L’Olimpia in calo, per Coach Gamba troppi pick and roll e pochi contropiedi

Sandro Gamba (Foto Ciamillo-Castoria)

Fonte: Milano.Repubblica

Leggo di lodi all’Olimpia dopo la vittoria di Trento. Eh, però, bravi, bella reazione… Sarà. Io sono ancora disorientato per quel rovescio in Eurolega contro i lituani. Non riesco ad afferrare cosa sia successo, come e perché. E dire che l’ho vista dal parterre. Tutti a giocare male, nessuno a produrre una reazione agonistica. Armani in balia Troppi pick and roll e pochissimi contropiede della pressione dello Zalgiris sui portatori di palla e mai in grado di sporcare i loro passaggi dentro l’area. Anche difendendo a zona la squadra non ha mai avuto pressione e anticipo, punita negli angoli al primo ribaltamento di palla. Non c’è protezione della linea di fondo, non c’è tecnica né organizzazione difensiva a rimbalzo. È davvero difficile far peggio di così, salvando solo la voglia di Tarczewski e la vivacità di Goudelock. I lituani dell’Armarli? Pessimi, con Kalnietis a dare quattro metri di vantaggio al suo avversario e Gudaitis per una volta trasparente. Migliorare con Trento era doveroso, e almeno lì si è vista un’Olimpia più composta, messa meglio in difesa anche sulle linee di passaggio, che ha riscoperto l’utilità di Cinciarini e Cusin e – con molto piacere – i segnali di agonismo di Abass, che ce l’ha messa tutta pur con qualche sbavatura. Goudelock e Theodore alla fine hanno dato gli strappi decisivi, perché questa squadra continua a dipendere dalle sue guardie americane: se funzionano, la squadra gira, altrimenti non ci sono ritmo e aggressività. Quelli, li deve produrre tutta la squadra. Perché ancora pochissimo contropiede, pochi rimbalzi offensivi, nessuno che metta un corpo in difesa per prendere uno sfondamento? E perché quei continui pick and roll, troppi per i miei gusti, senza dare il pallone al pivot che taglia? Tutti indizi di una mentalità che, come si diceva ai miei tempi, l’è minga bùna. Va cambiata subito contro Valencia e Bamberg. Non c’è più da scherzare.