Vacirca è sempre più vicino alla Vanoli Cremona

Fonte: La Provincia di Daniele Duchi

 

Continua a non trapelare alcuna novità da casa Vanoli.

La società è ancora in attesa di ufficializzare i nominativi delle due nuove figure che entreranno a far parte dell’organigramma dirigenziale, un direttore sportivo e un consulente esterno che avrà il compito di occuparsi del mercato giocatori, rapportandosi con la proprietà e il Coach Meo Sacchetti.

Per quanto riguarda il D.S., dovrebbe ormai arrivare a ore la decisione del candidato individuato dal club e che si è preso qualche giorno di tempo per trovare una soluzione adeguata alla gestione di una propria attività extra cestistica.

Se in questo caso la soluzione definitiva non è ancora arrivata, pare, ma, ripetiamo, non c’è ancora nessuna ufficializzazione, che invece sia andata a buon fine il discorso legato al consulente esterno per il mercato.

Figura individuata in quel Gianmaria Vacirca (classe 1971) che è figura poliedrica nell’ambito della pallacanestro italiana (avendo lavorato in ruoli diversi per più società), ma soprattutto con un passato a fianco di Coach Meo Sacchetti con il quale ha lavorato prima a Castelletto Ticino e poi a Capo d’Orlando.

Tra l’altro, oltre ad avere uno stretto legame con l’allenatore cremonese, Vacirca è stato il dirigente che, proprio ai tempi di Castelletto Ticino, si deve nel 2006 l’arrivo in Italia di Drake Diener, giocatore sul quale in quel momento nessuno avrebbe puntato essendo reduce da uno stop forzato e dalle cure a causa della malattia di Crohn, salvo poi diventare uno dei giocatori più importanti del campionato italiano, con la conquista di Mvp del campionato 2013- 14 con Sassari.

Vacirca sarebbe già entrato nel ruolo e intrapreso i colloqui con i vari procuratori, in modo di consentire alla Vanoli di poter chiudere le varie trattative sul tavolo.

In questo senso, ieri è rimbalzata la notizia da Brescia che la società del patron Aldo Vanoli sarebbe interessata a Lee Moore, guardia statunitense classe 1995, 193 cm di altezza, reduce da due stagioni giocate in maglia Germani (62 gare disputate, 668 punti realizzati a 11.1 di media, con il 53.4% da due e 33.6% da tre, e 4.7 rimbalzi per partita).

Possibile che Coach Sacchetti, che vorrebbe in rosa giocatori stranieri con acquisita esperienza nei campionati italiano o europei, abbia chiesto referenze al figlio Brian che con la guardia statunitense ha giocato nell’ultima stagione.

A Moore sarebbero interessate anche due ambiziose formazioni di A2 quali Verona e Forlì.