Occhio, Brescia non è più una sorpresa!

Diana Andrea

Fonte: Superbasket.it a cura di Giampiero Hruby

L’exploit di Brescia potrebbe essere il più clamoroso nella storia della serie A. Le sorprese sono una costante di ogni stagione ma Brescia potrebbe essere qualcosa di più di una sorpresa. La squadra non è stata il frutto di un mercato fortunato o particolarmente dispendioso. Brescia ha mantenuto la stessa ossatura di un anno fa quindi questo avvio di stagione sembra far parte di un processo di crescita nel tempo che forse solo Venezia può ritenere simile. Le aggiunte di Dario Hunt e Brian Sacchetti hanno migliorato quintetto e panchina. Così la prepotente crescita di Michele Vitali ormai giocatore da nazionale o da coppa europea. Brescia non fa le coppe quindi almeno per ora il Roster limitato non è un problema. Di sicuro sette vittorie non sono un caso e assicurano già un peso specifico alla classifica. Ad esempio per raggiungere la quota Final Eight sarebbe sufficiente vincere una delle restanti otto gare del girone di andata. Se nelle ultime 23 gare Brescia ne vincesse 12 quindi poco oltre il 50% chiuderebbe a 19 vittorie, abbastanza per finire tra le prime quattro. Il calendario potrebbe avere aiutato Andrea Diana: Brescia non ha incontrato nessuna delle prime quattro ma vale anche per Milano (Torino e Venezia si sono già affrontate ed è stata l’unica sconfitta della Reyer). Ma è anche vero che ha affrontato Avellino e Bologna in trasferta. La Virtus probabilmente vale più della sua posizione in classifica. Ora Brescia gioca in casa tre delle prossime quattro (tra queste figura Venezia). Significa che il 26 dicembre potrebbe presentarsi a Milano se non ancora imbattuta almeno in testa alla classifica. Incredibile o dobbiamo abituarci?