TOP100 BN 2019: n.51 Aldo Vanoli

Aldo Vanoli

n.51 Aldo Vanoli (Presidente Vanoli Cremona)

Riceverà il prossimo febbraio l’Oscar del Basket “Premio Reverberi” come riconoscimento alla carriera e per il contributo dato al basket in questi anni. Un ulteriore “madaglia” dopo che la scorsa estate aveva visto premiati  i suoi sforzi con il ripescaggio in seguito alla esclusione della Juvecaserta. Scegliendo il futuro coach della Nazionale Meo Sacchetti per la risalita dalla A2 insieme ai cugini Diener aveva comunque dimostrato di volere mettersi subito alle spalle una stagione negativa preparando la pronta risalita. La sua Vanoli si è dimostrata all’altezza, conquistando subito i playoff e bissando i successi della stagione 2016-17 che aveva portato la sua Vanoli nella storia, conquistando per la prima volta i play off scudetto, seguendo il precedente raggiungimento (anche in questo caso per la prima volta nella storia de club) della Final Eight di Coppa Italia. Questo grazie ad investimenti importanti sia sugli italiani con la coppia Vitali-Cusin sia negli stranieri (Elston Turner), perseguendo una strategia di progressivo rafforzamento tecnico e societario. Poi la decisione di ridimensionare parzialmente questi obiettivi, lanciando talenti dalle minors come Biligha (poi divenuto un big azzurro) e con tante scommesse nel reparto degli americani. Un rischio che non aveva pagato e terminato con la retrocessione. Titolare della azienda di ferramenta che porta il suo nome a Soncino, alle porte di Cremona, per anni Vanoli ha fatto coppia con Secondo Triboldi nel sostenere la società di Cremona.