L’Orlandina Basket ripartirà da Laganà e Donda

Mazzon Andrea Foto Ciamillo-Castoria

Fonte: Giornale di Sicilia di Claudio Argiri

Ogni giorno potrebbe essere quello giusto per la fumata bianca sul matrimonio bis tra Orlandina basket e Andrea Mazzon, unitisi tardivamente per una fugace convivenza lo scorso 3 aprile ma che, pur a retrocessione non evitata, hanno deciso di comune accordo di proseguire in maniera più duratura il discorso già ben avviato qualche settimana fa.

Il nodo da sciogliere è legato principalmente alla durata del contratto che, ovviamente, il Coach veneziano avrebbe l’intenzione di estendere oltre al 30 giugno 2019.

Le tre promozioni in palio, complice la riforma dei campionati ed allargamento a 18 squadre della Serie A nel 2019 – 2020, lasciano margine di speranza anche a club come l’Orlandina anche se le nobili decadute Treviso, Verona, Siena, Bologna sponda Fortitudo, Udine e Roma restringono il campo delle possibilità.

Il veterano David Sussi ed uno tra Jorge Silva Suarez e Matteo Angoli sono i candidati come assistenti, mentre potrebbero restare anche il preparatore atletico Salvatore Poma ed il fisioterapista Biagio Di Giorgio.

Sul fronte marketing Rino Germana non dovrebbe spostarsi ed anzi assumere sempre più rilevanza all’interno dell’assetto societario, lì dove potrebbe trovare nuovamente spazio Pietro Scibetta come responsabile della comunicazione.

Passando al roster da comporre per una serie A2 di vertice, i due Sindoni, di concerto con Mazzon, stanno scandagliando il mercato degli italiani dove pescare quei giocatori utili al progetto, ripartendo dalla coppia Matteo Laganà e Andrea Donda, sotto contratto e punti cardine della panchina che verrà.

Nell’attesa bisognerà anche capire in quale dei due gironi di A2 l’Orlandina verrà inserita anche se questi saranno formati solo dopo la chiusura delle iscrizioni prevista per il 9 luglio, passando poi al vaglio del Consiglio Federale del 13 luglio, in funzione delle iscrizioni pervenute e con i relativi ripescaggi (Napoli e la perdente degli spareggi della B in programma nel weekend a Montecatini prime riserve dell’A2; Olginate e Robin- Varese in cima alla lista della B) a completamento del lotto delle aventi diritto nel caso di eventuali vacanze.

In A2 confermato in ogni caso per il 2018 – 19 e il 2019 – 20 il format Est-Ovest; possibile solo qualche minimo aggiustamento che coinvolgerà le squadre di frontiera (nel 2017-18 sono state divise le 5 lombarde) in funzione della retrocessione di Capo d’Orlando della promozione in A da assegnare tra Trieste e Casale Monferrato, e dei tre posti in A2 da assegnare tra Piacenza, Cento, San Severo e Cassino.