Meo Sacchetti: “Con Torino gara decisiva”

Sacchetti

Fonte: La Provincia di Cremona di Di Fabrizio Barbieri

 

Tra le foto storiche Coach Meo Sacchetti si trova a suo agio.

Ieri la conferenza stampa prepartita è andata in scena nella sede di Ricambi Cremona di via Eridano.

“Ai tempi di Torino ci allenavamo spesso nel centro sportivo della Riv, storica azienda metalmeccanica. Parliamo di una realtà enorme.”

Il Coach poi si fa serio parlando della gara di domani: “Non abbiamo buoni ricordi di certo. La sconfitta nella semifinale di Coppa Iè ancora molto fresca. Detto questo puntiamo molto su noi stessi per fare una grande gara, senza pensare troppo agli avversari. Sarà un match importante se vogliamo coltivare ancora qualche speranza playoff.”

Quella Coppa brucia ancora…: “Ci avevamo fatto un pò la bocca. Sapevamo che la coppa sarebbe finita a una squadra ‘nuova’. Poi bisogna riconoscere anche i meriti altrui. Sono stati più bravi di noi in semifinale e più bravi di Brescia in finale.”

Torino in due gare vi ha battuto due volte. Un caso? Oppure è una squadra con caratteristiche che si accoppiano male con la Vanoli?: “La Fiat è una squadra che ha talento. Prima della Coppa Italia hanno inserito altri giocatori importanti. Parliamo di una squadra profonda, abituata a giocare in Europa. Di certo Torino ha prospettive più alte di Cremona in questo campionato. Credo che possa valere uno dei primi quattro posti della Serie A. Ma noi giochiamo in casa e voglio avere una risposta adeguata per un match cosi importante. Dobbiamo lottare per costruirci la possibilità di lottare fino alla fine della stagione. Tirare a campare per tutto il finale di certo non è nei miei programmi.”

Cosa teme della Fiat?: “La capacità di fare canestro. Sono lunghi, completi, pericolosi.”

Quota playoff?: “Non lo so. Non abbiamo fatto tabelle. Pensiamo dall’inizio dell’anno solo a una partita alla volta. So che vincendo questa gara avremmo ancora delle speranze. La considero una gara decisiva per noi in questa ottica. Da qui alla fine avremo cinque gare su nove in casa e dovremo cercare si sfruttarle al meglio.”

La Serie A è ancora in cerca di un padrone. Che idea si è fatto?: “Che la squadra più forte sia Milano. Credo abbiamo passato il momento più difficile. Da quando hanno perso il play Theodore si sono compattati. Possono sbagliare qualche partita, ma nei playoff con serie così lunghe credo sia molto improbabile che qualcuno li possa battere.”