TOP100 2017: N. 81 Angelo Costa

(Capo rubrica basket “Il Resto del Carlino”)

È ormai entrato nella cerchia dei giornalisti veterani del nostro basket: sulla breccia ormai da anni, insieme a Claudio Pea, Oscar Eleni ed Enrico Campana è una di quelle “penne” che l’ambiente del basket teme di più per i suoi corsivi sempre pungenti, acuti e critici che mettono alla luce le magagne del nostro basket.

In particolare, il suo commento del lunedì è uno degli appuntamenti più attesi: dopo il presidente di Lega Marino, quest’anno nel mirino c’è il nuovo dg Federico Zurleni, da lui battezzato “Mago Zurleni”.

Reggiano, ottima conoscenza del gioco e degli intrighi di Palazzo, ha avuto per anni la tendenza a dividere il mondo del basket tra gli amici e i nemici. Sta però cambiando e lo conferma il riconoscimento dei meriti del club di Reggio Emilia che, pure, ha dovuto arrivare a sfiorare lo scudetto in due stagioni di fila per vedere riconoscere i suoi meriti, scontando secondo i maligni, un peccato originale e cioè l’esonero nel 2003, di Luca Dalmonte, grande amico di Costa. Ora per Costa è proprio il club reggiano, grazie alla sua identità e alla scelta di valorizzare gli italiani, il modello da seguire per ridare slancio al basket italiano.