Un altro k.o. in Europa per Torino; contro Andorra finisce 83-77

Fonte: Torino Cronaca di Roberto Levi

 

La bella Fiat Torino di qualche settimana fa non c’è più. Era necessario un successo per essere praticamente certa di superare il primo turno di EuroCup e invece sul campo del MoraBanc Andorra subisce la quarta sconfitta consecutiva (77-83).

Per l’Auxilium è necessario vincere a tutti i costi mercoledì prossimo al PalaRuffini contro i francesi del Levallois Metropolitans.

Luca Banchi si affida a Garrett, Vujacic, Patterson, Mazzola e Mbakwe.Trascorrono 20″ secondi e la guardia slovena realizza una tripla. Dopo una serie di tiri sbagliati, gli ospiti ampliano il vantaggio con Garrett, ma gli spagnoli ricuciono e passano a condurre con quattro punti di Blazic e due di Stevic.

Poi ancora errori, da una parte e dall’altra. Karnowski incrementa, prima dei centri di Garrett e Vujacic dalla media e di Washington dalla lunga che siglano il nuovo sorpasso (8-12).

All’acuto da lontano di Jelinek risponde Vujacic con una doppia, seguita da due liberi e un altro canestro di Diagne. Si chiude dunque con i padroni di casa avanti per 15-14 un primo quarto dal punteggio basso.

Si riparte e Jelinek insacca da due. Blazic è preciso da oltre l’arco e alimenta il primo tentativo di fuga (21-16), arginato da Washington e Iannuzzi dalla lunetta. Arriva però il break di 10-0 firmato da Blazic, Fernandez e Stevic (35-25).

Stephens trova la tripla che rompe il digiuno di quasi 2′ minuti e l’ispirato Fernandez ribatte con la stessa moneta. Dalla lunetta si sblocca il neoacquisto Copeland e il margine sale in doppia cifra (40- 29). All’intervallo lungo il parziale è di 42-31 per Andorra, con la Fiat in palese difficoltà.

In apertura di secondo tempo i gialloblu risalgono la corrente grazie a Mbakwe, Garrett e Patterson, ma vengono rispediti indietro da Blazic, Walker, Albicy e Diagne (51-37). Albicy e Jelinek imperversano da tre e il MoraBanc raggiunge il massimo vantaggio di 15 punti.

La reazione d’orgoglio dei torinesi non si fa attendere e Vujacic, Garrett, Washington e Patterson guidano la rimonta. Il gap da recuperare al 30′ minuto è di soli tre punti (62-59).

Nel quarto conclusivo segnano però solo Karnowski e Walker (69-59) e per vedere la Fiat a bersaglio con due liberi di Garrett bisogna attendere quasi cinque minuti. Nonostante tutto, i sussulti di Vujacic, Patterson e Garrett regalano l’ultima speranza (80-77), che purtroppo rimane tale.

I liberi di Fernandez a 7 ” secondi dalla sirena fanno calare il sipario.