Le romane partono competitive, ma manca ancora uno straniero

Fabio Corbani

Fonte: Leggo a cura di Fabrizio Fabbri

Tre posti per il paradiso. E’ quanto mette in palio per la stagione 2018-2019 la Lega Due che regalerà a tre formazioni l’accesso alla scala mobile che conduce alla serie A. Occasioni ghiottissima che le due romane che si presenteranno ai nastri di partenza vogliono sfruttare. Almeno questo racconta la campagna acquisti di entrambe. L’Eurobasket, presa l’ala Damien Hollis, pupillo del nuovo coach Fabio Corbani, sonda il mercato dei piccoli Usa e ha inserito il play Tourè, il lungo senegalese, ma di formazione italiana, con Fall, Amici e Loschi. Manca uno straniero anche alla Virtus Roma e sarà certamente il pivot titolare. Intanto però al confermato coach Piero Bucchi è stato regalato il talento del play Nic Moore che dividerà la regia con Baldasso. Ci saranno ancora Chessa e Landi cui si aggiungono Saccaggi, Alibegovic, Santiangeli e il rientrate Sandri. La Virtus giocherà al PalaLottomatica mentre l’Eurobasket, in attesa della costruzione dell’impianto alla Fiera di Roma, sarà ospitata da Ferentino.