Mancinelli: “Alcuni auguravano la morte a Boniciolli…pur avendo fatto stagioni fantastiche”

Stefano Mancinelli

Fonte: bolognabasket.it

Il capitano della Fortitudo Stefano Mancinelli è stato intervistato in esclusiva da Damiano Montanari su Stadio, facendo il punto della situazione della squadra, anche dopo la questione Metano Nord. Ecco un estratto delle sue parole.

Come ha reagito il gruppo alla vicenda sponsor? La squadra è tranquillissima. Sono venuti a parlarci Muratori, Melloni, Carraretto e il presidente Christian Pavani. Non so esattamente cosa sia successo, ma hanno la nostra piena fiducia.
Personalmente ho sposato il progetto due anni fa parlando con Christian e con Muratori. Mi fido ciecamente di loro. Sono persone che tengono alla Fortitudo. È stato fatto tutto in buona fede. Sono tranquillo e carichissimo per giocare.

La squadra? Siamo all’inizio ed è difficile dirlo. Anche l’anno scorso eravamo partiti forte. Individualmente siamo un ottimo gruppo, in campo ci passiamo molto la palla e sappiamo giocare molto a basket. Vedremo tra qualche mese.

Perché l’anno scorso la Fortitudo non è salita in Serie A? Non so. McCamey è una bravissima persona, ma non è riuscito a dare quello che doveva darci. Non stata colpa solo sua. Però a giocare
38′ di media ogni due giorni in semifinale playoff, come è successo a me e a Rosselli, si fa fatica a vent’anni, non solo a trentacinque. Il problema è che siamo stati costretti a farlo perché la situazione era particolare. Così è difficile vincere un campionato.

La Fortitudo quest’anno è favorita? Siamo una buona squadra, ma non la favorita: partiamo poco sotto Treviso e Udine. Tutto dipenderà da noi. Se ci passeremo la palla e giocheremo come sappiamo, potremo ribaltare il pronostico.

Lenun è compatibile con Mancinelli? Mi sono stancato di queste cose che scrivono. Certo, avere accanto un lungo tiratore è meglio. Ma ho giocato anche anche con pivot verticali ed è sempre andata bene. Io e Leunen siamo stati compagni di squadra a Cantù. Con lui mi trovo benissimo.

Il passaggio da Boniciolli a Martino. Siamo tutti professionisti. Con Antimo il rapporto è super. Ma lo era anche con Matteo. Alcuni tifosi gli volevano bene, altri gli hanno addirittura augurato la morte… lasciamo perdere… Boniciolli ha fatto stagioni fantastiche alla Fortitudo.