TOP100 BN 2019: n.40 Mario Canfora

Mario Canfora (a destra) Foto Ciamillo-Castoria

n.40 Mario Canfora (giornalista della Gazzetta dello Sport)

Lo scoop con cui ha anticipato la grave crisi societaria della Scandone Avellino a cui ha fatto seguito, il giorno successivo, il sincero “outing” del patron De Cesare, è solo l’ultimo dei colpi che ha messo a segno il giornalista napoletano; tutto questo grazie ai buoni uffici nel palazzo romano della Fip, da cui evidentemente sono flltrate le notizie sui ritardi dei pagamenti Comtec del club irpino. Canfora aveva anticipato nei mesi scorsi l’altra grave crisi del basket italiano, andata in scena a Cantù con il patron Gerasimenko in uscita dopo alcune stagioni in altalena e tanti punti interrogativi improvvisamente usciti allo scoperto. Grande amico del nuovo direttore marketing di Lega Marco Aloi, da sempre con la tendenza a salire in cattedra, perennemente nel mirino del temutissimo Claudio Pea, in passato Canfora è stato protagonista di qualche “scivolata”:  una per tutti, aveva bacchettato il presidente di Lega Egidio Bianchi per la perdurante assenza dello title sponsor del campionato, proprio il giorno prima che la Lega annunciasse Postemobile come nuovo abbinamento triennale. Resta il fatto che è lui a parlare con il “palazzo” dove si è ritagliato il ruolo di interlocutore privilegiato del Presidente Petrucci e in generale del mondo federale, dove vanta ottime amicizie che gli permettono di arrivare spesso per primo sulle notizie “istituzionali”.