun commenta semplicemente: “Pesaro”.

Che l’ala voglia tornare in riva all’Adriatico? Di certo il rinnovo dell’americano sarebbe una bella notizia dopo le delusioni che hanno costellato l’estate. Però, almeno d oggi, le richieste del giocatore sono troppo alte per la Vuelle.

Difficilissimo, forse impossibile trattenerlo, mentre si allontana ormai in maniera definitiva Pablo Bertone, che ci risulta non rientrare più nei piani della società.

Sarebbe stato l’incastro ideale come cambio di Bruno Cerella, ma nel ruolo di uno e due titolari la società vuole puntare su due americani. Niente da fare, dunque, per l’italo-argentino.

A breve la società completerà il parco degli italiani, diventata ormai merce sempre più rara.

Riccardo Moraschini è il designato come cambio degli esterni. Scuola Virtus Bologna, ha avuto esperienze a Roma e a Trento in A, l’anno scorso era in A2 a Mantova.

Classe ’91, ha già lavorato con Coach Massimo Galli a Sant’Antimo nel 2011-2012 e in Nazionale e sarà quasi certamente lui il terzo italiano della rosa, piuttosto che Matteo Frassineti che dovrebbe giocare in Serie A a Cantù.

Il nono del roster sarà il lungo Simone Zanotti e il decimo un giovane del vivaio, forse Morgillo, che ha richieste masi vorrebbe utilizzare con il doppio tesseramento, facendogli fare esperienza anche in Serie B con la maglia di Senigallia.