Simone Pianigiani: “Non è mai facile vincere su un campo come quello di Cantù. Grandissima impresa”

Pianigiani Simone

Fonte: La Provincia

 

Simone Pianigiani e la sua EA7 Milano ‘cancellano’ in parte la sconfitta di Firenze contro Cantù ma soprattutto, guardando all’attualità, difendono il primo posto in classifica infilando la nona vittoria consecutiva in campionato.

Qualche brivido nel finale ma in definitiva Milano è stata praticamente sempre avanti pur non riuscendo mai a chiudere del tutto il match, nemmeno quando si era guadagnata un vantaggio ben oltre i 10 punti.

“Una buona partita, ben giocata, la nostra; sapendo che non sarebbe stato facile contro la qualità di Cantù, oltretutto supportata dal suo pubblico. Non è stato semplice mantenere la giusta concentrazione per tutti i 40′ minuti, abbiamo giocato un primo tempo eccellente, con il solo neo del 6 su 14 ai liberi che ci ha impedito di avere un margine più ampio. E tutto questo in una partita nella quale abbiamo dovuto cambiare una volta ancora assetto: l’assenza di Micov è pesante per noi, non solo per il suo valore ma anche per gli equilibri che ci dà, e oggi avevamo anche Pascolo infortunato che si è reso si disponibile, e di questo lo ringrazio, ma che non era in condizione di giocare. Da qui ai playoff spero comunque di recuperare tutti, per intanto possiamo ‘sperimentare’ qualche molo in cui alcuni dei nostri non avevano mai giocato.”

Partita comandata da Milano, salvo poi nel finale vedere Cantù avvicinarsi parecchio:

“Sappiamo che loro possono produrre punti in poco tempo, però i 30 punti della Red October nel quarto finale sono arrivati anche per qualche errore nostro di troppo, alcune palle perse sono state davvero banali e anche da quelle Cantù ha trovato lo spunto per arrivarci a pochi punti, rischiando pure di raggiungerci.”