Primiceri e il primo grande progetto per l’Happy Casa Brindisi

Fonte: Il Quotidiano di Brindisi di Andrea Pezzuto

 

Maurizio Primiceri, amministratore delegato dell’azienda Primiceri Spa, leader nazionale e internazionale nella costruzione di quadri e apparecchiature elettriche per il mercato delle grandi infrastrutture e dell’oil and gas, dopo tre anni da gold sponsor della New Basket ha deciso, al pari di Mino Distante, di fare il proprio ingresso in società e dunque nel consiglio d’amministrazione.

L’imprenditore barese, però, non è nuovo al mondo del basket, avendo già ricoperto anni addietro il ruolo di presidente delle squadre maschili e femminili del capoluogo di regione.

Stimolato da Andrea Fanigliulo, direttore marketing dell’Happy Casa Brindisi, ha così deciso che fosse arrivato il momento di tornare a coltivare la sua grande passione, questa volta contribuendo alle sorti della maggiore squadra di basket della Puglia e del Mezzogiorno.

Primiceri, una vecchia passione per il basket che è tornata a divampare. Come è nata la decisione di entrare in società?: “Dopo tre anni di sponsorizzazione, di avvicinamento graduale a questa realtà, a un certo punto ho visto che il discorso si faceva veramente importante e che la società opera in maniera molto seria, così, come gruppo Primiceri, abbiamo deciso di effettuare un intervento più pesante, di rafforzare la società con l’auspicio di raggiungere traguardi importanti, spinti dalla passione per il basket e invogliati anche dalla prospettiva di costruire un nuovo palazzetto.”

Lei ha contribuito anche alla costruzione del San Nicola di Bari. Da addetto ai lavori, vede concreta la possibilità di realizzare il nuovo PalaEventi?: “Ci sono tutti i presupposti affinché questo nuovo PalaEventi possa essere costruito nel più breve tempo possibile. Noi siamo pronti a costituire una società di scopo, che possa costruire e gestire il nuovo palazzetto. Riguardo la location, si parla dei terreni attigui al PalaPentassuglia perché è quello il suo luogo naturale, ma non credo sia l’unica soluzione, perché la viabilità per arrivare a contrada Masseriola è pessima. Per questo credo che altri siti potrebbero risultare anche più appetibili. Faccio un esempio: la vicinanza di un centro commerciale potrebbe portare una maggiore affluenza. Il nuovo PalaEventi, insomma, ha tutte le potenzialità per divenire un’attrattiva per tutto il Salento. La New Basket è di Brindisi e deve rimanere a Brindisi, anche perché l’affetto per questa squadra non lo vedo altrove; è un tifo particolare e avvolgente.”