TOP100 BN 2019: n.39 Massimo Faraoni

Massimo Faraoni

n.39 Massimo Faraoni (Segretario generale LNP) 

 

Livornese, è stato recentemente al centro delle polemiche cittadine a causa della ventilata poi rientrata candidatura della città ad ospitare una gara dell’Italia nel prossimo febbraio. Una polemica che l’ha visto ai ferri corti con la amministrazione comunale della città, in cui è cresciuto come dirigente. Insieme al presidente Pietro Basciano e al consulente Pino Gonella ha predisposto la bozza di progetto, condivisa insieme alla Lega Basket di Serie A, che ha ridisegnato il basket italiano dalla prossima stagione, partendo come base dalle tre promozioni che sono finalmente state ottenute sul tavolo della trattativa con la Fip e le lega maggiore a partire dalla stagione 2018-19. Merito anche del suo ruolo di abile mediatore e profondo conoscitore dei corridoi federali, si conferma così uomo chiave nel momento in cui Pietro Basciano consuma il secondo mandato alla guida della seconda lega italiana. Profilo tecnico più improntato ai rapporti con i club e alla gestione quotidiana rispetto a quella precedente. La sua ultima esperienza in un club è stata alla Virtus Bologna dove fungeva da contr’altare al funambolico Claudio Sabatini, prima di uscire di scena con l’avvento della nuova proprietà. Livornese, uomo simbolo della grande ascesa del Don Bosco Livorno, ha creato una grande rete di rapporti con il mondo federale, a partire dall’epoca in cui era presidente Fausto Maifredi di cui era divenuto un importante punto di riferimento. Una grande capacità di relazionarsi, unita ad una grande conoscenza dei regolamenti, è ciò che Faraoni ha portato in dote a Basciano e lo rendono punto di riferimento imprescindibile nella LNP.