NBA: Portland e tutta la lega piangono la morte di Paul Allen

Fonte: SkySport

 

Una triste notizia ha raggiunto la famiglia allargata della NBA: Paul Allen, proprietario dei Portland Trail Blazers, è scomparso nella notte all’età di 65 anni.

L’imprenditore, che era anche proprietario dei Seattle Seahawks di NFL e co-fondatore di Microsoft insieme all’amico Bill Gates, è deceduto a causa delle complicazioni legate a un linfoma non Hodgkin, malattia che aveva contratto nel 2009 e del quale aveva annunciato il ritorno circa un mese fa.

“Mio fratello era una persona straordinaria sotto tutti i punti di vista” – ha detto la sorella Jody in un comunicato della famiglia – “Molti lo conoscevano come uomo di tecnologia e filantropia, ma per noi era un fratello, zio e amico eccezionale”.

“Ci manchi. Ti ringraziamo. Ti vogliamo bene”: queste le tre parole scelte dai Trail Blazers sui propri social per commemorare la memoria del loro proprietario, che aveva acquisito la franchigia nel 1988 a soli 35 anni, portando la squadra alle Finali del 1990 (perse contro i Detroit Pistons di Isiah Thomas) e dl 1992 (perse contro i Chicago Bulls di Michael Jordan).

“Paul Allen era uno straordinario precursore, nel business, nella filantropia e nello sport” – ha detto il commissioner Adam Silver, citando le parole “trail blazer” come da nickname della franchigia – “Essendo uno dei proprietari di lunga data della NBA, Paul portava un senso di scoperta e di visione a tutte le questioni della lega, piccole o grandi. È stato generoso nel concedere il suo tempo e il suo lavoro alla commissione, e la sua esperienza ha aiutato a gettare le basi per la crescita internazionale della lega e nell’abbracciare le nuove tecnologie. È stata una voce di particolare valore, sfidando il pensiero convenzionale: ci mancherà moltissimo nella stagione che stiamo per cominciare.”