“Le giovani hanno la lingua lunga e l’ultimo modello di cellulare sotto gli occhi”

Punto esclamativo

Una denuncia allargabile a tutti gli sport:

«In questi vent’anni di pallavolo ho attraversato quattro generazioni di atlete, sono stata la più piccola dello spogliatoio e ora sono la senatrice del gruppo. Le ragazze sono cambiate tanto rispetto a quando ho iniziato io a giocare. Ho giocato con molte ragazze brave e umili, ma negli ultimi anni spesso ci sono giovani ragazze che entrano in una squadra credendo che tutto gli sia dovuto, non hanno alcun rispetto di chi ha qualche anno in più di loro e ha una storia. Hanno la lingua lunga e il cellulare ultimo modello sempre sotto gli occhi. Quando ero giovane raccoglievo i palloni in palestra, cosa che mi sono portata tuttora. Mentre a molte che si sono affacciate da poco nel mondo della pallavolo non viene minimamente in mente di mettersi a raccogliere i palloni. A 18 anni rispondono a muso duro a persone di 40, io quando ne avevo 18 ascoltavo e sapevo stare al mio posto. Io capisco la voglia di essere giovani e sfrontati, ma bisogna avere rispetto. Soprattutto quando non hai ancora vinto niente nella vita. E comunque il rispetto bisogna sempre averlo, anche se hai avuto successo».

– Francesca Piccinini –