TOP100 2017: N. 66 Enrico Cassì

(consulente legale Olimpia Milano)

Fratello di Giuseppe, per un lungo periodo presidente della Giba, è il consulente legale della Olimpia Milano e rappresenta una risorsa che potrebbe servire a tutto il basket italiano vista la sua grande competenza a livello sportivo a tutti i livelli.

Ha curato alcuni dei casi più eclatanti della pallacanestro italiana dell’ultimo decennio, dal Lodo Becirovic che portò alla radiazione della Virtus Bologna nel 2003, sino alla vicenda Benetton relativa al caso Lorbek e alla ripetizione della gara Fortitudo-Montegranaro del 2009. L’ultimo rimasto nella storia è stato quello relativo al contestato “Premio di risultato” nella gestione di Lega targata Valentino Renzi, la cui interpretazione nella estate del 2012 ha portato a riconoscere il diritto di Venezia a disputare la Serie A, pur evitando la retrocessione di Teramo, poi comunque scomparsa alla fine della successiva stagione. Nato a Catania il 10 agosto1961, vive a Ragusa, è Avvocato Cassazionista. Come il fratello anche lui è un ex cestista: dopo più di vent’anni di pallacanestro giocata (è stato capitano della Virtus Ragusa), dal 1986 esercita con il fratello Giuseppe la professione Forense nello Studio Legale del padre, specializzandosi nel campo del diritto civile e del diritto sportivo. Ha prestato consulenze e difeso giocatori, tecnici, procuratori, arbitri, club professionistici e dilettantistici in centinaia di arbitrati sportivi e procedimenti disciplinari presso la Fip ed il Coni. Ha curato inoltre l’assistenza legale della Giba per quasi un decennio, sino al 2012.